[BLOGTOUR] Blogtour: Van Helsing di Natascia Luchetti

Ecco giunta l’ora della sesta tappa del Blogtour di Van Helsing

Salve a tutti!

Oggi torno tra voi per la sesta tappa del Blogtour del romanzo “Van Helsing. Blood Never Lies” di Natascia Luchetti edito da Delrai Edizioni.

Calendario Blogtour di Van Helsing

Copertina del romanzo "Van Helsing" di Natascia LuchettiLa vera storia dell’uomo che ha trasformato la sua vita in leggenda, la cui stessa esistenza era un’arma contro le Bestie: Abraham Van Helsing. L’essere umano deve conoscere il mondo per poterlo capire appieno ed è ciò che pensa il giovane Van Helsing nell’approcciarsi all’università e al suo futuro da medico, ma l’oscurità lo attende e non gli lascia tregua, incamminandolo per la via a lui destinata. È nelle ombre più fitte che l’incubo ha inizio, una verità inspiegabile da Abraham considerata inconcepibile: esiste il Male, esiste il Bene. Ogni tipo di creatura sovrannaturale vive tra gli uomini, con loro, e questi non ne hanno coscienza. Continuano le loro vite, schiavi della superstizione e dell’ignoranza. È impossibile concepire un futuro senza l’abisso delle tenebre e la lotta per la sopravvivenza ha inizio, perché chi uccide il male, assorbe il male. A condurre il braccio del cacciatore una sola verità, che domina persino il suo cuore: il sangue non mente mai.

Dalla penna gotica di Natascia Luchetti, una nuova sfida per riportare in vita una personalità dalle tinte complesse e dal forte senso di giustizia. Dopo Dracula, Love Never Dies, e Il battesimo di sangue, omaggio al più grande essere sovrannaturale mai esistito, Van Helsing, Blood Never Lies, ci introduce alla verità della Luce.

Ed ora ecco i dati tecnici del romanzo:

Copertina del romanzo "Van Helsing" di Natascia LuchettiCopertina flessibile: 368 pagine

Editore: Delrai Edizioni (1 ottobre 2018)

Collana: Delrai Edizioni

Lingua: Italiano

ISBN-10: 8899960461

ISBN-13: 978-8899960469

 

Blogtour Van Helsing Tappa numero 6

Il Diavolo e il Cacciatore

Lettera di A. ad Abraham Van Helsing

Helsingfors, 20 dicembre 1862

Caro Abraham,

Non avrei mai pensato di riuscire a trovare il coraggio di scrivervi.

È passato molto tempo da quando ci siamo incontrati a casa di Annareta Stevens, mia “madre”. Non vi ho mai ringraziato per tutto l’aiuto che mi avete dato quando eravamo a Londra e non penso che avrò occasione di rivedervi.

Ho saputo che avete fatto molta strada nelle ombre e che siete diventato un “Cacciatore” non Cavaliere. Mi piace pensare che lo abbiate fatto in mio onore, che abbiate assunto il mio appellativo. Non ne sono mai andato fiero, ma ora che voi lo avete tramandato, inizio a vederlo sotto una luce diversa.

Pensavo che fosse sbagliato, che il mio compito fosse il retaggio di una natura maledetta. Forse è ancora così, ma la via è meno buia se si percorre con qualcun altro, per quanto sia lontano.

I Cavalieri sono intenti a proteggere l’umanità, mentre i Cacciatori, sono assassini di malvagità, insaziabili bestie sguinzagliate contro chiunque non sia umano.

Spero che voi conosciate bene la differenza, prima di ammantarvi del mio nome.

Perché io sono nato maledetto, ve l’ho già detto.

Io sono il figlio del Diavolo, l’Abaddon.

Alcuni studiosi dei testi dell’Antico Testamento, identificano il termine Abaddon con un luogo di patimento al quale sono relegate le anime dei maledetti.

La realtà è diversa.

Esiste questo luogo, è vero, ma i patimenti di quegli spiriti sono destinati alla mia discrezione. Sono un demone, ma voi lo sapevate già. Un demone con un cuore umano.

Mia madre era un essere umano, infatti. Peccato che fosse ancora più malvagia di un Angelo Caduto. Sapete non ho mai voluto parlarvi di lei, perché non volevo apparire patetico, ma ho intenzione di farlo in questa sede.

Non so se avete mai sentito parlare della leggenda norrena di Aleksim, il flagello del nord, considerato per qualcuno il figlio di Morrigan, la grande regina. Devo dire che chi l’ha tramandata ha un po’ esagerato, legando il noma della donna che mi ha dato alla luce a una leggenda antica e gloriosa come quella della Morrigan. Mia madre si chiamava Hilde, una superstite scampata allo sterminio di vichinghi operato dai cristiani svedesi e dell’Europa meridionale, avvenuto nel Tredicesimo secolo.

