[SEGNALAZIONE] Il marchio dell’Innocenza di Cristina Del Tutto

Vi segnalo l’uscita del romanzo storico di Cristina Del Tutto intitolato “Il marchio dell’Innocenza”

Salve a tutti!

Copertina romanzo storico "Il marchio dell'Innocenza"

Ricevo e molto volentieri pubblico la segnalazione relativa all’uscita del “romanzo storico più atteso del momento“, ossia “Il marchio dell’Innocenza” di Cristina Del Tutto edito da Aracne Editrice nella collana Le trame di Araneus.

Per potervi fornire la miglior informazione possibile riporto di seguito il comunicato ufficiale:

BIOGRAFIA
Cristina Del Tutto

Cristina Del Tutto, nata nel 1975, vive a Roma dove lavora come consulente politico e parlamentare. Scrive da anni articoli di attualità e analisi politica. È una ghostwriter e autrice di sceneggiature, opere teatrali e poesie.

PRESENTAZIONE LIBRO PER GIORNALISTI

Copertina romanzo storico "Il marchio dell'Innocenza"Inghilterra, metà del XIII secolo. Il potere di Enrico III è destabilizzato dalla seconda
rivolta dei baroni, che tentano in ogni modo di imporre dei limiti allo strapotere del Re. Il
principe Edoardo approfitta di questo conflitto per rivendicare il suo ruolo di erede al
trono d’Inghilterra, che anni prima, ancora fanciullo, era stato compromesso da una lunga
malattia. Mentre le sue ambizioni lo spingevano verso un’inarrestabile conquista del
potere, i suoi sentimenti erano saldamente uniti a quelli di Gloriana Midmay, figlia di Lord Arthur Midmay, Conte di Lincoln e consigliere fidato di Re Enrico. Un amore proibito, dal quale il giovane principe non voleva e non riusciva a sottrarsi. Il matrimonio di Edoardo con la principessa Eleonora di Castiglia, però, separa le vite dei due giovani. Il Conte di Lincoln allontana dall’Inghilterra sua figlia, per proteggerla dalle attenzioni del principe e salvaguardarne l’onore, ma il fato metterà i destini di Edoardo e Gloriana ancora una volta sulla stessa strada. Quando Gloriana, ormai donna, fa ritorno a casa scopre che i ricordi che del suo paese aveva conservato le erano diventati poco familiari e, soprattutto, che Edoardo era diventato un uomo molto diverso da quello che anni prima era convinta di aver amato. Inevitabilmente, le vicende amorose di Edoardo e Gloriana vengono travolte dagli avvenimenti conseguenti alla ribellione dei baroni, che ben presto generò dilaganti e pericolosi conflitti in diverse parti del regno. Con uno stratagemma Gloriana viene tratta in inganno e utilizzata come esca per ordire un tranello ai danni del principe Edoardo per indebolire la corona. A quel punto, la battaglia di Corbury innesca una miccia di violenza in tutto il paese. La comunità ebraica di Corbury viene accusata di aver finanziato i baroni e in tutto il regno le persecuzioni contro gli ebrei, già accusati di omicidi rituali e di usura, vengono sostenute dalla casa reale. Il Cardinale Ottobono Fieschi, zio di Gloriana e cognato del Conte di Lincoln, viene inviato da Papa Alessandro IV in Inghilterra per persuadere il sovrano a interrompere l’ondata di odio razziale, e far rispettare la Bolla papale che dichiarava infondate le accuse mosse contro gli ebrei.
L’incontro tra Gloriana e Robert Roth, un giovane mercante di stoffe ebreo di Corbury, scuote la coscienza della ragazza che si ribella alla miseria e all’ingiustizia che dilaga nel paese. Per proteggere Robert e la sua famiglia Gloriana arriva a sfidare anche l’autorità di suo padre, ma quando il principe Edoardo scopre i sentimenti di Gloriana per Robert, accecato dal risentimento, scaglia il suo odio sul popolo ebraico.

Grazie di cuore a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e arrivederci alla prossima occasione!

