Massimo Tallone a Book in Jazz al Capolinea 8

Massimo Tallone sarà ospite della nuova tappa di Book in Jazz al Capolinea 8

Salve a tutti!

Eccomi di nuovo tra voi per un’incursione notturna. Questa volta l’occasione mi è offerta dalla nuova tappa di Book in Jazz al Capolinea 8, la manifestazione curata dal giornalista e romanziere Andrea Monticone in programma per domani, sabato 10 dicembre 2016. Stavolta ospite della serata sarà Massimo Tallone il quale, a partire dalle ore 21.00, presenterà il proprio ultimo romanzo “Il cadavere volubile” edito dalla Fratelli Frilli Editori nonché le proprie pubblicazioni inserite nel catalogo della Golem Edizioni.

Allo scopo di fornirvi tutte le informazioni utili circa questo nuovo evento riporto di seguito l’e-mail ricevuta dalla Libreria Golem:

Book in Jazz al Capolinea 8 del 10 dicembre

Buongiorno carissimi,
continua “Book in Jazz” al Capolinea 8, il ciclo di incontri con scrittori a cura del giornalista e romanziere Andrea Monticone.

Sabato 10 dicembre alle ore 21 Massimo Tallone presenterà il suo nuovo romanzo Il cadavere volubile (Fratelli Frilli Editori)
e i suoi titoli Golem Edizioni!

Massimo Tallone, nato a Fossano, nel cuneese, abita e scrive a Torino dove ha fondato la scuola di scrittura e di comunicazione “Facciamo la Lingua”. È autore di numerosi saggi e romanzi editi da F.lli Frilli, e/o, UTET, etc. Con Golem Edizioni ha pubblicato A bottega dal maestro di cazzeggio(2015). Collabora con “La Repubblica” ed è cofondatore del collettivo di scrittori ToriNoir. Tra i suoi successi più importanti ricordiamo Il fantasma di Piazza Statuto e Il diavolo ai giardini Cavour(entrambi pubblicati da e/o), Le vite anteriori (Golem Edizioni) conclude la trilogia.

A seguire, il concerto “SCOTT HAMILTON con Max GALLO 4tet”: Scott HAMILTON (Sax Tenore), Gianni CAZZOLA (Batteria), Max GALLO (Chitarra), Davide CALVI  (Pianoforte), Giorgio ALLARA (Contrabasso).

Locandina manifestazione Book in Jazz al Capolinea 8

… E dal 2017 tante altre novità! #StayTuned

Grazie per l’attenzione e buona serata!

Invitandovi a non mancare a questa nuova tappa di Book in Jazz al Capolinea 8 ringrazio tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione che mi avete nuovamente dedicato e vi do l’arrivederci alla prossima occasione!

Buonanotte e, come sempre, Buona lettura, meglio ancora se con i romanzi di Massimo Tallone!

Con simpatia! 🙂

Fiabe in Rosso

Mostra di illustrazioni presentata da Golem Bookshop e Verba volant Edizioni

Salve a tutti voi di nuovo!

Eccoci al terzo dei due incontri annunciati oggi pomeriggio (non è l’effetto della birra bevuta a cena ma una semplice constatazione!) sempre riguardante un interessantissimo evento culturale. In questo caso si tratta di

una mostra, che rimarrà aperta e visitabile dal venerdì 9 dicembre 2016 a venerdì 16 dicembre 2016 e che presenterà al pubblico le tavole tratte dal libro “Fiabe in Rosso. E se fosse Biancaneve a salvare il principe?” edito da Verba volant Edizioni.

La mostra sarà inaugurata venerdì 9 dicembre 2016, a partire dalle ore 18.45. All’inaugurazione saranno presenti l’autore dei testi del libro, Lorenzo Naia, l’illustratrice del libro Roberta Rossetti e la psicologa Valentina Mossa.

Com’è mia abitudine, allo scopo di garantirvi un’informazione la più completa ed esaustiva possibile, riporto di seguito il testo del comunicato inviatomi dalla Libreria Golem:

Carissimi,
siamo lieti di invitarvi al prossimo
appuntamento in libreria!

Locandina Fiabe in Rosso

Vi aspettiamo!

Grazie per l’attenzione e buona serata!

Invitando tutti voi a partecipare a questo imperdibile evento ringrazio tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione che mi avete nuovamente dedicato e vi do l’arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Maurizio Blini a Book in Jazz

Maurizio Blini e il suo nuovo romanzo protagonisti della prossima tappa di Book in Jazz al Capolinea 8

Salve di nuovo a tutti voi!