Era un’orfana scampata alle razzie dei Crociati arrivati ad Espoo che, assieme alla sorella gemella, era riuscita a scappare nel bosco fuori dalle mura del paese.

Lì vennero accolte da una donna straniera, una guaritrice, una fattucchiera che faceva incetta di orfani smarriti. Il motivo era semplice. I bambini che nessuno avrebbe cercato servivano per essere sacrificati sull’altare del sacrificio a un demonio che spero non incontrereste mai. Così la strega avrebbe vissuto in eterno e sarebbe diventata più potente.

So che vi sembra strano e raccapricciante che una donna possa compiere un simile abominio a bambini che potrebbero essere i suoi figli, ma è realtà. Una realtà che sicuramente riscontrerete nei vostri viaggi.

Mia madre, tuttavia, già scaltra e senza scrupoli, raggirò la strega e lusingò il demone per ottenere i suoi favori.

Come lo fece se era solo una bambina? Vi starete chiedendo.

Accettò di sacrificare la sua stessa sorella, per ottenere il potere di uccidere la strega e prendere il suo posto.

E quando lo fece, divenne una delle creature più mostruose di questo mondo, tuttavia il suo tributo al maligno non fu pagato in vite di infanti. Decise di offrire il suo ventre al Male, incarnato in un nobiluomo svedese, in modo da far nascere un abominio.

E venni alla luce con un aspetto umano e un’anima di mostro. Non me ne rendevo conto, non credevo di essere diverso dagli altri bambini che vedevo oltre il fitto del bosco dove vivevamo. Non avevo mai parlato con nessuno di loro. Mi limitavo a osservarli e fingere di essere lì a ridere in loro compagnia. Non avevo il permesso di lasciare la mia casa e l’unica compagnia che avevo era quella di mia madre che spesso metteva alla prova la resistenza del mio corpo. Bruciava la mia pelle con l’oro, mi avvelenava, mi procurava ferite profonde soltanto per vedere in quanto tempo la mia carne rigenerasse.

Pensavo che fosse dovuto, che fosse importante per lei, ma dopo diverso tempo, capii che il suo era sadismo, puro e semplice.

Ma mi bastava.

Era già qualcosa. Anche il fatto che provasse schifo o odio per me, mi bastava. Volevo solo esistere per qualcuno.

Ero un bambino patetico, amico mio. Un piccolo idiota che voleva soltanto essere amato.

Ma una donna mi salvò da quell’inferno. Una donna di cui conoscevo soltanto l’appellativo: Enkeli, Angelo nella mia lingua. Il suo viso è scolpito nella memoria e lo considero quello della mia vera madre. Lei mi strappò dalle braccia di Hilde, mi portò lontano, nel calore della sua casa, dove conobbi la sua famiglia che presto divenne la mia. Mi ritrovai con dei fratelli con cui giocare, persone che non avevano paura di me nonostante ciò che fossi. Non vedevano la mia anima nera e io mi sentivo come se essa non esistesse più.

Vissi diversi anni felice e sereno. Il mio corpo crebbe, divenne quello di un uomo e iniziarono a interessarmi le ragazze.

Mi innamorai di una di loro, ma quando stavo per sposarla, il Male mi trovò, ci trovò tutti.

I miei fratelli e mio padre morirono, lasciando Enkeli sola e ferita. La mia futura sposa non sopravvisse, il mio corpo originario fu sigillato e io iniziai a vagare di morituro in morituro, per poter cercare la sua anima smarrita.

Sapete, Abraham? Le anime degli amanti non possono trovare pace se uno dei due muore prima dell’altro. Il suo spirito rimane a vagare su questa terra, perché non può passare oltre e, anche se ci vorrà un numero sterminato di vite diverse, riuscirà a tornare al luogo a cui appartiene.

Non so cosa ne pensate voi, ma l’amore è una delle ossessioni dell’uomo, alla quale esso non rinuncia nemmeno per la liberazione della luce di Dio.

L’amore è come il destino, amico mio. Ti trova sempre, ti cambia e ti sconvolge, finché non lo accetti. È come la mia maledizione.

L’Abaddon deve divorare le anime degli empi, è il suo ruolo.

L’Abaddon non può fermarsi o avere pietà. Deve continuare a uccidere per sé stesso, per un disegno più grande che mi è sconosciuto.