Buon pomeriggio e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Copertina romanzo storico "Il marchio dell'Innocenza"

Annunci

La staffetta delle valli

Presentazione del nuovo romanzo di Patrizia Marzocchi

Salve a tutti di nuovo!

La staffetta delle valli di Patrizia Marzocchi

In questo nostro secondo incontro di venerdì voglio presentarvi un libro che mi è stato segnalato direttamente dall’autrice. Si tratta del romanzo “La staffetta delle valli” di Patrizia Marzocchi, insegnante e scrittrice di libri per ragazzi di Bologna edito da Il Mulino a vento, casa editrice che fa parte del Gruppo Editoriale Raffaello.

Come sempre faccio, per rendere più completa ed esaustiva questa presentazione pescherò sia dalla scheda del romanzo inviatami dall’autrice, che dalla pagina che al libro è dedicata dal sito personale dell’autrice. Da qui vi proporrò, in particolare, la trama del romanzo e alcuni spezzoni che dal romanzo sono tratti.

Ma procediamo con ordine e iniziamo questo nostro viaggio all’interno del romanzo “La staffetta delle valli” di Patrizia Marzocchi, edito da Il Mulino a vento, casa editrice che fa parte del Gruppo Editoriale Raffaello iniziando dalla trama del romanzo:

La staffetta delle valli di Patrizia Marzocchi

La narrazione inizia il 2 giugno 1946, il giorno del referendum monarchia- repubblica, la prima occasione in cui le donne possono votare.
Rosa racconta la sua storia.
E’’ una ragazzina durante la seconda guerra mondiale e vive in una casa contadina nelle valli di Ravenna. Fin da piccola ha avuto un rapporto molto forte con il padre pescatore, ha imparato a muoversi nei canali come una vera esperta e questo le sarà estremamente utile durante la lotta partigiana.
La sua infanzia è stata caratterizzata anche da una intensa amicizia con altri ragazzi che vivono nelle vicinanze con i quali ha condiviso una vera e propria lotta tra bande. Il loro gruppo è noto come “I sei delle trecase”. Sono molto uniti nonostante le differenze sociali. Due di loro, infatti, sono nipoti del conte, e la loro condizione sociale è molto diversa rispetto alla sua. Rosa ha un legame particolare con Ernesto, che è riuscito a inserirsi nelle uscite in barca con lei e il padre.
La barca continuerà per loro a essere un luogo di incontro anche quando la vita li dividerà.
La madre di Rosa è una donna combattiva che ha pagato di persona la sua avversione al fascismo e che influenza con le sue idee di libertà il figlio Giacomo. Rosa invece inizialmente ha lo stesso atteggiamento del padre nei confronti delle vicende politiche: assoluta indifferenza.
Gli eventi però travolgono la sua vita e la sua coscienza. Arrivano i tedeschi nella sua terra e il gruppo di amici si ritrova diviso. La famiglia del conte ospita nella villa gli invasori, mentre nella casa di Rosa comincia ad avere luogo una attività clandestina che lei non comprende ma rispetta e protegge. Le vecchie amicizie si rompono, Ernesto oramai frequenta i nemici.
Eventi drammatici mettono in comunicazione Rosa con i partigiani e lei scopre un modo per rendersi utile (contro il parere della madre): sarà la staffetta delle valli. La sua esperienza di pesca l’ha resa esperta conoscitrice di ogni angolo dei canali e le permette di fare la spola tra la terraferma e l’’Isola degli Spinaroni, dove ha sede il comando dei partigiani di Bulow, portando persone, messaggi, viveri.
Diventa la partigiana Giò. Lei ha scelto come nome di battaglia quello della sua eroina del romanzo “Piccole donne”, Jo, che però viene modificato dalla pronuncia locale.
Prima che gli eventi arrivino a una conclusione, Rosa dovrà ancora fare i conti con lutti, tradimenti e un colpo di scena inaspettato.