Maurizio Blini ospite a Book in Jazz al Capolinea 8

Rieccomi tra voi per presentare la nuova tappa di Book in Jazz al Capolinea 8 che vedrà protagonista Maurizio Blini e il suo nuovo romanzo “Rabbia senza volto” edito dalla Golem Edizioni. Questa nuova presentazione avrà luogo sabato 3 dicembre 2016, a partire dalle ore 21.00. Per presentarvi al meglio questo nuovo interessantissimo evento riporto di seguito l’e-mail inviatami dalla <Libreria Golem, organizzatrice della presentazione:

Maurizio Blini ospite a Book in Jazz al Capolinea 8

Buongiorno carissimi,
continua “Book in Jazz” al Capolinea 8, il ciclo di incontri con scrittori a cura del giornalista e romanziere Andrea Monticone.

Sabato 3 dicembre alle ore 21 Maurizio Blini presenterà il suo romanzo Rabbia senza volto (Golem Edizioni).

Maurizio Blini è nato a Torino nel 1959. Ex poliziotto, laureato in Scienze dell’investigazione all’università dell’Aquila, è co-fondatore dell’associazione di scrittori subalpini Torinoir. Il suo sito èwww.maurizioblini.it
Pubblicazioni Giulia e altre storie Ennepilibri Editore (2007), Il creativo Ennepilibri Editore (2008),L’uomo delle lucertole A&B Editrice (2009), Il purificatore A&B Editrice (2011), Unico indizio un anello di giada Ciesse Edizioni (2012), R.I.P. (Riposa in pace) Ciesse Edizioni (2013), Fotogrammi di un massacro Ciesse Edizioni (2014), Figli di Vanni (con G.Fontana) Golem Edizioni (2015)
A seguire, il concerto “Felice REGGIO Trio – CHET’S SOUND”. Presentazione del nuovo CD di Felice Reggio con la sua raffinata tromba accompagnato dalla chitarra di Massimo CURRO’ e dal contrabbasso di Manuele DECHAUD.

 

Locandina della presentazione in programma sabato 3 dicembre 2016

 

Il prossimo appuntamento:

10 dicembre: Massimo Tallone, Il cadavere volubile (Fratelli Frilli)

… E dal 2017 tante altre novità! #StayTuned

Grazie per l’attenzione e buona giornata!

Se volete godervi una serata di buona musica e bei libri non fatevi sfuggire l’occasione di partecipare a questo evento!

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione che mi avete nuovamente prestato e arrivederci alla prossima occasione!

Buon pomeriggio e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Notizie dal 72° parallelo

Alfredo Rienzi presenta il proprio libro al Golem Bookshop

Salve a tutti e buon inizio di settimana!

Torno tra voi per darvi notizia di una nuova presentazione. Si tratta della presentazione del libro di Alfredo Rienzi intitolato “Notizie dal 72° parallelo” pubblicato da Joker Edizioni che sarà protagonista di giornata mercoledì prossimo, 13 aprile 2016, a partire dalle ore 18.00, presso Golem Bookshop al numero n. 16/a di via Santa Giulia a Torino.

Per fornirvi le informazioni più complete ed esaustive, come sempre faccio in questi casi, riporto di seguito il testo dell’email ricevuta nella mattinata di oggi da Golem Bookshop:

Mercoledì 13 aprile 2016, ore 18
presso Golem Bookshop
Via Santa Giulia n. 16/a – Torino

Joker Edizioni
con
Daniele Gigli e Luca Borrione

presentano

NOTIZIE DAL 72° PARALLELO
Poesie

di Alfredo Rienzi

 

Alfredo Rienzi, poeta e saggista, è nato nel 1959 e vive a Torino. Nel 1993 la silloge Contemplando segni è stata pubblicata in Sette poeti del Premio Montale (Scheiwiller, 1993, con prefazione di M. L. Spaziani). I successivi volumi di poesia sono: Oltrelinee (Edizioni dell’Orso, 1994), Simmetrie, (Joker, 2000, con prefazione di F. Pappalardo La Rosa). Custodi ed invasori (Mimesis-Hebenon, 2005), in parte confluiti ne La parola postuma. Antologia ed inediti(Puntoacapo, 2011, Premio Nazionale per l’Editoria della Poesia). Ha tradotto testi di Leopold Sedar Senghor, in Nuit d’Afrique ma nuit noire – Notte d’Africa mia notte nera, a cura di A. Emina (Harmattan Italia, Torino-Paris, 2004). È inoltre autore del volume di saggi letterari Del qui e dell’altrove nella poesia italiana moderna e contemporanea(Edizioni Dell’Orso, 2011).
Biobibilografia completa ed aggiornata su www.larecherche.it

Daniele Gigli, lavora come archivista documentalista e consulente di comunicazione. Poeta e studioso di T.S. Eliot, collabora con «Il sussidiario», «Biblioteca di via Senato» e «Studi cattolici». Ha pubblicato diversi libri di poesia, ultimo dei quali è Fuoco unanime, Raffaelli. Ed., 2015.