Ho dovuto fare i patti con la mia natura e accettarla, quindi, ma non ho voluto essere relegato all’inferno al quale appartengo. Mi sono ribellato, decidendo di mettere al servizio di voi uomini tutto il potere che possiedo, perché ho bisogno di voi per sentirmi umano, vivo, libero.

È l’unico modo per sopportarlo.

Anche se la mia scelta è egoista. Voi, come molti altri che mi sono stati vicini nel corso dei secoli, siete stato contagiato dalla mia maledizione. E credo che il vostro destino non vi avrebbe trovato se io non fossi stato così tanto tempo al vostro fianco. Avrei dovuto avvertirvi, ma non riesco a pentirmi di essermi legato a voi.

Sono stato felice e, credetemi, la felicità ha un immenso valore anche per quelli come me.

Non metterò un mittente sulla busta di questa missiva, non vi permetterò di cercarmi, anche se temo che non ne sentirete la voglia. Anzi, forse, visto la strada che avete abbracciato, sicuramente vorrete sradicare anche il male che io rappresento. I Cacciatori sono questo. Io stesso sono questo.  

Sin da quando esisto, io vado avanti nutrendomi di vite corrotte. Vampiri, mannari, streghe, tutti loro sono il cibo necessario ad affrontare l’eternità, mi rendono forte e danno anni di vita al mio corpo provvisorio. Divoro di continuo, perché non sono mai sazio e temo che questo sia diventato parte anche del vostro essere.

Non vi nutrirete di vite, quello è certo, ma sono sicuro che veder scorrere il sangue degli empi sulla vostra lama sia diventata una sorta di droga per il vostro ego. E questo vi ha costretto ad abbracciare una vita solitaria, come se foste in un eremo, nonostante attorno a voi ci siano centinaia di persone, dominata dalla sete di morte che spesso si confonde con quella di giustizia. È un dramma il nostro, perché non siamo altro che la corrotta lama della falce di Dio. I soldati che devono cercare di mantenere stabile l’equilibrio senza onori, senza gloria. Non ci sarà mai una vittoria per la luce né una per le ombre, perché tutto l’universo si basa su un dualismo ingiusto dove non esiste il concetto di pace. Da sempre Bene e Male sono in conflitto e sembra che ai piani alti vada bene così.

Mi sono quindi interrogato più volte sulla bontà di Dio che permette tutto questo e ho capito che c’è un motivo.

Se non ci fosse il dolore, l’oscurità e la paura, non si darebbe nessun valore alle cose positive, come la libertà, la serenità, la gioia.

Il Male è funzionale alla perfezione del Suo creato e, anche se può spiazzare, è una scelta più che logica. Chissà che persone saremmo stati senza i tagli e le croci sul cuore, amico mio.

Ma ora mi sorge una domanda, alla quale vorrei tanto che mi deste una risposta.

Io non ho scelto il mio destino.

Voi sì.

Vorrei tanto sapere perché portare questo fardello quando non era scritto sul vostro destino.

Per vendetta? Per paura o semplicemente perché il dolore vi ha reso una bestia ancora più terribile di quanto non lo sia io?

Ho paura che siamo diventati figli del Diavolo, entrambi, ma spero che la vostra umanità, così calda e brillante, non ne sia uscita lesa, amico mio e che in fondo, voi riusciate ancora a vedere la pallida luce che indica la strada per la serenità e un minimo di pace.

Non vi dimenticherò, né vi abbandonerò.

In qualche parte del mondo ci incontreremo di nuovo.

Nell’attesa che arrivi quel momento, vi lascio con un consiglio.

Non perdete mai di vista l’umanità che si trova anche dietro lo sguardo più buio. Non alzate la lama su chi soffre, perché anche se vi sembra ostile, vi sta solo gridando aiuto. Tenete gli occhi aperti sull’ombra, amico mio, ma non accoglietela dentro di voi, dando giudizi affrettati o sprecando i vostri giorni a giudicare voi stesso.

Con immenso affetto.

A.

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e arrivederci alla prossima occasione!

Buon sabato, buon fine settimana e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Copertina del romanzo "Van Helsing" di Natascia Luchetti

Annunci

[ANTEPRIMA]Una proposta inaccettabile

Una proposta di lettura per i giorni più caldi di questa estate

Salve a tutti!

Copertina del romanzo "Una proposta inaccettabile" di Andrea Adrich

Dopo qualche  giorno che non torno da queste parti lo faccio per presentarvi un libro che uscirà, in formato ebook, domenica 5 agosto 2018. L’uscita del formato cartaceo del romanzo è invece prevista per il 27 agosto 2018. Si tratta del romanzo di Andrea Adrich intitolato “Una proposta inaccettabile” edito da Delrai Edizioni.

Per potervi offrire una presentazione la più completa possibile pescherò a piene mani dal comunicato ufficiale inviatomi dalla casa editrice. Cominciamo con la sinossi del romanzo:

Leandra Swan è una studentessa della facoltà di matematica, una ragazza solare e ingenua che lavora al Gorilla Coffe, un locale poco frequentato di New York. È qui che un giorno i suoi occhi incrociano quelli di un uomo incredibilmente affascinante e dall’atteggiamento freddo, indifferente: Darrell Baker. All’apparenza privo di umanità, Baker sembra un tipo da cui stare alla larga, finché un giorno, vedendola in difficoltà, non le viene in aiuto. Piena di gratitudine, Lea decide di ascoltare quello che quest’uomo ha da proporle, senza sospettare che genere di proposta lui stia per farle: un contratto inaccettabile, qualcosa che la farà pentire di aver incrociato la sua strada.
Da una notizia reale di cronaca, l’autrice bestseller spagnola Andrea Adrich crea una storia d’amore tra un uomo dai comportamenti imprevedibili e una ragazza romantica, dove a vincere nonostante tutto è il sentimento di cui tutti sentiamo il bisogno: l’amore.

Passiamo ora a un breve estratto del romanzo:

«Le sto offrendo un alloggio a casa mia e un regolare contratto di affitto. Solo che al posto di concordare un prezzo, quello che voglio in cambio è…»
«Cosa vuole in cambio?» mi azzardo a interromperlo, sconcertata. I suoi occhi di colpo si scuriscono e con un luccichio strano si posano su di me, facendomi irrigidire.
«Sesso» risponde senza tentennare.
Inarco le sopracciglia. Ho sentito bene? Ha detto sesso. Proprio sesso? Che razza di scherzo è mai questo?

Passiamo ora a presentare l’autrice del romanzo:

Andrea Adrich è un’autrice spagnola di trentasette anni e una lettrice vorace a cui però non è bastato divorare romanzi, per questo ha deciso di dar voce alle sue stesse storie e creare così i suoi personaggi. Due anni fa pubblica in Spagna il suo primo romanzo, diventando presto un’autrice best seller. Amante della buona letteratura, non riesce a trascorrere un solo giorno senza scrivere. La sua è un’autentica vera passione.

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Copertina del romanzo "Una proposta inaccettabile" di Andrea Adrich

[ANTEPRIMA] Descendens di Alessandra Paoloni

Dal 23 luglio 2018 disponibile il nuovo romanzo di Alessandra Paoloni

Salve a tutti!

Banner nuovo romanza Alessandra Paoloni

L’estate Delrai si tinge di mistero.
Troverete magia, segreti e rivelazioni tra le pagine di Descendens, urban fantasy creato dalla penna di Alessandra Paoloni. iuttosto lunga torno tra voi per proporvi una chicca in anteprima.

Da lunedì prossimo, 23 luglio 2018, uscirà il nuovo romanzo di Alessandra Paoloni, intitolato “Descendens“, edito da Delrai Edizioni.

Descendens
Alessandra Paoloniebook: 3.99 euro
cartaceo: 16.50 euro

Disponibile su tutti gli store online e in libreria dal 23 luglio

Per informazioni più dettagliate riporto ampi estratti dal comunicato stampa ufficiale della Delrai Edizioni. Per cominciare vi propongo la sinossi del romanzo:

Un paese alle porte di Roma, una maledizione stregonica, una discendente tanto attesa per compiere chissà quale maleficio. Quando Emma e la famiglia tornano a Tiepole per la morte del nonno Achille Pagliari, la ragazza è ignara del fardello che porta da sempre: lei è la nipote di Marta Vasselli, la strega di cui tutti hanno paura. Suo padre e sua madre non le hanno mai detto la verità, nascondendole il suo futuro come diretta erede di una malefica e crudele strega. A parlarle di quanto ancora non sa di se stessa sono gli occhi dei tiepolesi, la scrutano e la studiano cercando di carpire i segreti occultati dentro di lei, in attesa di vedere compiersi ciò che stanno temendo da anni. Nessuno sa cosa celi questa maledizione, eppure gli abitanti la temono.
Uno spettacolare urban fantasy italiano, dalla penna talentuosa dell’autrice Alessandra Paoloni, dove niente è come sembra e la vera sfida è sopravvivere alla verità. Le sicurezze della vita sono labili certezze da distruggere per scoprire davvero il proprio destino.