Nel frattempo, a Napoli nasce un cane, un labrador nero. La sua vita si prospetta molto confortevole e fortunata, perché inizia nella bella villa di una ricca famiglia, assieme alla mamma e ai fratellini.
Le cose però cambiano drammaticamente quando una bomba distrugge la sua casa e il cane, che non ha avuto il tempo di ricevere un nome, si ritrova a vagare da solo, ancora cucciolo, nel corso della battaglia tra gli abitanti di Napoli e i tedeschi.
Nessuno ha tempo, né energie, né risorse per dedicarsi a lui, però qualche anima buona gli dedica una carezza distratta e gli allunga un po’’ di cibo.
La svolta avviene quando incontra un soldato inglese, chiamato Lord dal suo amico scozzese, che si affeziona al cucciolo perché assomiglia a quello di sua moglie.
Il cane vive alcuni mesi felici al comando alleato di stanza a Napoli. Non ha ancora un nome, ma ha un padrone, il cui odore riconosce tra tutti.
Lord però deve lasciare Napoli per raggiungere il fronte a Cassino. Si preoccupa del futuro del cane, mettendolo in buone mani, ma lui ha un solo obiettivo: il suo padrone.
Lo segue, nonostante il terrore per le bombe, lungo tutta la penisola, perdendo a volte la strada e poi ritrovandola.
Il suo viaggio si concluderà nelle Valli, la terra di Rosa.

Proseguiamo quindi ora con la scheda del romanzo:

La staffetta delle valli di Patrizia Marzocchi

1943: Rosa vive nelle Valli di Ravenna, adora il padre pescatore e ha amici molto cari con i quali forma una vera e propria banda. La guerra però travolge la sua vita portando con sé il dolore; i tedeschi invadono la sua terra, nessuno è più al sicuro, anche piccoli gesti possono avere conseguenze drammatiche.

I rapporti tra le persone cambiano in modo imprevedibile: coloro che un tempo erano amici fraterni ora sono nemici pericolosi.

Rosa diventa una staffetta dei partigiani, tiene i collegamenti con la sua piccola barca.

La brutalità della guerra entra nel mondo dei protagonisti, sconvolge i loro sentimenti e i loro rapporti, mette a nudo i lati peggiori dell’animo umano. Talvolta però esalta qualità imprevedibili, trasformando persone comuni in eroi disposti a sacrificarsi nel nome di un bene superiore.

Ed ora, per concludere in maniera pienamente invogliante, ecco a voi alcuni assaggi tratti dal romanzo:

La staffetta delle valli di Patrizia Marzocchi

La cosa più bella della mia infanzia sono stati gli amici.

La cosa più terrificante della mia infanzia è stato avere mia madre come maestra.

(tratto da pag. 15)

*********

Tutto cambiò dentro di me una notte d’inverno in cui la neve aveva coperto ogni cosa, regalando un’effimera illusione di pace.

(tratto da pag. 43)

*********

Le lacrime mi scesero e si confusero con la pioggia.

E così dissi le parole che credo mi bruceranno per sempre nella memoria.

– Lui è una spia! -, urlai nella notte.

(tratto da pag. 104)

Dite la verità! Vi ho ingolositi e invogliati, vero?

E allora cosa state aspettando! Correte subito ad acquistare la vostra copia de “La staffetta delle valli” di Patrizia Marzocchi edito da Il Mulino a vento!

Grazie infinite per l’attenzione e la pazienza che, una volta ancora, mi avete dedicato e arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura, magari proprio con “La staffetta delle valli” di Patrizia Marzocchi edito da Il Mulino a vento!

Con simpatia! 🙂

La staffetta delle valli di Patrizia Marzocchi

iriseperiplo.wordpress.com/

Tutte le mie recensioni, ricette e letture

Leggendo a Bari

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri”

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Habla italiano

Recursos para aprender italiano online

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

favolesvelte

Il mio mondo è fatto di disegni e fotografie, filastrocche, poesie e racconti che invento per gli adulti e per i bambini - Favolesvelte è anche un libro edito da Golem Edizioni, nato dalle 365 storie in 365 giorni pubblicate in questo blog nel corso del 2014 - Spot stories of a psychotherapist/Valeria Bianchi Mian - Licenza Creative Commons FAVOLESVELTE - SPOT STORIES di Valeria Bianchi Mian è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

I piaceri della lettura

Leggere è come vivere decine e decine di altre vite