Luca Borrione, laureato in Filosofia, insegnante di Filosofia/Storia nei Licei, studioso di poesia e co-fondatore del foglio trimestrale di poesia Amado mio.

Irostene di Sitzia
Imparo a farmi acqua
contro la lama della spada
aria al morso dei lupi che invadono le soglie del visibile
il tragitto dell’arma mi attraversa
come la mano il fumo dell’incenso
imparo a farmi chiarore
all’occhio calunnioso del corvo

J. G. a sua figlia Miriam
Che tu possa attraversare questo campo
d’oltretempo e di spinosi avanzi
di frammenti dello specchio che indivisa
ridava l’immagine
così come io ho potuto, ché ho tramutato
in leggerezza la gravità
la rossa stilla delle ferite in acqua colorata
l’oscurità dell’abisso
nella bianca piega della tua mano

Yibel, dalla finestra sul fiume
Si vedevano rami
dalle finestre, che aprivano i fiori
e poi il ventoso verde che disperdeva
le ore nell’aria e i paludosi sguardi.
E non si sta nemmeno più, in questi giorni,
come le foglie in attesa, perché l’attesa
ti dice di qualcosa a venire e qui, ora,
non si sa nemmeno più cosa verrà
e cosa è stato. Ci sono solo queste parole
di fiori e foglie e primavera e autunno
che sono le più consumate tra quelle
dei poeti, e che vogliono essere scritte
e sottovoce pronunciate
per rassicurarci che sì, è così, che c’è ancora
inevitabile il fiore che si apre,
per inquietarci che ancora sarà così,
che il ramo alla fine si denuda.

«Con usura» lamenta Pound nei suoi Cantos «nessun dipinto è fatto per durare o per conviverci / – si fa perché venda, e in fretta».
È a questi versi che viene da pensare, per immediato contrasto, inabissandosi nella poesia di Alfredo Rienzi. Perché Rienzi (…)  mostra e invita a un rapporto con la parola di tutt’altro segno, né usuraio né usurato, ma relazionale.
Un rapporto di durata e convivenza, appunto, che a una convivenza e a una durata invita anche chi si trovi a leggerla. Versi, per intenderci, che non fanno venire voglia di essere spiegati o parafrasati, ma al contrario di essere riletti (dalla Prefazione di Daniele Gigli)

Il vastissimo poema di Rienzi (tale è la serie di testi da lui pubblicati in vari volumi) ci ha abituati a un linguaggio raffinato e vario, e a una attenzione formale tanto esplicita quanto aggraziata. Una parola che non dimentica la sua piccolezza di fronte alle immensità che vuole esplorare, ma anche consapevole della propria forza e della dignità della propria missione (…) Una poesia anche visionaria, potremmo dire, se con tale termine indichiamo la capacità di vedere quel che c’è e di solito non si nota (…) Questo, Rienzi, un po’ custode e un po’ invasore, certo esploratore rispettoso e creativo di sempre nuovi paralleli, lo sa bene e lo traduce in una poesia preziosa (dalla Postfazione di Sandro Montalto)

Attraverso nomi e luoghi e vicende visionarie, fino al culmine metafisico, si compone la totalità del mondo tra il tragico e la contraddizione della vita, filosofia e storia, apparizioni e avventure della parola. E’ una poesia altissima e ardua. (Giorgio Barberi Squarotti)

L’autore non ha paura di credere che il calibrato assemblaggio di determinate parole possa aprire varchi, guadagnare frontiere, scavare brecce inusitate alla volta della regione incognita che è in fondo la meta di ogni umano errare (Guglielmo Aprile,lombradelleparole.wordpress.com)

Poesia ipnagogica, che utilizza un piano basso del linguaggio per un contenuto alto e desultorio. Che sia Iróstene di Sitzia che parla (un filosofo inventato) o altri, non importa (…), non c’è più distinzione tra il reale e l’onirico, tra il vero, il verosimile e il falso; in realtà chi parla, parla dal 72° parallelo, ad un ipotetico uditorio posto nel futuro passato, ad una età senza tempo e senza passato, ad una civiltà umana affetta da amnesia del tempo (Giorgio Linguaglossa, lombradelleparole.wordpress.com)

Invitando caldamente quanti tra voi potessero a partecipare a questa presentazione ringrazio di cuore tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e vi do l’arrivederci alla prossima occasione!