Continuo ora proponendovene un breve estratto:

Per Emma, da Marta Vasselli.
Quelle parole scritte a mano da sua nonna sulla busta ingiallita le parevano incise con un inchiostro indelebile che sembrava aver vinto l’incuria del tempo.
Marta Vasselli. Esattamente come era accaduto per il nonno, Emma non aveva conosciuto nemmeno quella donna. Sapeva soltanto che era morta moltissimo tempo addietro. Nessuno le aveva mai parlato di lei, raccontandole di aneddoti o vecchie storie, eppure aveva indirizzato una lettera alla nipote che non aveva mai incontrato. Forse quelle righe le avrebbero indicato la sua eredità.

Ed ora ecco a voi alcune brevi note brevi note biografiche di Alessandra Paoloni:

Alessandra Paoloni vive in un paesino alle porte di Roma. Fin da bambina nutre un interesse viscerale per la lettura e per la scrittura, tanto da credere di essere nata con la penna già in mano, pronta a volare in luoghi lontani e mondi diversi con la fantasia. Ama trarre ispirazione dalle piccole cose, anche quotidiane, e non rinuncerebbe mai al freddo autunnale, alla cioccolata calda e a un buon libro. La passione con cui vive la scrittura le ha regalato un percorso editoriale che ha avuto inizio dieci anni fa, un viaggio che dura tuttora e che l’ha vista cimentarsi in tanti generi diversi, senza mai porsi limiti. E chissà dove la porterà la voglia di andare lontano…

Invitando tutte e tutti voi a non lasciarvi sfuggire questa chicca editoriale vi ringrazio di tutto cuore per la pazienza e l’attenzione e vi do l’arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

[PROSSIME USCITE]Fino a perdermi nel tuo abbraccio

 

Il 10 luglio uscirà per Delrai Edizioni il romanzo d’esordio di Denise Aronica

Salve a tutti!

Copertina romanzo

È arrivata l’estate e Delrai Edizioni vi propone una nuova ed emozionante storia d’amore. Siete pronti a conoscere Daniel e Olivia? Sono loro i protagonisti di Fino a perdermi nel tuo abbraccio, romanzo d’esordio di Denise Aronica.

Copertina romanzo

Quest’oggi torno tra voi per presentarvi in anteprima quello che promette di essere un romanzo che ci appassionerà ed emozionerà in questa estate (e oltre)!

Si tratta del romanzo “Fino a perdermi nel tuo abbraccio” opera prima di Denise Aronica

in uscita martedì prossimo, 10 luglio 2018, per Delrai Edizioni.

Allo scopo di presentarvelo al meglio attingerò a piene mani al comunicato ufficiale della casa editrice.

Cominciamo dalla sinossi del romanzo:

Olivia ha una seria dipendenza dalla lettura. Da quando la sua vita è cambiata, il suo rifugio preferito sono le pagine di un libro. Lei e suo fratello abitano a casa dei nonni e la vita scorre all’apparenza normale quando si vivono vite non proprie: non ci si aspetta nulla dai personaggi dei romanzi, perciò non si soffre. È quando viene loro proposta una vacanza a casa della migliore amica della loro madre che tutto cambia. Veronica è una donna forte, con un figlio nerd affascinante e costantemente alle prese con i videogiochi. Daniel e Olivia sembrano parlare due lingue diverse, eppure sono simili: entrambi si proteggono dal mondo, entrambi non vogliono confrontarsi con la realtà ma preferiscono viverla attraverso uno schermo, che sia quello dell’e-reader o di una console. È quando prendono consapevolezza di questo che la loro esistenza subisce una svolta, e così anche i loro sentimenti.Il romanzo d’esordio di un’autrice italiana che sa scavare nel profondo dell’anima. Quando due anime all’apparenza diverse si incontrano, non c’è più bisogno di parole, ma di sguardi teneri e complici. Esiste una crisalide dentro ognuno di noi e la vita ci sfida a rinascere come farfalle.

Passo ora ad offrirvene un breve estratto:

«Allora è così che fai di solito?» gli domando, stando sul vago.
«Non capisco.»
«Per rimorchiare. Provi con qualche riferimento letterario, in modo da mostrarti colto, e poi porti le ragazze a fare lezione di guida? Funziona? È una strategia che ti riservi per il primo appuntamento?»
Daniel ride. «In realtà non mi era mai capitato di dare “lezioni di guida” a nessuno» dice, facendomi arrossire al pensiero che questa premura l’abbia avuta soltanto nei miei riguardi. «E di solito comunque, preferisco i riferimenti ai videogiochi, rispetto a quelli letterari. Se le ragazze non sono nerd abbastanza da afferrarli, non mi prendo neanche il disturbo di uscirci» ribatte, voltandosi poi per strizzarmi l’occhio. «Come nella serie di Super Mario. Hai presente, no? Mario deve conquistarsela, la principessa Peach, livello dopo livello. Fungo malefico dopo fungo malefico.»

Ed ora passo a presentarvi l’autrice del romanzo:

Ritratto di Denise AronicaDenise Aronica ha una grande passione: le parole in ogni loro forma.
L’amore per la lettura la accompagna fin da bambina, grazie ai suoi genitori che le leggevano una favola prima di andare a dormire e le hanno trasmesso il desiderio di viaggiare con la fantasia. Quando il lavoro non la impegna, dedica il suo tempo a scrivere romanzi dei generi più svariati e a gestire il suo blog.
Ha una natura profondamente nerd, infatti non può fare a meno di guardare serie tv e scoprire nuovi giochi da tavolo, ma questa è un’altra storia.
Fino a perdermi nel tuo abbraccio è il suo romanzo d’esordio per la Delrai Edizioni, il primo della Crisalide Series.

Ora non mi resta altro da fare se non invitarvi a segnare in bella evidenza sui vostri calendari e le vostre agende la data del 10 luglio 2018!!!

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Copertina romanzo

[COVER REVEAL] Invincibile

È giunto il momento del cover reveal del romanzo di Jane Harvey-Berrick e Stuart Reardon

Salve a tutti!

Banner Cover Reveal "Invincibile"

Sono particolarmente emozionato perché questo è il mio primo cover reveal e spero di combinare disastri. Non sono comunque qui solo per mettervi a parte dei miei timori personali ma per presentarvi il libro “Invincibile” scritto in coppia da Jane Harvey-Berrick e da Stuart Reardon edito dalla Delrai Edizioni, la cui versione cartacea uscirà domani, giovedì 7 giugno 2018, in concomitanza con l’evento Rare 2018 mentre per la versione ebook, cari i miei appassionati di libri in formato elettronico dovrete pazientare fino al 17 dicembre 2018.

Per presentarvi al meglio questo libro riporterò qui di seguito, prendendoli dal comunicato della casa editrice, nell’ordine, i dati tecnici del romanzo, un estratto dalla quarta di copertina e le note biografiche degli autori.

Cominciamo dai dati tecnici del romanzo:

Copertina romanzo "Invincibile"Titolo: Invincibile

Autori: Jane Harvey-Berrick e Stuart Reardon

costo e-book: 4,99

costo cartaceo: 19,90

ISBN ebook: 9788899960612

ISBN cartaceo: 9788899960629

Pagine: 384 pagine

Data di uscita e-book: 17-12-2018

Data di uscita cartaceo: 7-06-2018 (disponibile per l’evento Rare2018)

Procediamo ora proponendo un estratto dalla quarta di copertina del romanzo:

Quando il mondo ti cade addosso.

Quando dicono che sei finito.

Quando la tua mente è distrutta, cerca di ripetere:

Io mi alzerò,

Io tornerò

E sarò invincibile.

Nick Renshaw è un giocatore di rugby professionista, dalla futura brillante carriera. Un infortunio improvviso, però, rischia di minare quanto costruito finora: il pericolo è rimanere fuori dai giochi. Sarà Anna Scott, una psicologa sportiva lungimirante, a occuparsi del suo percorso di riabilitazione fisica e psicologica. L’attrazione tra loro, anche se lui è già legato a un’altra donna, non permette a entrambi di essere lucidi e rimanere lontani, così Nick si ritrova a dover fare scelte difficili oltre che compromettenti per se stesso e la sua vita. Tutti gli voltano le spalle, ma Anna no, lei è diversa, lei lo ama. Nessun divieto potrà mai far finire la loro relazione, nessuna distanza, perché il loro sentimento sincero è capace di vincere qualsiasi ostacolo, anche se così facendo entrambi toccheranno il fondo.

Un romanzo capace di toccare le corde profonde dell’anima, dove la passione per lo sport si mescola alle vicende della vita, normali e straordinarie. Quando l’amore scende in campo, non importa chi è vincente, perché sarà sempre invincibile.

Recensioni

Sono stata completamente trascinata all’interno di questa storia. Non è solo emozionante, ma è stata ben pensata e costruita.

Wendy

La decisione di Stuart e Jane di unire i loro talenti ha creato la miscela perfetta, perché sono riusciti a portarmi completamente all’interno della loro storia, realistica e dettagliata.

Olivia J.

