Review: Hallowe’en Party

Hallowe'en Party
Hallowe’en Party by Agatha Christie

My rating: 5 of 5 stars

Woodleigh Common è un piccolo paesino nella campagna inglese. Qui è stata organizzata una festa di Halloween per un gruppo di adolescenti del villaggio. Una festa come ce ne sono state e come ce ne sono tante, con giochi, balli e cibo. La festa vede la presenza della famosa scrittrice di libri gialli Ariadne Oliver invitata da una sua nuova amica. La festa ha però uno sviluppo imprevisto e tragico quando la giovane Joyce Reynolds viene trovata morta annegata con la testa spinta in un secchio pieno d’acqua che poco prima era stato usato per uno dei giochi della festa.
Questo delitto sconvolge Madame Oliver e la spinge a rivolgersi al suo vecchio e buon amico Hercule Poirot, pregandolo di far luce su quel delitto particolarmente abietto. Hercule Poirot accetta il caso e si reca nel villaggio. Nel corso delle indagini il piccolo belga ritrova una sua vecchia conoscenza, il sovrintendente Spence, ormai in pensione e ritiratosi in quel paesino per abitare con la sorella rimasta vedova. Poirot e il sovrintendente in pensione Spence si troveranno a lavorare di nuovo insieme, come già avvenuto anni prima, ad un caso che sembra richiamarne altri, tra i quali la sparizione di una ragazza au pair, l’uccisione di un giovane impiegato in uno studio legale ed un testamento contraffatto. Fatti che sembrano a se stanti e slegati ma che verranno chiariti e che finiranno col fare un tutt’uno con il caso del misterioso e crudele assassinio della povera Joyce Reynolds, una ragazzina dalla nomea di bugiarda che poche ore prima di essere assassinata aveva affermato, non venendo creduta, di aver assistito, anni prima, ad un omicidio che a quel tempo non aveva capito essere un omicidio e di suo fratello Leopold, un ragazzino col vizio di spiare le altre persone e di ficcare il naso dappertutto. Una storia nella quale la bellezza ed il Male, quello con la “M” maiuscola, si mescolano formando un’amalgama inscindibile.

View all my reviews

Correva l’anno 1890…

Correva l’anno 1890 in un paesino della Valtellina a giugno era nato il papà della mia nonna materna e in un altro paesino, Agatha Christiestavolta d’Oltremanica, a Torquay per la precisione, proprio oggi, nasceva colei che sarebbe diventata la indiscussa Regina del Giallo. Quanti tra voi sono amanti della lettura e in special modo del Giallo d’Autore avranno senza dubbio capito di chi io stia parlando; per tutti gli altri ora svelerò l’arcano. Sto parlando per coloro i quali, pochi credo e spero, non la conoscessero di Agatha Christie, alla nascita Agatha Mary Clarissa Miller, poi sposata Mallowan e Christie. La vita di Agatha Christie è stata legata a filo doppio col mistero. Infatti non solo, come ho detto sopra, è la Regina del Giallo per antonomasia, tanto che da qualche settimana il Corriere della Sera ha deciso di identificare la propria collana di gialli scelti tra i tanti, veramente tanti, usciti dalla penna e dal talento di Agatha Christie proprio con il titolo di Regina del Giallo, ma lei stessa è stata protagonista di un mistero non chiarito che la vista sparire per un periodo di undici giorni (fonte Mangialibri).

L’opera di Agatha Christie non è però legata solo ai romanzi gialli o ai suoi indimenticabili personaggi, quali Miss Marple, Hercule Poirot, Parker Pine e Tommy e Tuppence. Agatha Christie ha infatti dato alla luce, letterariamente parlando, anche svariate opere teatrali, tra le quali “Trappola per topi” è stata quella che è stata “l’unica ad essere rappresentata ininterrottamente ogni sera dalla sera della prima tenutasi nel 1952” (ringrazio Wikipedia per aver colmato alcune lacune inerenti quest’opera teatrale). Agatha Christie si è inoltre dedicata ai romanzi d’amore, romanzi in questo caso non firmati col proprio nome ma con lo pseudonimo di Mary Westmacott. Da quel lontano 15 settembre 1890 sono ormai passati 124 anni ma il Mito indiscusso della Dama del Giallo, resiste tuttora ed è destinato a resistere per molto, molto, molto tempo!

Concludendo ricordo per quanti fossero interessati il minisito che il Corriere della Sera ha creato appositamente per la collana Agatha Christie dedicata ai più famosi tra i gialli della Regina del Giallo, minisito raggiungibile recandosi all’indirizzo virtuale: http://goo.gl/rPou3Y

Giochi di prestigio per l’ineffabile vecchina

Un caso di fumo e specchi per Miss Marple

Miss Marple: giochi di prestigio

Al romanzo in vendita a partire da oggi in allegato al Corriere della Sera e che andrà ad arricchire di un ulteriore meraviglioso tassello la collana Agatha Christie sono particolarmente affezionato. Il motivo? Il romanzo “Miss Marple: giochi di prestigio” della Regina del Giallo è stato il romanzo che, più di vent’anni fa ormai, correva infatti l’anno 1990, era il periodo delle “Notti magiche” dei Mondiali di calcio italiani, mi ha fatto conoscere ed iniziare ad amare Agatha Christie.

Agatha Christe_regina_del_giallo

 

Miss Marple viene incaricata di recarsi a Stonygate, una residenza nella quale il marito della sorella di un’amica della stessa Miss Marple ha deciso di dare vita ad una sorta di centro di rieducazione per giovani delinquenti. L’ambiente, nel quale regna un’atmosfera permeata di mistero, formato da bizzarri idealisti, sbandati e malati di mente, non è il più comune nel quale trovarsi a vivere, sia pure per pochi giorni. Figuratevi poi quando in questo ambiente quanto mai insolito viene compiuto, in una maniera alquanto misteriosa, un delitto, la cui vittima è un filantropo, come possa essere trovarsi ad indagare per l’Ispettore Curry. Il caso sembra destinato a concludersi con un nulla di fatto. Sennonché in aiuto all’ispettore arriva questa bizzarra vecchietta che sembra avere uno sguardo in grado di scandagliare in profondità i fatti. Grazie alla collaborazione di Miss Marple quello che sembrava configurarsi come un inevitabile fiasco per la polizia, si concluderà invece con un successo per la Legge e per Miss Marple.

Una vicenda avvincente che porta il lettore nei meandri di una vicenda che ha tutta l’aria di un intricatissimo e indistricabile gioco di prestigio. Un romanzo da leggere d’un fiato e da godere dalla prima all’ultima pagina. Una storia che contribuisce a rendere la collana Agatha Christie del Corriere della Sera una collana di romanzi degni di trovare un posto speciale nelle librerie di tutti gli amanti dei Grandi Romanzi ed in special modo in quelle degli amanti dei Grandi Gialli d’Autore.

Miss Marple: giochi di prestigio

 

Ricordando che anche “Miss Marple: giochi di prestigio“, come già le precedenti uscite e come sarà anche per le prossime della collana Agatha Christie del Corriere della Sera è in vendita al prezzo di € 6,90 più il prezzo del quotidiano ricordo per quanti poi fossero interessati ad avere più complete ed esaustive informazioni sulla collana Agatha Christie  del Corriere della Sera di andare a visitare il minisito appositamente creato dal Corriere della Sera per la collana Agatha Christie accessibile andando all’indirizzo: http://goo.gl/rPou3Y

Miss Marple: giochi di prestigio

Review: Il caso della domestica perfetta e altre storie

Il caso della domestica perfetta e altre storie
Il caso della domestica perfetta e altre storie by Agatha Christie

My rating: 5 of 5 stars

Nuove storie nelle quali la parte della mattatrice è recitata dall’arzilla vecchina dagli occhi cerulei residente a St. Mary Mead, al secolo letterario Miss Jane Marple. Mi Marple dovrà destreggiarsi e lo farà egregiamente come sempre tra svariati misteri. Si inizia con un uomo morente ritrovato all’interno di una chiesa la cui ultima parola sarà “Asilo”. A seguire vi saranno i misteri legati ad uno zio piuttosto zuzzurellone che impegnerà i suoi due nipoti ed eredi in una sorta di caccia al tesoro per scoprire l’identità della loro eredità. A seguire, anche se con un ordine casuale, va citato, senz’ombra di dubbio, il racconto che da il titolo a questa raccolta dell’ indiscussa Regina del Giallo, vale a dire “Il caso della domestica perfetta“. Qui un’onesta giovane del paese di Miss Marple, domestica a casa di due sorelle zitelle, viene licenziata dalle proprie datrici di lavoro con l’accusa di aver sottratto un gioiello; gioiello peraltro poi ritrovato dalla stessa domestica in un cassetto della casa. Dopo il licenziamento della giovane le due sorelle riescono, contro ogni probabilità, ad assumere una domestica che è il ritratto della perfezione e dell’efficienza. Come sempre nelle storie di Agatha Christie però anche nella più apparente e cristallina perfezione si nasconde l’inghippo. Un ultimo racconto che vale la pena citare presentando la raccolta “Il caso della domestica perfetta e altre storie” di Agatha Christie è “La maledizione della strega“. Qui il medico personale di Miss Marple, allo scopo di far riprendere una Miss Marple alquanto prostrata e depressa a seguito di una brutta influenza, le propone di esaminare un proprio manoscritto nel quale egli racconta un mistero locale. Nove racconti che rappresentano nove piccoli gioielli della Regina del Giallo; l’ideale per regalare qualche sano brivido in questa estate!

Sempre a proposito della Regina del Giallo ricordo la nuova collana del Corriere della Sera: la collana Agatha Christie. Nella collana Agatha Christie il Corriere della Sera, ha scelto di riunire ventiquattro tra i più famosi e apprezzati romanzi di Agatha Christie. Per quanti volessero maggiori e più complete e dettagliate informazioni sulla collana Agatha Christie, ricordo di visitare il minisito creato dal Corriere della Sera appositamente per la collana Agatha Christie, minisito raggiungibile all’indirizzo:  http://goo.gl/rPou3Y

View all my reviews

Review: Dieci piccoli indiani

Dieci piccoli indiani
Dieci piccoli indiani by Agatha Christie
My rating: 5 of 5 stars

In occasione dell’inizio della pubblicazione dei volumi facenti parte della collana Agatha Christie del Corriere della Sera, collana che ha esordito con la distribuizione, al costo di € 6,90 più il prezzo del quotidiano, proprio con “Dieci piccoli indiani” mi è venuta voglia di gustarmi una volta ancora quello che è considerato, da me ma non solo, IL Capolavoro di scrittrice originaria di Torquay. E quindi ecco a voi quella che è, al termine di questo mio nuovo viaggio a Nigger Island, il mio resoconto dei fatti.

Nigger Island è un’isola al largo delle coste del Devon. Su quest’isola, che deve il proprio nome alla sua forma che le da le sembianze di una testa d’aspetto vagamente negroide, vengono invitate, o forse sarebbe meglio dire convocate, dieci persone. Costoro non hanno all’apparenza nulla che le accomuna. Si tratta di un ex ispettore di polizia, una sorta di avventuriero, un medico di fama, un giudice in pensione, una vecchietta bigotta, una giovane insegnante di educazione fisica, un giovanotto dall’aspetto di un dio greco amante delle macchine e della velocità, un militare in congedo e una coppia di domestici. Niente li accomuna. Salvo il fatto di essere stati tutti convocati sull’isola da una serie di lettere che ventilavano vacanze da trascorrere assieme ad amici di vecchia data o ex commilitoni o incarichi di vario tipo.
La prima sera, dopo una cena deliziosa, viene fatto loro ascoltare un disco sul quale è registrato un messaggio a dir poco agghiacciante. Una voce sconosciuta, quella di loro ospite sconosciuto, il signor U. N. Owen, li dichiara colpevoli ognuno di un crimine che in passato la giustizia, per un verso o per un altro, non è riuscita a punire a dovere. E poco dopo la lettura di queste sentenze i convitati iniziano a morire. Uno dopo l’altro verranno tutti eliminati da una mano sconosciuta. Chi sarà il misterioso assassino? Chi tra i dieci agnelli celerà sotto la maschera le sembianze di un lupo? Quale sarà la motivazione che lo muove? A tutte queste domande la “Dama del Giallo” darà risposta al termine di questo magistrale giallo che si regge su di un meccanismo assolutamente perfetto che omicidio dopo omicidio guida il lettore verso una conclusione sorprendente.

Sempre a proposito della collana Agatha Christie del Corriere della Sera invito quanti volessero avere informazioni più complete ed esaurienti a visitare il minisito appositamente creato per la collana Agatha Christie all’indirizzo:  http://goo.gl/rPou3Y

 

View all my reviews

Una collana da brividi

Il Corriere della Sera vara una collana dedicata alla Regina del Giallo

Collana Agatha Christie del Corriere della Sera

Quella che sto per darvi sarà una notizia appetitosissima, in special modo per i cultori e gli appassionati del Giallo d’Autore. Il Corriere della Sera infatti darà il via, a partire da domani, venerdì 1° agosto 2014, alla pubblicazione della collana Agatha Christie. Già dal nome avrete senza dubbio capito la natura dei volumi che andranno a comporre questa nuova collana del Corriere della Sera. Per un’estate da brividi la collana Agatha Christie riunirà in sé venti tra i maggiori e più apprezzati romanzi dell’incontrastata “Regina del Giallo”. Ogni romanzo avrà un costo di € 6,90 più il prezzo del quotidiano. Una piccola spesa, specie se si considera il costo dei romanzi di Agatha Christie se acquistati in libreria, per poter godere delle emozioni e dei brividi che la prosa raffinata della scrittrice di Torquay.

Dieci piccoli indianiAd aprire le danze, per così dire, della collana Agatha Christie sarà, domani, venerdì 1° agosto 2014,  quello che è considerato il Capolavoro Assoluto di Agatha Christie: “Dieci piccoli indiani“. Con “Dieci piccoli indiani” la Regina del Giallo ci regala un romanzo che si regge su un meccanismo assolutamente perfetto. Dieci persone, sconosciute le une alle altre, vengono invitate a passare un periodo di vacanza in una villa su un’isola al largo delle coste inglesi. Ogni lettera reca come firma un nome che letto di seguito suona come la parola inglese unknown, sconosciuto. Chi sarà questo sconosciuto che li ha attirato, con vari stratagemmi, ognuno diverso dagli altri, chi in qualità di medico per curare senza farsene accorgere la moglie, chi come segretaria personale della moglie, chi per investigare su non si sa bene cosa, etc? Pagina dopo pagina e delitto dopo delitto l’autrice ci fa immergere in una vicenda oscura la cui soluzione arriverà solamente alle ultime pagine.

Assassinio sull'Orient ExpressGiusto il tempo di riaversi dalle fatiche delle indagini su Nigger Island ed è subito l’ora di salire a bordo della prossima indagine offertaci dalla collana Agatha ChristieProtagonista dell’uscita di venerdì 8 agosto 2014, sarà “Assassinio sull’Orient Express“. Sul treno forse più famoso al mondo salgono un gruppo variegato di passeggeri. Mentre il viaggio procede sul treno viene commesso un delitto. Uno dei passeggeri viene brutalmente ucciso. Il caso si presenta da subito di difficile soluzione in quanto, all’apparenza, nessuno dei passeggeri che si trovano a bordo aveva alcun motivo di astio verso la vittima. Un delitto ad opera di sconosciuti quindi? Nemmeno per sogno! Infatti a bordo dell’Orient Express vi è anche il detective con la “testa ad uovo”, al secolo letterario Hercule Poirot e così, il piccolo belga, comincia ad indagare e, passo passo, grazie alle sue fenomenali celluline grigie, il mistero si dipana e per il colpevole sarà, ancora una volta, scacco matto.

Un delitto avrà luogoScesi dall’Orient Express e riavutici dal viaggio con delitto ed eccoci pronti ad affrontare la terza delle indagini proposteci dal Corriere della Sera con la nuova collana Agatha Christie. La terza uscita, programmata per venerdì 15 agosto 2014, sarà “Un delitto avrà luogo“. Un paesino nella campagna inglese come ce ne sono tanti. Una serie di personaggi che vivono vite all’apparenza le più ordinarie possibili ed immaginabili. Vite che scorrono come tutte. Sennonché leggendo gli annunci pubblicati su un giornale locale una delle abitanti del paesino in questione nota un annuncio del tutto particolare e quantomai agghiacciante. Tra annunci di vendite di oggetti di vario tipo e annunci amorosi qualcuno ha deciso di pubblicare l’annuncio di un delitto che, a quanto si apprende dall’annuncio in questione, è stato programmato proprio per la sera di quello stesso giorno. Il tutto appare, inizialmente, come un macabro scherzo. Quando però il nefasto annuncio puntualmente si avvera la cosa assume contorni ancor più agghiaccianti. Il misterioso assassino non ha però messo in conto un piccolo ma basilare particolare. La presenza in quel luogo di un’arzilla vecchietta dalle spiccate attitudini investigative. La vecchietta in questione altri non è che Miss Jane Marple la quale, con l’acume e la sagacia che la contraddistinguono, verrà a capo del mistero di sangue e consegnerà il responsabile dei delitti alla giustizia.