Buon pomeriggio e, come sempre, Buone letture!

Con simpatia! 🙂

Rivoluzioni dell’anima

Presentazione della due giorni organizzata dall’Unione Culturale Franco Antonicelli

Salve a tutti di nuovo!

Locandina evento "Rivoluzioni dell'anima. A cosa servono oggi gli psicologi?"Torno tra voi per la seconda voglia oggi per farvi partecipi di un’iniziativa organizzata, per le giornate di domani, venerdì 4 marzo e dopodomani, sabato 5 marzo 2016. L’iniziativa in questione ha il nome di “Rivoluzioni dell’anima. A cosa servono oggi gli psicologi?” ed è organizzata dall’Unione Culturale Franco Antonicelli. Per potervi fornire le informazioni più complete ed esaustive riporto qui di seguito il testo dell’email inviatami dalla Golem Bookshop che tra le prime s’è fatta portavoce di questa interessante due giorni:

Locandina evento "Rivoluzioni dell'anima. A cosa servono oggi gli psicologi?"

Buonasera,
siamo lieti di diffondere la notizia dell’iniziativa in oggetto, organizzata dall’Unione culturale Franco Antonicelli

 

Venerdì 4 marzo e Sabato 5 marzo, Unione culturale Franco Antonicelli
(via Cesare Battisti 4b, Torino)
Entrata libera

 

Rivoluzioni dell’anima

A cosa servono oggi gli psicologi?

 

L’Unione culturale Franco Antonicelli di Torino organizza due giorni di riflessioni, dibattiti, proiezioni, esperimenti con PSI di ogni latitudine e orientamento. Con tavole rotonde di giovani apprendisti stregoni sul ruolo del denaro nella loro professione, dialoghi tra uno psichiatra e un suo paziente guarito dalla schizofrenia, fight club tra i due pesi massimi della psicoanalisi novecentesca (Freud contro Lacan), una lectio magistralis di una delle più intelligenti e raffinate psicoterapeute italiane, laboratori di arte terapia e bioenergetica (perché anche il corpo vuole la sua parte), proiezione di film di ieri e di oggi sulle speranze legate all’apertura degli ospedali psichiatrici e un dibattito finale sull’esperienza di Basaglia e la sua squadra di visionari.

PROGRAMMA

venerdì 4 marzo La terapia come professione

 

ore 18 – Denaro e coscienza di classe

La psicoterapia può costare poco? con Simona Lucà – Interzona; Ester Moroni e Simona Corrente – Mediazione, Dialogo, Relazione.

Introduce Dario Fieni del Coordinamento Psicologi Psicoterapeuti Piemontesi

ore 21 Potere e psichiatria

Si può guarire con gli psicofarmaci? Ugo Zamburru, psichiatra in dialogo con un ex paziente

sabato 5 marzo Cosa resta della psicoanalisi?

ore 10.15 – Fight club, Freud vs Lacan

Antonio Ciocca, Università Cattolica di Roma e Davide Tarizzo, Università di Salerno

ore 11.45 – Psicoanalisi: un’eredità al futuro

Lectio di Nicole Janigro, psicoanalista

ore 14 – Laboratori

–          Danza Movimento Terapia con Roberta Remedi, psicoterapeuta

–          Bioenergetica con Alessandro Pacco, psicoterapeuta

ore 16 – Proiezioni a cura di Psicologia Film Festival

ore 17.30 – Do you remember Franco Basaglia?

John Foot, University of Bristol in dialogo con Pietro Barbetta, psicoterapeuta

info su: www.unioneculturale.org

evento Facebook: https://www.facebook.com/events/550491485110164/

BROCHURE

Certo di aver suscitato il vostro interesse ringrazio tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione che sempre mi accordate e vi do l’arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Locandina evento "Rivoluzioni dell'anima. A cosa servono oggi gli psicologi?"

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

Destinazione Libri

"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita:la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni:n c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia e quando Leopardi ammirava l'infinito...perchè la lettura è un'immortalità all'indietro" cit..Umberto Eco Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

favolesvelte

Il mio mondo è fatto di disegni e fotografie, filastrocche, poesie e racconti che invento per gli adulti e per i bambini - Favolesvelte è anche un libro edito da Golem Edizioni, nato dalle 365 storie in 365 giorni pubblicate in questo blog nel corso del 2014 - Spot stories of a psychotherapist/Valeria Bianchi Mian - Licenza Creative Commons FAVOLESVELTE - SPOT STORIES di Valeria Bianchi Mian è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.