E per chiudere al meglio questa presentazione ecco a voi le note biografiche degli autori di “Invincibile“:

Jane Harvey-Berrick è un’autrice di romance contemporanei e new adult originali ed emotivamente profondi. Trova la sua ispirazione camminando sulla spiaggia dell’Oceano, in compagnia del cagnolino Pip.

Stuart Reardon è stato un giocatore di rugby professionista. Ha giocato per diverse squadre e con la Gran Bretagna. Il suo primo libro con Jane Harvey-Berrick è Invincibile, un romance sul rugby. Attualmente è un modello e lo si può trovare su numerose copertine di romanzi rosa. Puoi seguirlo su tutti i social e sul suo sito internet: www.stuartreardon.co.uk.

 

[SEGNALAZIONE]Collezione Privata di Eveline Durand

Dal 4 giugno in tutte le librerie il nuovo romanzo di Eveline Durand

Salve a tutti!

Banner Collezione Privata

Questo è un  periodo di segnalazioni. Stavolta tocca al nuovo romanzo di Eveline Durand, intitolato “Collezione privatain uscita il 4 giugno 2018 per Delrai Edizioni. Anche stavolta ho scelto di riportarvi il comunicato ufficiale della casa editrice per potervi fornire tutte le informazioni utili:

Banner Collezione Privata
L’estate di Delrai Edizioni inizia tra amore e ingranaggi. Il 4 giugno vieni a scoprire la storia tra Julian e Stila in un romanzo a profonde tinte steampunk.
Data di uscita: 4 giugno
ebook: 3,99 €
Cartaceo: 16,50 €
Non avevo mai sentito niente del genere: sotto quel telo si nascondeva sicuramente un oggetto senza prezzo.
Il velluto scivolò via senza far rumore, rivelando il colore insolito delle cromature e il rudimentale serbatoio delle proteine. Ogni dettaglio, dai dadi della cornice alla chiusura stagna, dichiarava a gran voce l’appartenenza alla sua era, eppure il tutto dava un senso di solidità e avanguardia.
La cosa mi fece scorrere un brivido reverenziale lungo la schiena. Romery al contrario sobbalzò, lasciando a metà un’esclamazione che sapeva di sdegno.
Emergendo dalla mia osservazione serrata, avvertii l’onda di meraviglia proveniente dal piccolo pubblico, cercando con lo sguardo cosa avesse suscitato un simile interesse.
Dentro quell’armonioso capolavoro c’era una donna.
Julian West Johanson è un medico dall’ego spropositato e uno scienziato eccezionale: nel giardino della sua enorme tenuta ama collezionare creature particolari. Non animali normali, ma esseri prima congelati in celle dalla tecnologia all’avanguardia, nei tempi difficili in cui l’imperatrice Cristine De Mustang non permette agli abitanti di muoversi nei cieli e in modi rapidi via terra. Amante delle aste clandestine, Julian rimane stupito alla vista di una cella criogenica di insolita fattura, che appartiene a un periodo passato, e ancora di più dal suo contenuto: una donna, dall’identità ignota. Sconvolto dalla dubbia moralità della vendita, il suo migliore amico Romery non perde tempo e inizia a fare offerte per un “oggetto” tanto raro, aggiudicandosi la ragazza addormentata con i soldi della famiglia Johanson. A questo punto non gli rimane altra scelta che portare la sconosciuta con loro.
Una storia originale che evoca atmosfere steampunk dai misteri irrisolti, dalle passioni irresistibili, scritta dalla penna magnetica dell’autrice Eveline Durand.
Quando non ricordi più chi sei, l’unico obiettivo è capire a chi appartieni.
Eveline non ama molto parlare di sé. Come autrice, tanta riservatezza è da lei stessa giustificata con l’esigenza di lasciarsi andare alla scrittura, ma in realtà la sua è solo timidezza. Grande sognatrice a occhi aperti, ha sempre con sé un quaderno per prendere appunti, veste sempre di nero e le piace andare al cinema da sola. La sua libreria occupa l’intero soggiorno. Scrivere romanzi è il suo modo per esprimere al meglio una sua teoria: l’intreccio è più divertente se condito con un po’ amore, di fantasy, paranormale, mistero e giallo. Mai rinchiudersi in stereotipi che possano catalogare un buon romanzo.

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e arrivederci alla prossima occasione!

Buon pomeriggio e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

[PRESENTAZIONE] Uno scatto di troppo

Il 30 novembre 2017 appuntamento con il terzo capitolo della serie Too Much di Eveline Durand

Salve a tutti!

Uno scatto di troppo di Eveline Durand

Stasera voglio presentarvi il terzo capitolo delle serie Too Much di Eveline Durand. Questo terzo romanzo si intitolerà “Uno scatto di troppo” e sarà edito, come i precedenti, dalla Delrai Edizioni.