Questi sono solo i primi tre dei  meravigliosi romanzi che comporranno, a partire da domani, venerdì 1° agosto 2014 e per venti venerdì la collana Agatha Christie distribuita in abbinamento settimanale con il Corriere della Sera. E quindi carissimi amanti del Giallo d’Autore preparatevi a godervi venti venerdì in giallo!

Per maggiori e più complete informazioni sulla collana Agatha Christie vi invito a visitare il minisito appositamente allestito dal Corriere della Sera e che si trova all’indirizzo: http://goo.gl/rPou3Y

Collana Agatha Christie del Corriere della Sera

Review: Curtain

Curtain
Curtain by Agatha Christie
My rating: 5 of 5 stars

Hercule Poirot non era amato dalla sua creatrice; tant’è vero che il romanzo che segna la fine dell’investigatore dalla testa d’uovo, fu scritto dalla Christie lustri prima della sua pubblicazione e da quel giorno è rimasto buono buono riposto in un cassetto, pronto per esserne tirato fuori e pubblicato, sul finire del 1975 a poche settimane dalla morte della stessa Christie. Per questa ultima e straordinaria avventura del Principe degli investigatori, come viene definito sulla copertina della mia copia del romanzo, uscito per i Classici de “Il Giallo Mondadori”, la Christie fa tornare Poirot, ormai vecchio e sofferente, sul luogo del delitto che segnò l’inizio della sua strepitosa carriera di investigatore: Styles Court. Gli anni sono passati anche per quella che ai tempi era la lussuosa villa di proprietà della famiglia Cavendish. In questo romanzo Styles Court non è più di proprietà dei vecchi proprietari ma è diventata una pensione senza eccessiva infamia ma neppure senza la minima ombra di lode. Qui si ritrovano Poirot e il suo Buon amico, il Capitano Hastings, tornato dal Sud America dove si era trasferito con la moglie, all’epoca del romanzo morta da tempo.
Poirot richiama il suo buon amico affinchè, almeno questa è la ragione che adduce inizialmente, sia i suoi occhi e le sue orecchie. Poirot dice ad Hastings che tra gli ospiti della pensione vi è un pericoloso criminale, il fantomatico X, colpevole già di (almeno) cinque crimini, il quale sembra pronto a colpire nuovamente. Ed infatti il delitto non tarda molto a far la sua comparsa e, come spesso capita, nelle situazioni nelle quali la scena del delitto è chiusa, i possibili colpevoli sono molteplici. La vicenda si snoda in un crescendo di tensione fino a che, quattro mesi dopo la morte di Poirot, perché Hercule Poirot in questo romanzo viene fatto morire, sia pure per cause naturali, legate ai problemi cardiaci che lo tormentano da qualche tempo, al Capitano Hastings viene fatto pervenire un plico sigillato contenente una lettera nella quale Hercule Poirot mette le carte in tavola sul “Nuovo Mistero di Styles Court”. Questa lettera darà a questa vicenda già sorprendente di per sé un ultimo tocco di sorpresa. Anzi più d’uno!

View all my reviews

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

Destinazione Libri

"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita:la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni:n c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia e quando Leopardi ammirava l'infinito...perchè la lettura è un'immortalità all'indietro" cit..Umberto Eco Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

favolesvelte

Il mio mondo è fatto di disegni e fotografie, filastrocche, poesie e racconti che invento per gli adulti e per i bambini - Favolesvelte è anche un libro edito da Golem Edizioni, nato dalle 365 storie in 365 giorni pubblicate in questo blog nel corso del 2014 - Spot stories of a psychotherapist/Valeria Bianchi Mian - Licenza Creative Commons FAVOLESVELTE - SPOT STORIES di Valeria Bianchi Mian è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.