Una parabola a più voci

La parabola corale di Benedetta Tomasello

La toccante Parabola di Benedetta TomaselloCome definire il bellissimo racconto “La Parabola della Gazzella, del Leone e la “Minna” di Salomone” di Benedetta Tomasello, narratrice sopraffina che ho conosciuto grazie al suo precedente romanzo “Buenos Aires 22”? Per l’idea che me ne sono fatto leggendolo io lo definirei un Piccolo Zibaldone formato da storie, pensieri e riflessioni. Una storia a più voci, infatti i narratori si alternano, a volte ordinatamente a volte sovrapponendosi e accapigliandosi per potersi esprimere senza interruzioni e senza che gli altri gli diano sulla voce. L’inizio di “La Parabola della Gazzella, del Leone e la “Minna” di Salomone” trae spunto da un’esperienza dolorosa dell’autrice, la perdita di una zia cui lei era molto affezionata, una persona “molto saggia e buona anche con chi non lo meritava”. Da qui il racconto polifonico prende il via ed è un crescendo inarrestabile “una chiacchierata a braccetto con un’amica o con una sconosciuta che incontri per caso, in fila alla posta, al bar, in banca, in un cantiere edile, ovunque!

Con un linguaggio a volte spigoloso e tagliente altre volte piacevolmente sboccato, arricchito in vari punti da incursioni nel dialetto siciliano, un dialetto che è, sotto molti versi, una vera e propria lingua, Benedetta Tomasello porta “il lettore alla ricerca della morale …per farlo riflettere guardando Gesù (il suo volto attraverso la morte)”. Ed infatti con “La Parabola della Gazzella, del Leone  e la “Minna” di Salomone” il lettore è spinto, anzi accompagnato passo passo dall’autrice ad aprire la mente e il cuore, a riflettere su quei Valori e Principi per davvero contano nella vita. Insomma, come ho avuto modo di dire all’inizio, un Piccolo Zibaldone che renderebbe orgoglioso e anche un po’ invidioso Giacomo Leopardi, autore del più noto “Zibaldone di pensieri”, una lettura che consiglio vivamente a tutti; una storia che, ve l’assicuro, non potrà lasciarvi indifferenti. Un racconto che, pur se si legge in poco tempo, una volta letto vi entrerà talmente in profondità da restarvi dentro per sempre!

L’indirizzo al quale potrete scaricare gratuitamente l’ebook “La Parabola della Gazzella, del Leone e la “Minna” di Salomone” è il seguente: http://estro-verso.net/network/editoria-2/ebook/

Grazie infinite per l’attenzione e Buona Lettura a tutti, meglio se della “Parabola” di Benedetta Tomasello!

Alla prossima!

Con simpatia! 🙂

La toccante Parabola di Benedetta Tomasello

Buenos Aires 22 di Benedetta Tomasello

Più riguardo a Buenos Aires 22

Giorgia, la protagonista di “Buenos Aires 22“, lo splendido romanzo di Benedetta Tomasello, è una ragazzina diversa la tutte le altre. Una ragazzina che mangia tutto usando la forchetta; usa la forchetta persino per mangiare la minestra! Ma Giorgia non è solo questo. Giorgia è anche una bambina che aspetta il ritorno del suo papà per potersi far raccontare, una volta ancora, la favola di “Apriti Sesamo”. Giorgia adora il proprio papà. Inoltre Giorgia, almeno all’inizio, da bambina e fino a che un avvenimento non la porta a “mutare registro” è amica, ma amica amica, di Nostro Signore; tanto amica da rivolgersi a Lui dandogli tranquillamente del tu.

La storia narrata in “Buenos Aires 22” incanta e incatena il lettore perchè la bravissima Benedetta Tomasello riesce a mescolare, pur nelle poche decine di pagine della lunghezza del proprio romanzo, una serie di ingredienti. In “Buenos Aires 22” si trovano infatti la magia dei ricordi della piccola Giorgia, le peripezie del nonno della piccola Giorgia che non esita a recarsi fino in Argentina e a rimanere in quella nazione tanto lontana dalla sua Sicilia pur di ritrovare il proprio fratello emigrato in quella terra straniera; il tutto avendo come unico indizio un indirizzo di fermo posta, proprio quel Buenos Aires 22 che da il titolo al romanzo. Vi si trovano poi il dolore di Giorgia per la morte del suo amatissimo padre Matteo e la ribellione della stessa Giorgia contro il suo amico carissimo dei tempi dell’infanzia, ossia Nostro Signore, che le incolpa, o meglio incolpa Dio, di averle sottratto, potremmo dire rubato, il suo dio, vale a dire il suo papà. Giorgia però è una persona strana, ma forse questo è solo un sintomo, per così dire della sua umanità, in quanto poco dopo aver letteralmente inveito contro Dio si rivolge a Lui per avere un aiuto.

In “Buenos Aires 22” si trova anche la poesia. Una poesia che permea tutto lo svolgersi nel romanzo, romanzo nel quale la prosa si alterna a versi poetici in rima. Un ulteriore ingrediente della ricetta, pressoché perfetta di “Buenos Aires 22“, ingrediente che fa assaporare al lettore i profumi e i sapori della terra di Sicilia è l’uso, di quando in quando, di frasi quando non di interi periodi in dialetto siciliano. Quella di “Buenos Aires 22” è stata per me una piacevolissima scoperta; scoperta della quale non finirò mai di ringraziare l’impareggiabile autrice la quale, dopo avermi contattato tramite Twitter mi ha fatto l’onore di scegliermi per leggere e recensire il suo romanzo. Spero di aver fatto un lavoro quantomeno accettabile con questa mia piccola recensione. Come direbbe Alessandro Manzoni: “Se questa recensione vi è piaciuta il merito è tutto dello splendido romanzo cui è dedicata ma se non vi fosse piaciuta o trovaste qualcosa da ridire in proposito la colpa è integralmente mia.

Grazie a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e arrivederci alla prossima occasione!

Buona notte e Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Counselling and Supervision with soul

Counselling and Supervision the way you want it

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

Mille Splendidi Libri e non solo

"Un libro deve essere un'ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi"

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

TRA FEDE E NATURA

Riscoprire Maria ci aiuta ad andare avanti da cristiani e a conoscere il Figlio. BXVI

JOSEPH RATZINGER :B16 e G.GÄNSWEIN

UNA RISPOSTA QUOTIDIANA AL TENTATIVO DI SMANTELLAMENTO DELLA VERA CHIESA !

ROMANCE E ALTRI RIMEDI

di Mara Marinucci

Iris e Periplo Review

Tutte le mie recensioni

Leggendo a Bari

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri”

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Fall in "Books" - Lettrice and much more

Leggo, preparo dolci e mi innamoro del mondo

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers