Un pomeriggio da brividi

Brividi tra i libri con l’Associazione Bolla e Fantasia e il Blog Del Furore di avere Libri

Salve a tutti!

Per iniziare al meglio questa settimana la nostra inviata dalle terre parmensi, la bravissima Isabella Grassi, ci presenta un evento in compagnia di Libri che danno i Brividi.  Per tutte le informazioni sull’evento cedo senza ulteriori indugi la parola a Isabella Grassi:

Brividi tra i libri – un pomeriggio di paura.

Evento letterario organizzato dalla Associazione Bolla e Fantasia e dal Blog Del Furore Di Avere Libri.

Presso

Sala Consigliare “Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa” del Comune di Buttigliera Alta,

Via Reano, 3

10090 Buttigliera Alta (TO).


Sabato 4 Novembre   2017

dalle Ore 16:30 alle 18:30

 

Il blog Del Furore di Aver Libri, l’associazione culturale Bolla e Fantasia e il Comune di Buttigliera Alta organizzano un pomeriggio di paura tra i libri, dato che Halloween non è poi così lontano…


Ad Halloween, anche i libri fanno paura!


Naturalmente, solo quando non si passa la festa più paurosa dell’anno in compagnia di due scrittori di noir e thriller, due blogger, un blog di libri e un’associazione culturale.


“Parlando e giocando con un libro inquietante come Il confessore, di Jo Nesbo, streghe, vampiri, fantasmi e licantropi diventano solo l’occasione per un dolcetto o uno scherzetto.”

Presentano il libro:

Davide Pappalardo, autore di Buonasera (signorina), (Eclissi Editrice)

Giovanni Bertani, autore di Il grisbì (Forme Libere)

Loredana Gasparri, blogger Del Furore Di Aver Libri

Simona Coppero, fotografa e reporter Bolla e Fantasia 

Due gli autori invitati: GIOVANNI BERTANI, e DAVIDE PAPPALARDO.

 

11402946_881349178616092_6998477412801783750_n

Giovanni Bertani, è il giallista parmigiano che i lettori di questo blog conoscono e seguono sia per la sua opera Il Grisbì (Forme Libere Editore), che per il suo ruolo di presentatore nella rassegna “un pomeriggio in giallo”, nonché per i suoi recenti interventi come scrittore di racconti brevi. Ha trascorso la sua infanzia con la famiglia in Somalia e Kenya dove ha vissuto fino al 1970. Attualmente vive e lavora a Parma come libero professionista. Laureato nel 1988 in Economia e Commercio, successivamente si è trasferito nel regno Unito dove ha conseguito un MBA. Il suo primo racconto è stato pubblicato nel 1982, successivamente alla laurea ha pubblicato diversi articoli di carattere economico. Nel 2009 sono state messe in scena due suoi atti unici in un teatro di Parma e quindi nel 2015 è stato pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Il grisbì” (Forme Libere Editore). Sempre nel 2015 è stata messa in scena un piccolo atto unico in un altro teatro di Parma e nel 2016 ha co-diretto uno spettacolo sulle malattie rare.

Dal 2016 si occupa di presentare autori emergenti e esordienti nelle librerie di Parma.

Ha partecipato ad alcuni concorsi letterari per racconti, con la pubblicazione di “La neve il giorno prima della fine del mondo” nella antologia <<Racconti Emiliani>> (historica) e classificandosi secondo al premio letterario “Alda Merini” con “Un altro ballo”.

Si sta dedicando alla stesura di un’antologia di racconti., alcuni dei quali già in corso di pubblicazione: “Andiamo via è stato inserito nella I Raccolta Antologica  “Metti un Racconto a Cena” e  “L’ospite inatteso” verrà pubblicato sulla rivista La Penna del Drago n. 1/2018.

Così scrive di Bertani e della sua opera Il Grisbì, Forme Libere Editore, Simona Coppero, nel blog Del Furore di Aver Libri:

“Le ultime righe della postfazione mi fanno partire dall’inizio di questo post: “Bobby Lago è.” Giusto, chi è Bobby Lago? Protagonista principale, contrabbandiere uscito di prigione, che cerca di ricominciare una vita normale, ma priva di scintille, priva di significato apparente: bollette da pagare, assegno di mantenimento alla ex moglie, lavoro umile e semplice di barista, fino ad una mattina, quella mattina che lo porterà a sentirsi nuovamente vivo: così parte la storia.

Bobby Lago incontrerà vari personaggi, ma sono quelli femminili che più avranno rilevanza per lui e per la narrazione. Tre donne diverse tra loro che completeranno quello che Bobby Lago non racconta di sé. Ed è proprio questo aspetto che mi ha fatto pensare al libro su un piano diverso.

Un ex contrabbandiere viene etichettato dalla gente comune come un poco di buono solitamente, una persona ai margini della società, scaltro, senza regole, trafficone, qui invece vengono a galla tutte quelle piccole verità che costituiscono un essere umano: quindi, in fondo, è proprio una cattiva persona? Da cosa lo giudichiamo sempre se è nostro diritto giudicare?”

Ci sarà anche DAVIDE PAPPALARDO, autore di Buonasera (Signorina), (Eclissi Editrice).

COPERTINA (4)

Davide Pappalardo è nato nel ’76 alle pendici dell’Etna e ha vissuto tra il vulcano e gli scogli del mar Jonio fino ai ventisei anni, Si trasferisce in seguito nella capitale e infine a Bologna. Da sempre appassionato di storiacce di bulli, pupe, pistole e delitti, dopo aver scritto qualche articolo dedicato ai fenomeni criminali, sotto le Torri comincia a cimentarsi con la scrittura creativa. Nel 2015 pubblica il suo primo romanzo, Milano Pastis (Nerocromo), e la raccolta di racconti La Versione di Mitridate (Zona Contemporanea). Buonasera (signorina) (Eclissi) è il suo secondo romanzo. Con Milano Pastis, nel 2016, vince una menzione al Concorso Internazionale Città di San Giuliano, con Buonasera (signorina), nel 2017, riceve un’altra menzione al premio San Giuliano in Giallo ed è al momento semifinalista al premio Garfagnana in Giallo.

Così una sua recensione su lefiammedipompei,it:

“Buonasera (signorina) è uno di quei libri che attrae fin dalla prima pagina. Un giallo ambientato nella Milano degli anni 70 con tante citazioni musicali e descrizioni che rendono possibile un viaggio immaginario verso il capoluogo lombardo. Protagonista indiscusso di tutta la vicenda è l’ex poliziotto Libero Russo, un investigatore privato con distintivo falso, revolver non denunciata, sguardo truce e modi schietti che vive da solo in compagnia del suo gatto. Un personaggio autoironico e allo stesso tempo riflessivo che accusato dell’uccisione del braccio destro del gangster Joe Le Maire si ritroverà coinvolto in indagini che lo porteranno ad immergersi nella malavita milanese fatta di smercio di droga, guerre tra night e sfruttamento della prostituzione. Scorrendo le pagine del libro, il lettore viene a conoscenza di tanti fatti e personaggi, tutti possibili colpevoli ma la bravura di Davide Pappalardo è stata proprio quella di portare il lettore verso strade senza uscita fino alla conclusione del libro quando verranno svelati tutti i misteri. Pagina dopo pagina scorrono piccoli indizi tanto che si pensa di aver capito, ma poi con un giro di boa viene rimesso tutto in discussione.”

Ma gli autori, intratterranno il pubblico non tanto e non solo parlando dei loro libri, ma analizzando “Il Confessore” di Jo Nesbo (Einaudi).

jo nesbo

“Il mondo di Sonny Lofthus è crollato il giorno in cui, tornando a casa, ha trovato il padre, un poliziotto, morto suicida. Ha cominciato a drogarsi. Ora non ha neanche trent’anni ed è in prigione da dodici per duplice omicidio. Eppure c’è qualcosa in lui che ispira fiducia, perché nel carcere di massima sicurezza di Staten i compagni lo considerano una specie di confessore; gli raccontano le loro storie. La sua esistenza è ormai tutta lì, non ha più sogni né un’idea del futuro. Finché un detenuto gli rivela che in realtà suo padre è stato ucciso. In quel preciso istante Sonny riscopre una ragione per vivere e riacquistare la libertà: ha deciso di punire i colpevoli, uno alla volta.”

Così la quarta di copertina…

Non perdetevi dunque questo pomeriggio da brividi.

Per maggiori info e per approfondimenti, visitate l’evento creato sul social facebook:

https://www.facebook.com/events/190258971521037/?active_tab=about

Isabella Grassi

Annunci

Jolanda Pergreffi a Inchiostro d’autore

Oggi alla rassegna Inchiostro d’autore sarà ospite Jolanda Pergreffi

Salve a tutti!

Copertina romanzo Verso domani

Stanotte torno tra voi per segnalarvi che alla rassegna Inchiostro d’autore, oggi, mercoledì 25 ottobre 2017, a partire dalle ore 18.00, alla Libreria Piccoli Labirinti di Parma, Jolanda Pergreffi presenterà il proprio romanzo “Verso domani“, edito da Spunto Edizioni.

Per maggiori informazioni riporto di seguito il comunicato ufficiale:

Copertina romanzo Verso domaniRassegna Inchiostro d’autore

Mercoledì 25 Ottobre

ore 18:00

Jolanda Pergreffi, scrittrice parmigiana,

presenta

“Verso Domani”

il suo nuovo romanzo

Un viaggio all’interno della propria anima e del proprio passato per una bambina che vive l’abbandono e che impiega una vita a comprenderlo, fino a sentirsi degna di essere parte del mondo.Il tutto senza risparmiarsi emozioni, incontri, scoperte e perdite.

Dialoga con l’autrice Francesca Ciani

Invitando quanti tra voi potessero a non lasciarsi scappare l’occasione di prendere parte a questo interessantissimo evento ringrazio di tutto cuore tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e vi do l’arrivederci alla prossima occasione!

Buonanotte e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Copertina romanzo Verso domani

Festival dell’Autobiografia ad Anghiari

Da domani a domenica 3 settembre ad Anghiari in scena il Festival dell’Autobiografia

Salve a tutti!

Logo Festival dell'Autobiografia 2017

Dopo qualche giorno di latitanza torno tra voi per una nuova segnalazione. Stavolta si tratta del Festival dell’Autobiografia che andrà in scena nello splendido borgo toscano di Anghiari, nella Valtiberina, in provincia di Arezzo, da domani, venerdì 1° settembre 2017 a domenica 3 settembre 2017 giunto ormai alla sua settima edizione. Tema dell’edizione di quest’anno sarà “I dove della vita. Luoghi e non luoghi

Per un’informazione più completa e dettagliata riporto qui di seguito il programma completo dell’evento:

Festival dell’Autobiografia
I DOVE DELLA VITA. Luoghi e non – luoghi
Paesaggi, svolte e sentieri della scrittura autobiografica

VENERDI’ 1 settembre
Teatro di Anghiari

Ore 15

Apertura Festival Sindaco di Anghiari, Alessandro Polcri, Stefania Bolletti, Duccio
Demetrio
La Libera venti anni dopo
Relazione introduttiva di Raffaele Milani: Filosofie del paesaggio e dei luoghi
Prima tavola rotonda: Lo spazio vissuto nel pensiero autobiografico
ne parlano Micaela Castiglioni, Stefano Ferrari, Fabrizio Scrivano
presenta Giorgio Macario

Ore 18

Luoghi e non luoghi della poesia
Poetiche di terre e campagne, poetiche metropolitane
a cura di Angelo Andreotti e Stefano Raimondi, con Valeria Manzi e Silvia Comoglio

Ore 21

A veglia…
Le memorie del presente: maratone notturne
Gilberto Bettinelli: Città, periferie e dintorni
Ludovica Danieli: Paesaggi interiori
Ivana De Toni: In pianura
Umberto Maiocchi: In montagna
Lucia Portis: Spaesamenti

SABATO 2 settembre
Teatro di Anghiari

Ore 9

Seconda tavola rotonda: Realtà e finzione in autobiografia
ne parlano Gian Luca Barbieri, Duccio Demetrio, Alessandro Zaccuri
presenta Ludovica Danieli

Ore 11

Città e altri spazi
Intervengono Renzo Riboldazzi, Laura Falqui, Gian Paolo Nuvolati, Francesco Vidotto
introduce Stefania Bolletti

Ore 13

Le memorie del passato: short story girovagando per Anghiari
conduce Donatella Messina, con Daniela Bennati e i corsisti della scuola di formazione
formatori di Anghiari

Ore 15

Teatro di Anghiari
Crescere dove e come
Gilberto Bettinelli presenta Mauro Covacich La città interiore e Alberto Rollo
Un’educazione milanese

Ore 16,30

Biografie, testimonianze, storie: i metodi
presenta Anna Maria Pedretti
In trincea: con Claudio Rigon
Girovagando: con Mario Gasparini
In miniera: con Fiorenza Mannucci
Ricordi di animali: con Roberto Marchesini

Ore 18

Ai tavolini dei caffè con autrici e autori: libri, ricerche, esperienze
Gli altrove
Caffè Garibaldi
Maria Gaudio presenta: Vittorio Ferorelli con Emanuele Ferrari Ritorno in Montenegro;
Clara Piacentini Bianca come l’ Africa.
Migrazioni, luoghi, appartenenze
Palazzo Testi
Tra qui e là: le mappe dei bambini e dei ragazzi “nuovi italiani”
Graziella Favaro introduce: Antonio Di Pietro e Mariella Pavani (Progetto del Comune di Prato), Lontano e vicino. Racconti per immagini e parole; Angela Maltoni (IC Cornigliano), Il paese lasciato; il paese immaginato; Francesco Vietti e guide interculturali Migrantour (Torino), Torino è casa mia. Passeggiate interculturali nella città di tutti.
In cella
Bar Teatro
Donatella Messina presenta le scritture dei poeti e autobiografi dell’Istituto
penitenziario di Milano Opera insieme a Barbara Rossi e Daniela Bianchini; Angelo
Ferrarini presenta Per qualche metro e un po’ d’amore in più.
Care bambine e bambini, anche gli insetti hanno una casa…
Giardini del Vicario
Storie e farfalle con l’entomologo Gianumberto Accinelli
I dove dell’ educazione
Showroom Busatti
Ludovica Danieli presenta: Alessandro Zaccuri Come non letto. Dieci classici (più uno) che possono ancora cambiare il mondo e il progetto Nati per scrivere a cura dei collaboratori territoriali LUA; Silvia Montevecchi presenta Esperienze di scrittura autobiografica nella scuola bolognese; Umberto Maiocchi presenta Esperienze di scrittura in cammino con i ragazzi; Lucia Portis e Luciano Tosco, A spasso con il nonno.
Diario di viaggio nel mondo bambino; Francesca Colao, Arianna Giuliano, Simona
Zunino, Manuela Panzalis presentano I bambini incontrano gli anziani in una casa di riposo
Dis-luoghi
Quando la disabilità si fa scrittura
Caffè dello Sport
Laura Mazzeri conversa con: Davide Mafrica, autore del blog Le note di Mafry, Anna Visciani, autrice di Se Arianna (Giunti), Alessandra Mascaretti, editor; Giancarlo Onger, tra gli autori di Storie di scuola. L’inclusione raccontata dagli insegnanti

Spazi di vita
Famiglie, paesi, comunità
Albergo La Meridiana
Carmine Lazzarini presenta Carlo. A. Martigli La follia di Adolfo; Anna Maria Pedretti presenta Cavezzo si racconta, Lilli Bacci presenta Raethia Corsini e Laura Lombardi
SmALLhome; Francesco Mancuso presenta Storie di Gente di Bracciano raccolte e scritte da Francesco Mancuso; Patrizia Petrosino presenta Marisa Moreschini Se un destino benevolo ci tende la mano; Roberto Scanarotti presenta Il progetto che non c’è: ovvero,
quando le istituzioni dimenticano
I luoghi dell’infanzia
Bistrot Talozzi
Raccolta a cura del Circolo di scrittura autobiografica a distanza – a cura di Stefanie Risse
Presentazione dei testi arrivati ad Anghiari, letture ad alta voce e riflessioni sul tema da parte dei partecipanti al Circolo e interessati
Per le vie e le piazze di Anghiari – Momenti d’ascolto e letture al leggio
Piazza Mameli
Pagine di diario, taccuini, monologhi interiori, epistolari
Leggono Mariagrazia Comunale e Duccio Demetrio
Leggere autobiografie
Palazzo Pretorio
Le autrici e gli autori del corso Graphein 2016 incontrano i loro lettori
Introduce e conduce Sara Bennati

Ore 21, 30

Teatro di Anghiari
Un mistero di sogni avverati. Massimiliano Larocca canta DINO CAMPANA
con Massimiliano Larocca, Riccardo Tesi e Antonio Gramentieri (Sacri Cuori)

DOMENICA 3 settembre
Teatro di Anghiari

Ore 9

Premio Città dell’Autobiografia – Sezione Studi e Ricerche
Presentano Caterina Benelli e Duccio Demetrio con gli altri membri del Consiglio
scientifico del Centro nazionale di ricerche e studi autobiografici

Ore 10,30

Lavori in corso: flash nuove idee e progetti
Lucia Bianco e Marilena Capellino presentano La libreria delle Storie senza dimora in collaborazione con il Gruppo Abele; Micaela Castiglioni La scuola di medicina narrativa. Presenta Giovanni D’Alfonso

Ore 12

Conferimento Premio Città dell’Autobiografia a Maurizio Maggiani per La Zecca e
la rosa.
Conferimento Diploma ad Honorem in Econarrazione a Franco Arminio scrittore e
paesologo per il suo impegno civile e culturale in difesa dei territori

Ore 13

Conclusioni di Stefania Bolletti e Duccio Demetrio

Ore 15

Per viam…patchwork autobiografico ai crocicchi anghiaresi
con Savino Calabrese
Ortobiografie a scuola
Istituto comprensivo Pier Cironi di Prato – Ragazze e ragazzi presentano i loro
laboratori di Econarrazione con Teresa Ramunno e Andrea Bertini

Ore 16,30

Paola Gassman presenta l’autobiografia Una grande famiglia dietro le spalle
con letture di Paila Pavese.

Ringraziandovi di tutto cuore per la pazienza e l’attenzione vi do l’appuntamento alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Concorso letterario “IDEA DONNA”

Segnaliamo la 9^ Edizione del Concorso letterario “IDEA DONNA”

Salve a tutti!

Per aprire al meglio questa settimana diamo notizia della 9^ Edizione del Concorso letterario “IDEA DONNA” organizzato dalla LAGIP. Il termine per la partecipazione è fissato al 26 settembre 2017.

Ecco il bando completo:

Concorso Letterario   “IDEA DONNA ”

       per inediti di autori di entrambi i sessi

    e autori di lingua italiana ovunque residenti


9.a Edizione 2017

Scadenza iscrizione:


martedì 26 SETTEMBRE 2017

 

*Gli assenti alla Premiazione potranno delegare e in ultima istanza garantiamo l’invio di quanto loro assegnato tramite Poste Italiane

———————————————————————————————————————————

La “LAGIP Libera Associazione Giardino dei Poeti, Letterati, Artisti”  indice  la 9.a  EDIZIONE del   Concorso Letterario Internazionale per INEDITI d   Poesia e Racconti brevi “Lui e lei – IDEA DONNA Le sezioni del Concorso per inediti  di poesia  e narrativa breve sono tre: —   

  1. A) POESIA sezione a   TEMA  LIBERO 
  2. B)     POESIA dal  tema “Dedicato a te donna simbolo, sia celebre che misconosciuta.”
  3. C) RACCONTO TEMA  LIBERO oppure –a piacere- ispirato alla tematica della sezione B   (*Specifica per tutte le tre sezioni: possono partecipare autori di lingua italiana d’entrambi i sessi e d’ogni età. I minorenni accluderanno liberatoria firmata dai genitori). 

►ISTRUZIONI PER le  DUE  SEZIONI  di POESIA:   Inviare a scelta un  massimo di due poesie  (per sezione) di lunghezza non superiore a   30 versi / NUMERO COPIE  Inviare  le poesie in 2  copie  così composte: 1 anonima  eà1 sola  FIRMATA, con in evidenza i dati personali  completi scritti con chiarezza.  Seguire il seguente promemoria .  Sono obbligatori detti dati da specificare  (anche a penna in stampatello)=TITOLO opere , SEZIONE SCELTA. Nome, Cognome, indirizzo completo, Data di nascita, telefono domicilio, cellulare, eventuale e-mail e firma .    NOTA: il  Curriculum  è GRADITISSIMO ma è facoltativo (e non costituisce titolo di merito rispetto a chi non lo presenterà).  –

►  ISTRUZIONI PER  la  SEZIONE  RACCONTO a  TEMA LIBERO oppure (a scelta) ispirato alla tematica espressa nella sezione B .Sono idonei testi  in forma di racconto  o saggio, di lunghezza massima 3 cartelle (3 facciate di fotocopia in formato a piacere purché leggibile) Sono obbligatori detti dati da specificare  (anche a penna in stampatello)=TITOLO opere , SEZIONE SCELTA. Nome, Cognome, indirizzo completo, Data di nascita, telefono domicilio, cellulare, eventuale e-mail e firma .  NUMERO COPIE:  Inviare  i testi  in 8 copie cosi composte:à7 anonime  e  1 sola  con  FIRMA e in evidenza  i dati personali dettagliati  NOTA: il  Curriculum  è GRADITISSIMO ma è facoltativo (e non costituisce titolo di merito rispetto a chi non lo presenterà).  –

 ►SPEDIZIONI :  cartacee da effettuarsi per Poste Italiane o private. A esclusiva scelta del partecipante accettiamo sia  posta normale prioritaria che Raccomandata ( anche se questa ultima non è obbligatorio ne suggerita).

 

PREMI àAi  tre vincitori assoluti cofanetto con Targa personalizzata àAi rimanenti  classificati  secondi, terzi, quarti,  quinti, segnalazioni di merito, menzioni d’onore, premi speciali:  diploma personalizzato, eventuali  pubblicazioni, libri,  gadget,  omaggi all’uopo e Premi speciali vari. ●  Ogni autore che vinca il primo premio dopo due ottenimenti nei nostri concorsi non potrà più partecipare ai nostri eventi e sarà nominato giurato per accettazione.

COME  ISCRIVERSI:   Si richiede che ciascun autore di alleghi il contributo di 10 euro per sezione in banconota  inserita e  ben occultata nella busta; oppure utilizzi  un vaglia postale all’indirizzo del Concorso. E’ possibile partecipare con più componimenti seguendo le stesse istruzioni, usando lo stesso plico e aggiungendo  specifiche  quote per ogni componimento o coppie di poesie  presentate.Ø Gli autori di lingua italiana residenti all’estero in nazioni extra europee  possono iscriversi ad ogni sezione con partecipazione  gratuita.

 ►PRESENTAZIONE DELLE OPERE:  Inviare  tutti i testi cartacei  con Poste Italiane o poste private a:

​LAGIP   -GA​ – Daniela  BRUNI – Via  Laureati 89 /  63074- San Benedetto Tronto – AP –

entro la data di  MARTEDI  26 SETTEMBRE 2017  – Farà fede il timbro postale.  

NOTE= Si  pregano gli autori  –SE E’  LORO POSSIBILE- di inviare le composizioni con   CONGRUO ANTICIPO, onde facilitare le operazioni di segreteria. Ogni elaborato pervenuto in qualsiasi data sarà comunque accuratamente esaminato. Si ringrazia sentitamente per la vs. sollecitudine!

 I partecipanti  restano titolari dei diritti d’autore. Ognuno è responsabile di ciò che presenta a suo nome . Pertanto eventuali plagi o rifacimenti ricadranno sotto la responsabilità esclusiva e  personale degli autori medesimi.  Ricevendo iscrizioni non rispondenti a tutte le  richieste di questo bando,  il concorrente non potrà partecipare al Premio. Nessun testo sarà pubblicato  senza l’espresso  permesso dell’autore. Nessun testo sarà restituito né ceduto a terzi. Tutti e solo i finalisti e vincitori  saranno avvertiti con comunicazioni personalizzate.

PREMIAZIONE La  premiazione è prevista nella seconda parte del 2017 in loco. In prossimità della Cerimonia saranno fornite per via e. mail  indicazioni confermate e vincolanti. I premi non  ritirati verranno spediti ai vincitori  all’indirizzo da loro indicato, senza alcun tipo di contribuzione da parte loro e  tramite  Poste Italiane eccetto che per gli assegnatari dei riconoscimenti speciali a cui sarà chiesto unicamente di inviare tre francobolli da novantacinque centesimi. La spedizione avverrà presumibilmente a conclusione dell’evento.

VERDETTO FINALE Il verdetto finale sarà inviato SOLO A finalisti, vincitori Premi Speciali,  agli organi di stampa cartacei e on line. Chiunque vorrà informarsi in proprio, può in qualsiasi momento scrivere, o inviare mail a cerchidiparole@gmail.com; o telefonare solo nelle ore 17-19 al 3484703588 (-solo nelle ore 1719)   

 ►NOTE  GENERALI  Ogni autore con la sua partecipazione e la firma sul proprio testo concede tacitamente il trattamento dei dati personali secondo le disposizioni della attuale normativa LEGGE sulla PRIVACY  D. Lsg 196/2003 e modifiche. Gli elaborati presentati non saranno restituiti. Si ribadisce che i dati degli autori non verranno ceduti a terzi estranei  ma usati unicamente nell’ambito del Concorso  e dei suoi collaboratori per  inoltrare, in invio nascosto le co​municazioni.

 Non sono previsti rimborsi per spese d’albergo e di viaggio, i partecipanti vorranno prenotare  per loro conto il pernottamento perché NON abbiamo convenzioni specifiche.  L’organizzazione si riserva la facoltà, se obbligata per cause di forza maggiore  di apportare modifiche minime,   alle procedure e ai tempi qui indicati. L’organizzazione non risponde di inconvenienti attribuibili ad altri come mancati recapiti e  smarrimenti da parte di  Poste Italiane e mancati arrivi al destinatario di e-mail. La partecipazione al concorso “Idea Donna” implica la piena accettazione di tutti le indicazioni  del presente bando e con essa gli autori dichiarano tacitamente che: a) accettano l’invio di e-mail culturali al loro indirizzo di posta elettronica da parte dell’organizzazione e suoi collaboratori, b) le opere presentate sono frutto della loro creatività e che quindi non dovranno risultare  essere plagi o rielaborazioni di altri autori. L’autore con la partecipazione solleva gli organizzatori da qualsiasi responsabilità. L’operato della giuria è insindacabile. Nel dispiegarsi dell’evento l’organizzazione si riserva di apportare minime modifiche onde migliorare lo svolgimento complessivo dello stesso, che saranno prontamente comunicate agli iscritti. Ulteriori  informazioni possono essere richiesti in qualsiasi momento a​ cerchidiparole@gmail.com

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e arrivederci alla prossima occasione!

Buon lunedì e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

 

Aperilibriamo

La sera del 31 agosto tutti alla Biblioteca Comunale di Agugliano (AN)

Salve a tutti!

Torniamo tra voi per annunciarvi, tramite la nostra preziosissima inviata dalle terre parmensi (e non solo!) Isabella Grassi un evento che si terrà giovedì 31 agosto 2017, tra le ore 19.30 e le ore 21.00, presso la Biblioteca Comunale “Sara Iommi” di Agugliano (AN). Per maggiori informazioni su questo evento culturale denominato “Aperilibriamo“, cedo ora la parola alla nostra Isabella Grassi:

APERILIBRIAMO

Evento letterario organizzato dalla Biblioteca Comunale di Agugliano (AN)

“SARA IOMMI”

Presso

la terrazza del Ristorante Al Belvedere  

Piazza Vittorio Emanuele II, 3

60020 Agugliano (AN)

Giovedì 31 Agosto 2017

dalle Ore 19:30 alle 21:00

 

Un evento culturale, un’occasione per conoscere quattro autori su una splendida terrazza delle Marche, organizzata dalla Biblioteca Comunale di Agugliano “SARA IOMMI”, e al termine del salotto letterario un aperitivo da degustare con le luci del tramonto.

 

Questa la scaletta:

Introduzione alla serata di Elena Coppari

 

Presentazione del libro

Il Grisbì (Forme Libere Editore, 2015), e dell’autore Giovanni Bertani.

E’ prevista una lettura a cura di Isabella Grassi e Eleonora Bertani.

 

Elena Coppari introduce Elena Casaccia che presenta gli autori ed i libri della casa editrice Guasco.

 

Modi anconetani, e Modi anconetani “il continuo”, (Edizione Guasco) di Stefano Calabrese

 

Ok, aprite le gabbie, (Guasco  2017) di Silvia Donati

 

Un lungo consolatorio tappeto rosa, da Delly alla chick-lit, (Guasco, 2017) di Oliva Sori  

 

E’ prevista una breve lettura da parte di ogni autore 

 

Gli autori saranno a disposizione per rispondere alle domande dei presenti.

Seguirà l’aperitivo.

 

Spendiamo ora qualche parola sui libri e sugli autori.

Copertina Il Grisbì

Il Grisbì (Forme Libere Editore, 2015), di Giovanni Bertani.

Il Grisbì è il romanzo d’esordio di Giovanni Bertani, è un noir uscito a luglio 2015 ed edito da Forme Libere Editore.

E’ stato presentato in anteprima nazionale alla prima edizione dell’Elba Book Festival, il 31 luglio 2015.

Bobby Lago: contrabbandiere uscito di prigione sulla cinquantina conduce una vita onesta ma è ormai consegnato ad un destino solitario e malinconico. Una mattina la sua esistenza immobile viene sconvolta da un rapinatore ben vestito che fa coppia con una donna dal naso impertinente, molto abile con le pistole.

Scambiato per un complice, non gli resta che darsi alla macchia, Quella che doveva essere una semplice fuga si trasforma ben presto in una lotta estenuante. Cinico e disincantato, sedotto dal desiderio di una vita migliore e a suo modo idealista, Bobby Lago è un duro e puro. Alla fine ritroverà l’uomo che era, ma dovrà fare i conti con la sua solitudine e con un passato ossessivamente presente, che non lascia scampo neppure ai peggiori.”

I protagonisti di questo noir, definito a torto o a ragione un hard boiled, sono estranei fino al giorno prima, e si ritrovano in una fuga con un malloppo che potrebbe cambiare le loro vite. Non hanno nulla in comune se non il desiderio di godersi la loro parte della rapina. Quello che doveva essere un viaggio perfettamente pianificato si trasforma presto in un continuo assedio, dove inseguiti e inseguitori, rapinatori e rapinati,  affronteranno degli ostacoli sempre più difficili e inaspettati. È l’inizio di un profondo legame che cresce nel corso dei tre giorni in cui si snoda la vicenda. Jack insieme ai soldi ha rubato una busta sigillata dal contenuto ignoto e scomodo, che interessa a molte persone influenti.

Bobby Lago è un uomo, un uomo che si comporta da tale.

Bella tiene fede al suo nome, e come ci aspetterebbe porta i tacchi a spillo, ma spara come un uomo.

Cinzia, in arte Samantha è forse la più femminile, ma ha una doppia vita, due facce.

Marg, è la donna che più conosce Bobby Lago, che più lo comprende, quella che sa sempre, dove e come trovarlo, quella dalla quale  lui scappa, anche se…

Ma non sono solo i sentimenti a dare animo ai personaggi, ma la loro umanità, infatti “tutti e quattro, o forse cinque, sono persone vere, non semplici personaggi, persone che hanno desideri, e perfino bisogni corporali, che amano, odiano, e vanno in bagno.

Questi sono i momenti di rottura, i momenti dove il personaggio diviene appunto persona, dove il lettore si riconosce, dove si rompono gli schemi,  dove sembra quasi di guardare nella macchina da presa, di essere il protagonista che ammicca allo spettatore, ed allora la lettura diventa cinema e teatro.

Mano che la lettura procede le immagini scorrono velocemente, ed il lettore ne diventa protagonista in quanto la loro descrizione da narrazione diviene reportage, dove il narratore sembra un cameraman con videocamera a spalla.

Non potendo ricorrere quindi a montaggi ed effetti speciali,  Bobby Lago ricorre a trucchi molto semplici e così la sua personalità emerge quando ricarica le armi, quando decide le strategie, quando sceglie con chi allearsi.

Saranno questi “trucchi” da uomo vero a salvarlo e a condannare gli altri.

Ed ecco che l’autore porta il lettore a condividere le idee di un delinquente, perché Bobby è un puro, un semplice, uno di cui nonostante tutto ci si può fidare.

Bobby Lago è.

Giovanni Bertani è nato nel 1964 a Parma, si è trasferito con la famiglia in Somalia e Kenya dove ha vissuto fino al 1970. Attualmente vive e lavora a Parma come libero professionista. Laureato nel 1988 in Economia e Commercio, successivamente si è trasferito nel regno Unito dove ha conseguito un MBA. Il suo primo racconto è stato pubblicato nel 1982, successivamente alla laurea ha pubblicato diversi articoli di carattere economico. Nel 2009 sono state messe in scena due suoi atti unici in un teatro di Parma e quindi nel 2015 è stato pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Il grisbì” (Forme Libere Editore). Sempre nel 2015 è stata messa in scena un piccolo atto unico in un altro teatro di Parma e nel 2016 ha co-diretto uno spettacolo sulle malattie rare.

Dal 2016 si occupa di presentare autori emergenti e esordienti nelle librerie di Parma.

Ha partecipato ad alcuni concorsi letterari per racconti, con la pubblicazione di “La neve il giorno prima della fine del mondo” nella antologia <<Racconti Emiliani>> (historica) e classificandosi secondo al premio letterario “Alda Merini” con “Un altro ballo”.

Si sta dedicando alla stesura di un’antologia di racconti.

Copertina "Modi Anconetani" Copertina "Modi Anconetani - Il continuo"

Modi anconetani, e Modi anconetani “il continuo”, (Edizione Guasco) di Stefano Calabrese

Il volume propone detti ed espressioni del popolo anconetano, raccolti con l’acutezza dell’etnografo che osserva e interpreta voci, modi e culture delle diverse civiltà che incontra nei suoi viaggi. Ma per l’autore il viaggio prende inizio ad Ancona e lì vede la sua destinazione, tra le vie del centro, il mercato, le officine dei meccanici, gli artigiani, e i frequentatori della fiera di San Ciriaco. Dalla capacità di sintesi dell’anconetano al modo di chiedere favori fino ai più comuni errori linguistici di genere e di numero, il libro mostra le radici di quella placida indolenza che lo scrittore Francesco Fumelli, autore della prefazione, ha definito espressione di “buddismo fatto popolo”.  

MODI ANCONETANI è un volume prezioso, acuto e divertente, capace di svelare, con un’analisi ragionata di detti,  l’essenza e l’anima della città di Ancona.

Stefano Calabrese, detto Stinga, classe 1969, nato ad Ancona da padre salentino e madre anconetana, con nonna materna bavarese, da piccolo sognava che la sua città diventasse famosa per l’Italia intera, per via di qualche evento culturale o personaggio di spettacolo.

Il desiderio non si è mai avverato, ma nel frattempo lui si è appassionato a diversi ambiti artistici. Attratto sin da giovanissimo dalle parole, dalla fonetica e dalla metrica italiana, e quindi dagli enigmi della pagina della Sfinge, durante l’Università inizia a mettersi alla prova scrivendo i testi, oltre che le musiche, delle sue prime canzoni e al contempo frequenta il mondo del teatro in laboratori di recitazione. Ma sarà dopo il trentesimo compleanno che prende vita la sua vera produzione, sia da compositore per l’infanzia e per il teatro, sia da autore e attore di cortometraggi. Tra le opere più rilevanti ricordiamo le tre commedie musicali, di cui scrive musiche e liriche: “Pirati e Pirati” (2005), “Streghe, un musical magico” (2007), “Animali della fattoria” (2015), e la serie di film su “Piacere Ivo” (2006-2016), di cui è sceneggiatore e attore.

“Modi anconetani” è il suo primo libro, dove, con un’analisi divertente e sarcastica del gergo contemporaneo, si ricavano le caratteristiche del popolo anconetano ed è stato seguito dal secondo volume dell’autore “Modi anconetani, il continuo”.

Copertina "Ok, aprite le gabbie"

Ok, aprite le gabbie, (Guasco  2017) di Silvia Donati

Un catalogo di battute, stralci di interrogazioni, estratti di lezioni che diventano, tratteggiati dalla penna tagliente di un’ironica professoressa, immagine della sconnessione del terzo millennio.

L’autrice, oltre a insegnare storia dell’arte nei licei, a danzare presso la Luna Dance Center e a scrivere libri,  è stata reclamata con una singolare e gettonatissima  petizione di studenti e genitori diretta al Ministro dell’istruzione: Non portateci via la nostra professoressa! che ha raccolto più di mille firme in tutta Italia.

“Una scrittura che attinge a piene mani dagli slogan giovanili, dalle espressioni pubblicitarie, dal modo di comunicare nelle chat. Ironica, (fintamente) frustrata, appassionata, Silvia Donati riesce a farsi strada in una giungla e ad affrontare a testa alta i mostri che vengono fuori dalle gabbie, accettando – questo uno dei grandi insegnamenti- di mettersi ogni giorno in discussione di fronte ai suoi studenti.” 

  1. Principi, L’Urlo

 

Silvia Donati, classe ’83, padre romagnolo e madre abruzzese, consuma la sua esistenza oscillando tra la testardaggine e l’autoironia. Nasce e cresce (poco) nelle Marche, dove si dedicherà allo studio e in seguito all’insegnamento della danza, unica passione che la salverà più volte dai disastri scolastici. Il suo percorso scolastico non è da liceale modello: ammessa all’esame di maturità scientifica con 4 di matematica e 5 di fisica, nonostante un tragicomico esame di maturità concluso con il lancio dei libri in aria e la corsa urlante nel corridoio, non demorde e decide di frequentare l’Accademia di Belle Arti di Macerata abilitandosi nella nobilissima arte dell’insegnamento. Contro ogni pronostico diventa una professoressa di disegno e storia dell’arte e, peregrinando in vari licei, si trova a raccogliere tutte le “perle” di alunni, colleghi e collaboratori e, su consiglio del resto del mondo, a metterle insieme per realizzarne un libro. Proprio lei, alla quale la prof di italiano, durante l’ultima interrogazione di letteratura su Montale, Saba, Ungaretti, case libri auto viaggi fogli di giornale… disse: “Donati, facciamo finta che non abbiamo neanche iniziato…”. Lei però non ci è cascata.

Copertina "Un lungo tappeto rosa, da Delly alla chick-lit"

Un lungo consolatorio tappeto rosa, da Delly alla chick-lit, (Guasco, 2017) di Oliva Sori

La letteratura sentimentale di consumo del passato e quella di oggi sono diverse? Se la prima era specchio di un’ideologia dell’epoca, che cos’è la seconda? E soprattutto, cosa spinge tante giovani, ancora oggi, a percorrere un fiabesco tappeto rosa sempre più lontano dalla realtà? Un saggio che smentisce chi sostiene che la letteratura di consumo odierna sia più realistica di quella del passato, e si preoccupa della qualità della nostra paraletteratura.

Delly è uno pseudonimo collettivo riferito a due fratelli Jeanne-Marie e Frédéric Petitjean de la Rosière, ma è anche il nome di una fortunata produzione di romanzi popolari diffusi nei primi decenni del Novecento. I romanzi Delly sono definiti il prototipo del romanzo rosa caratterizzato da stile piatto, intrecci stereotipati, eterna ricerca dell’amore perfetto.  La tradizione Delly è stata mutuata negli anni Ottanta dalla fortunata collana Harmony, edita per lunghi anni da Mondadori e dal 2015 da HarperCollins, con un volume di libri venduti  che supera i 300 milioni. Una ulteriore rivincita del romanzo rosa si incarna nella così detta chik-lit, nata negli anni Novanta per mano di scrittrici soprattutto britanniche e statunitensi quali Helen Fielding con “Il diario di Bridget Jones”,  best-seller mondiale divenuto anche un fortunatissimo film, Candace Bushnell con il romanzo “Sex and the City”, altrettanto famosa serie tv e Sophie Kinsella con il successo mondiale del libro “I love shopping”.

“ C’erano una volta fanciulle in fiore che divoravano avidamente romanzi d’amore e di travolgenti quasi sempre assurde avventure, dove bellissime orfanelle povere, dall’animo candido e dalla fede inossidabile, conquistavano i gelidi cuori di orgogliosi disincantati scettici rampolli di nobile schiatta.”

“Velato o meno, emerge l’eterno bisogno di fiabe a lieto fine, l’eterno bisogno di storie romantiche e consolatorie, nelle quali delusioni, conflitti, scontri fra sessi si sciolgono di fronte al potere dell’Amore” […] Ma perché nell’era post-femminista continua imperterrito il desiderio di essere consolate da vicende ed eroi cartacei di tal fatta?”

Oliva Sori ha insegnato materie letterarie per più di quarant’anni agli studenti di scuola media. È autrice, con altri, di testi per la scuola e ha tenuto corsi di aggiornamento per insegnanti. Ha dedicato anche il suo impegno agli adulti, attraverso corsi di cinema e storia, e alle comunità straniere della sua città, insegnando lingua italiana. Appassionata di storia e di letteratura, con questo saggio si inoltra nel magico mondo della paraletteratura.

 

Tagli diversi, autori diversi, generi diversi, Parma incontra le Marche nella splendida Agugliano.

Sara Iommi cui è stata recentemente dedicata la biblioteca comunale che patrocina l’evento è vissuta a Parma, dove si è dedicata con amore alla cultura, e con piacere quindi l’autore parmigiano si recherà ad Agugliano.

 

E’ stato creato un evento su fb:

https://www.facebook.com/events/198463874024028/

 

Partecipate numerosi!!!

 

Al termine della presentazione nella medesima location è previsto un aperitivo.

Una terrazza per parlare di libri, al momento dell’aperitivo!

Isabella Grassi

 

Il salottino in vigna

Domenica 11 giugno 2017 a Villarbasse (To) Il Salottino in vigna

Salve a tutti di nuovo!

Stasera la nostra bravissima Isabella Grassi ci presenta l’evento “Il Salottino in vigna” che avrà luogo domenica 11 giugno 2017 a Villarbasse in provincia di Torino.

Cedo ora la parola a Isabella Grassi per i dettagli:

IL SALOTTINO IN VIGNA

Evento letterario organizzato dalla Associazione Bolla e Fantasia e dal Blog Del Furore Di Avere Libri.

Presso

L’Azienda Vitivinicola Prever

Via Paraccia, 10090 Villarbasse (TO)

Domenica 11 Giugno 2017

dalle Ore 10:30 alle 17:00

 Un evento eno-culturale, un’occasione per degustare dell’ottimo vino ed al tempo stesso avere l’occasione di vivere la cultura con un salottino letterario cui non si può non partecipare

“Leggere e parlare di libri è eccitante, e lo diventa ancora di più all’interno di un luogo bello e  accogliente come l’Azienda Vitivinicola PREVER di Villarbasse.

Il Blog Del Furore Di Aver Libri e l’Associazione Bolla e Fantasia hanno pensato di unire alla visita dell’Azienda Vitivinicola Prever con degustazione guidata, un Salottino letterario in Vigna, radunando autori di diverse case editrici del territorio per parlare dei libri che, secondo loro, riescono a descrivere al meglioo le bellezze naturali. E’ previsto anche uno spazio laboratorio per i più piccoli…”

Così viene presentato su face book l’evento, così si vuole incuriosire il pubblico che sicuramente sarà numeroso.

Diverse le possibilità proposte:

Opzione A Tour/Degustazione + pranzo Euro 35,00 (quota comprensiva di un libro degli autori a scelta)
Opzione B Pranzo in azienda Euro 25,00 (quota comprensiva di un libro degli autori a scelta)
Opzione C Ingresso salotto Euro 10,00 (quota comprensiva di un libro o una bottiglia)
Opzione Famiglia Il primo partecipante paga intero il secondo ridotto (quota comprensiva di un solo libro degli autori a scelta)


Per i bambini ci sarà la possibilità di un laboratorio di intrattenimento contemporaneo alla visita in cantina della mattinata e pranzo a Euro 10,00


Questo il programma dettagliato:

10.30 Ritrovo
10.45 Visita dell’Azienda Vitivinicola PREVER con degustazione guidata
10.45 Laboratorio giochi e manualità dei bambini
12.30 Pranzo
15.00 Salottino in Vigna con gli autori (Antonio Mesisca, Francesca Battistella, Marco Sartori, Francesca Cuzzocrea, Claudia Cuminetti, Giovanni Bertani)
17.00 Brindisi finale e saluti

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA entro il 6 GIUGNO, a: Valentina Peracino valentina.peracino@prever.it, cell.: 338.2875053.

Tra gli autori invitati ci sarà anche l’autore di  Il Grisbì (Forme Libere Editore),  GIOVANNI BERTANI.

Così scrive di lui e della sua opera Simona Coppero, nel blog Del Furore di Aver Libri:

“Le ultime righe della postfazione mi fanno partire dall’inizio di questo post: “Bobby Lago è.” Giusto, chi è Bobby Lago? Protagonista principale, contrabbandiere uscito di prigione, che cerca di ricominciare una vita normale, ma priva di scintille, priva di significato apparente: bollette da pagare, assegno di mantenimento alla ex moglie, lavoro umile e semplice di barista, fino ad una mattina, quella mattina che lo porterà a sentirsi nuovamente vivo: così parte la storia.

Bobby Lago incontrerà vari personaggi, ma sono quelli femminili che più avranno rilevanza per lui e per la narrazione. Tre donne diverse tra loro che completeranno quello che Bobby Lago non racconta di sé. Ed è proprio questo aspetto che mi ha fatto pensare al libro su un piano diverso.

Un ex contrabbandiere viene etichettato dalla gente comune come un poco di buono solitamente, una persona ai margini della società, scaltro, senza regole, trafficone, qui invece vengono a galla tutte quelle piccole verità che costituiscono un essere umano: quindi, in fondo, è proprio una cattiva persona? Da cosa lo giudichiamo sempre se è nostro diritto giudicare?”

Così il giallista parmigiano insieme agli altri ospiti parlerà non dei loro libri, non delle loro opere, bensì della natura nel mondo letterario.

Ci sarà anche Marco Sartori autore di Il Mistero della Montagna (Spunto Edizioni),  il cui libro viene così presentato:

“Ti avverto uomo, se porterai quassù un solo mattone, la montagna non te lo perdonerà e ti strapperà il cuore. Fermati finché sei in tempo, altrimenti ti perderai e nessuno ti troverà mai più. Lo sento. Valli di Lanzo, anni ’70: l’ambizione di un uomo arriva nel piccolo paese di Chialamberto mascherata dall’altruismo e dalla volontà di creare prosperità per il territorio e i suoi abitanti. Ma la Montagna non si fa ingannare e il progresso, incarnato dall’ingegner Arnaldo Defendini, si scontra con la riluttanza della gente del paese e con la voglia e la necessità di rispettare la natura. Aurora, la segretaria, si troverà divisa fra due realtà e mentalità in un mondo in trasformazione. La Montagna svelerà il proprio universo e, insieme al misterioso Figlio del Bosco, insegnerà il vero significato del benessere nel rispetto dell’ambiente e della vita.”

Ci sarà Antonio Mesisca autore di “Nero Dostoevskij” che così ce ne parla sempre Simona Coppero nel suo blog:

“Oscar Peretti, impiegato in una società di pompe funebri, sposa “la padrona”, benestante discendente di una ricca famiglia e magicamente diventa impiegato della gioielleria di famiglia. Purtroppo Oscar ha un bruttissimo vizio, quello del gioco d’azzardo che lo porterà a vivere situazione non facili.

Vi troverete magicamente in mezzo a bande criminali, a regolamenti di conti, a tavoli da gioco, a linciaggi, a intimidazioni, e anche a omicidi, ma con un’ironia da spettacolo.

Scritto e ambientato in tempi recenti , leggendolo mi sono però spesso trovata indietro nel tempo, Oscar me lo sono immaginato durante gli anni dove le strade erano illuminati da lampioni a candela ed erano sterrate, con le carrozze per locomozione.

Complimenti all’autore per la “progettazione” del racconto, per la scrittura, e per la fantasia nel comporlo, con me ha messo a segno una “scala reale”. Dostoevskij ….”

Ci sarà Marco Sartori  con “Lo sguardo oltre le vette”, pubblicato da Spunto Edizioni. Così ce lo presenta Loredana  Gasparri sempre sul Il furore di aver libri: “Sono molti i personaggi che lo popolano, e pochi sono quelli umani: il più importante, quello che attraversa i capitoli-racconti del libro ha un nome impegnativo, un paio di occhi sconcertanti, e l’età anagrafica e la resistenza fisica di altri tempi, lontani lontani: Garibaldi. La lettura-escursione di Lo sguardo oltre le vette inizia proprio con lui, tra le mani dell’ostetrica che lo accompagna nel mondo e che per la prima volta constata la qualità unica di quegli occhi già aperti e che sembrano già in grado di vedere, e si concluderà proprio con lo sguardo lanciato dal protagonista come un abbraccio verso la montagna che non potrà più incontrare per limiti raggiunti di resistenza.”

Ci sarà Claudia Cuminetti, psicoterapeuta, che vive e lavora a Torino. In pensione volontaria dal Servizio sanitario pubblico, dove ha lavorato in ambulatori clinici per bambini, adolescenti e adulti, si diletta a scrivere da quando era ragazza. Ha pubblicato in veste letteraria una collana di poesie mentre sono una ventina le sue pubblicazioni di carattere professionale e scientifico, con la sua  prima opera in prosa: Flash di famiglia.

Ci sarà Francesca Battistella, che ambienta sempre i suoi gialli/noir in luoghi ricchi di bellezze nautali e suggestivi paesaggi, come la penisola Sorrentina nel “Il messaggero dell’alba” o il Lago D’Orta” per “La stretta del lupo”, l’ultimo della serie “La bellezza non ti salverà”, è in parte ambientato in una lussuosa BeautyFarm sempre nei pressi del Lago D’Orta che gode non solo di una vista mozzafiato ma anche di un giardino ricco di piante e fiori.

Ci sarà Francesca Cuzzocrea  per la cui presentazione rubo alcune righe alla blogger Simona Copero che nella sua recensione di “Un incontro speciale” ci spiega che “l’autrice ha scritto questo meraviglioso racconto, che insegna a grandi e piccini cosa è la Morte e come dobbiamo aiutare i più piccoli a conoscerla nel modo più dolce e sereno possibile, animandola come una fata e lasciandola danzare nel mondo della fantasia e della magia.

Francesca rende la Morte umana, tanto come la Vita, concreta, ma anche normale (ha il raffreddore e usa l’ombrello). Non c’è nulla di grottesco e non vi è nessun riferimento religioso, traspare solamente tanto amore, amore dalle parole e dai disegni che troverete nella fiaba, abilmente tracciati e creati da Annamaria Blogna.”

Ci saranno naturalmente le ragazze del Blog e della Associazione a fare da moderatrici, in un contesto naturale che farà da splendida cornice all’evento.

E naturalmente ci sarete voi, pubblico amante del buon bere e del buon leggere.

Non perdetevi dunque questo appuntamento eno-culturale!

Per maggiori info e per approfondimenti sia sugli autori che sulla splendida location, visitate l’evento creato sul social facebook:

https://www.facebook.com/events/882300935240983/

                                    Isabella Grassi

Giovanni Bertani intervista Marta Bardi

Per “Un pomeriggio in giallo” Il maresciallo Flaviani incontra Bobby Lago

Salve a tutti!

Torno tra voi stanotte per segnalarvi un nuovo appuntamento per la rassegna “Un pomeriggio in giallo“. Durante questo nuovo incontro, che avrà luogo presso la Libreria Mondolibri di Parma, venerdì prossimo, 26 maggio 2017, a partire dalle ore 17.30, Bobby Lago incontrerà il maresciallo Flaviani. Il personaggio del maresciallo Flaviani è nato dalla fantasia e dal talento di Marta Bardi che, come i più assidui frequentatori del nostro blog ricorderanno, è già stata ospite, nel settembre scorso, della nostra Isabella Grassi in una delle sue bellissime interviste-recensioni.

Per tutti i dettagli relativi a questo imperdibile evento cedo la parola e lo spazio alla nostra impagabile inviata da Parma Isabella Grassi:

UN POMERIGGIO IN GIALLO

“Il maresciallo Flaviani incontra Bobby Lago”

APPUNTAMENTO DI MAGGIO

26 Maggio 2017 ore 17:30

Libreria Mondolibri – Mondadori Point

B.go Regale 1 – Parma

Giovanni Bertani presenterà tramite il suo Bobby Lago

Marta Bardi e il suo maresciallo Flaviani

ed il romanzo  “I vicoli stretti di Poggio Sant’Elvio”, (Pietro Macchione Editore – 2014).

 

“La vita di una borgo tranquillo affacciato su un lago.  un piccolo albergo, una trattoria  “da Corinzio specialità emiliane e non solo”, lo studio di un notaio, la Chiesa, un centro commerciale,  un teatro, piazzette e vicoli, stretti perché è un borgo antico con un centro storico vasto e poco frequentato dalle automobili, dove tutte le strade hanno nomi di mestieri antichi..

A sconvolgere tutto, un killer. Che si inserisce nella vita di una famiglia.

la famiglia Capineri: una madre Brenda, vedova da poco, e le sue cinque figliole, Serafina, Maria Carla, dafne, Orietta, Matilde.

Toccherà dunque a Flaviani cercare di risolvere il mistero. A lui trovare il colpevole.”

 

Il libro si presenta quasi come un copione di un’opera teatrale, con il lungo elenco dei personaggi, rigorosamente in ordine alfabetico ed una breve descrizione del loro ruolo.

Singolare come l’autrice indichi per lo più il mestiere svolto dal personaggio e troviamo quindi il capitano di polizia De Fabris, il maresciallo Flaviani, ma anche Fedora Piergiorgi nel ruolo di segretaria del notaio, Claudio Ersili appunto il notaio, per poi passare semplicemente ai ruoli di parentela per cui abbiamo la madre, il padre, varie sorelle, mariti, mogli, amanti, e parenti vari, quasi a sciorinare un intero albero genealogico.

Come ogni copione che si rispetti, ha anche un prologo intitolato Il Casolare di Dafne ed alla fine L’Epilogo.

Tutto il romanzo si dipana in scene e controscene, e l’autrice si preoccupa sempre di farci sapere, il luogo ed il momento di ogni singola azione.

Ed anche il metodo di indagine del maresciallo Flaviani e dei suoi collaboratori segue uno schema.

Sintomatico il capitolo intitolato “Eppure un legame” non solo per il titolo che da solo racchiude tutto il romanzo, evidenziando come ogni cosa, ogni fatto, ogni vicenda sia strettamente legata all’altra, ma soprattutto perché nella ricerca del legame tra i vari omicidi il maresciallo cerca un ordine e dopo averli elencati, prova a metterli in ordine di data, ma non basta, allora allarga lo schema, cerca corrispondenze, e sintomatica appare la frase “… Un killer dotato di una certa ironia. Sempre che sia opera di una sola persona.” Si l’ironia nel romanzo non manca, non mancano i sentimenti, e non mancano le preoccupazioni.

Poche pagine dopo sempre cercando spiegazioni è sempre il maresciallo che sconvolto rivela ai suoi collaboratori: “Ora, le motivazioni di tutta questa serie di omicidi io non le ho. O forse ce le ho sotto il naso e mi rifiuto di vederle”.

Si rivela così il lato umano del personaggio.

Leggete il romanzo per scoprire ed apprezzare il maresciallo Flaviani.

Buona lettura.

Durante l’incontro verranno fatte brevi letture tratte dal romanzo a cura di Isabella Grassi.

Venite quindi a conoscere Giovanni Bertani e Marta Bardi, i loro romanzi ed i loro personaggi, e continuate a seguire la rassegna “Un pomeriggio in giallo”.

Evento fb: https://www.facebook.com/events/113622175883733/?fref=ts

Isabella Grassi

Voci precedenti più vecchie

La Lettrice Assorta

"Non ci sono libri morali o immorali. Ci sono libri scritti bene e scritti male" (Oscar Wilde)

iriseperiplo.wordpress.com/

Tutte le mie recensioni, ricette e letture

Leggendo a Bari

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri”

Francesca Giuliani

Servizi editoriali: correzione di bozze, editing testuale, impaginazione, copywriting e creazione di sinossi.

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!