Per potervi offrire le informazioni più complete riporterò qui di seguito un breve estratto dal romanzo, la sinossi e i dati tecnici del romanzo e, infine, alcune brevi note biografiche dell’autrice.

Cominciamo con un breve estratto da “Uno scatto di troppo” di Eveline Durand, edito da Delrai Edizioni:

Uno scatto di troppo di Eveline DurandLo conosco da sempre e so di desiderarlo da quando i miei ormoni hanno iniziato la loro prospera carriera. Mentre mi piega alla sua volontà con il tocco della sua lingua, reagisco irrigidendomi. L’unica cosa che riesco a fare è stringere le cosce, afflitta dal bisogno di sentire il suo tocco. Non sono ancora convinta, temo che sia l’ennesima messinscena per stuzzicarmi. È sempre stato così tra noi. «Se mi stai prendendo in giro, te la farò pagare» lo minaccio debolmente.

«Non vedi come mi hai ridotto? Sei tu quella che mi provoca sempre» ribatte. «Mi sono stancato di guardare e basta. Sai da quanto tempo sogno di farti questo?» insiste, provocandomi una sorta di capogiro. 

«Lo hai nascosto molto bene…» 

«Chiudi il becco. Sei l’unica che mi riduce in questo stato, sei l’unica che sa tenermi testa così. Abbiamo bisticciato abbastanza. Adesso. Si. Fa. Sul. Serio.»

Ed ora ecco a voi la sinossi del romanzo:

Uno scatto di troppo di Eveline Durand

Una Bonet e un Roche, insieme.
Quattro sorelle e un solo ragazzo.
Quale di loro sarà destinata a stare con l’unico figlio dei Roche?
Da sempre Roche e Bonet condividono ogni evento mondano, comprese le chiassose feste di Natale. Ed è proprio durante una di queste che una giovanissima Juniper sente le crudeli parole del ragazzo che segretamente ama: Tutte tranne lei.
Anni dopo, Juniper è fuggita dal passato e si è trasferita a Brooklyn, diventando una promettente fotografa. Renè lavora come reporter in un noto programma di gossip,Blink Eye. Quando l’occhio della sua insolente telecamera colpisce Simon, il migliore amico di Juniper, i due sono costretti a scontrarsi. Determinata e con la lingua tagliente, lei tira fuori gli artigli e affronta il ragazzo che le ha spezzato il cuore.
Come spesso accade, niente è come sembra, una rivelazione scioccante può sconvolgere i piani. Ma si può dimenticare il vero amore quando esplode l’attrazione?

Ed ora veniamo ai dati tecnici del romanzo e all’elenco delle uscite, passate, presente, e futura:

Genere
Romance Contemporaneo
Collana
Vega
Pagine
120 ca.
Data di uscita
E-book: 30 novembre 2017
Prezzi
E-book: 2,99 euro

#1 Una scrittrice troppo bugiarda
5 settembre 2016
#2 Troppo giovane per me
1 ottobre 2017
#3 Uno scatto di troppo
30 novembre 2017
#4 
febbraio 2018

Ed ora, per concludere nel migliore dei modi questa presentazione ecco a voi alcune brevi note biografiche dell’autrice:

Ritratto di Eveline DurandEveline non ama molto parlare di sé. Come autrice, tanta riservatezza è da lei stessa giustificata con l’esigenza di lasciarsi andare alla scrittura, ma in realtà la sua è solo timidezza. Grande sognatrice a occhi aperti, ha sempre con sé un quaderno per prendere appunti, veste sempre di nero e le piace andare al cinema da sola. La sua libreria occupa l’intero soggiorno. Scrivere romanzi rosa è il suo modo per esprimere al meglio una sua teoria: l’amore romantico è molto più divertente se condito con una buona dose di torbida passione.

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Uno scatto di troppo di Eveline Durand

 

Voci precedenti più vecchie

iriseperiplo.wordpress.com/

Tutte le mie recensioni, ricette e letture

Leggendo a Bari

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri”

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Habla italiano

Recursos para aprender italiano online

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

favolesvelte

Il mio mondo è fatto di disegni e fotografie, filastrocche, poesie e racconti che invento per gli adulti e per i bambini - Favolesvelte è anche un libro edito da Golem Edizioni, nato dalle 365 storie in 365 giorni pubblicate in questo blog nel corso del 2014 - Spot stories of a psychotherapist/Valeria Bianchi Mian - Licenza Creative Commons FAVOLESVELTE - SPOT STORIES di Valeria Bianchi Mian è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.