Spazio al personaggio. Enrico Bassi

La nostra Isabella Grassi e la sua incursione nel mondo del Fablab

Salve a tutti!

Opendot Fab Lab Milano

Stasera fungerò solamente da addetto al cappello introduttivo per questa nuova incursione della nostra impagabile inviata dalle terre parmensi Isabella Grassinel mondo della cultura, del teatro, dello sport, della musica e di quanto ci rende piacevole la vita“. Stavolta Isabella ci guiderà alla conoscenza di Enrico Bassi e del suo innovativo progetto.

Ma ora è giunta per me l’ora di cedere la parola alla bravissima Isabella Grassi e al suo nuovo ospite al quale vi invito a dare il vostro più caloroso benvenuto!

Spazio al personaggio, una piccola incursione nel mondo della cultura, del teatro, dello sport, della musica e di quanto ci rende piacevole la vita, a cura di Isabella Grassi.

Oggi il mio viaggio affronta il mondo della tecnologia pensata e calata in un ambito molto particolare: la manifattura del futuro e come questa impatta sul sociale.

Tutti noi da piccoli abbiamo giocato con il meccano, con il lego, abbiamo visto e attraversato le più diverse invenzioni, i mondi più impensabili, sognato di volare a pochi metri da terra con navicelle ad idrogetto, imitare Dio nel creare oggetti.

Tutti noi con in mano un aeroplanino di carta ci siamo immaginati lanciati alla scoperta di mondi nuovi, diversi.

Oggi vi voglio presentare un uomo che realizza ed aiuta a realizzare questi sogni, che annovera nel suo curriculum diverse specializzazioni e che nel tempo ha rivestito diversi ruoli, tra i quali possiamo ricordare le sue competenze in Digital fabbrication, il suo ruolo di Fablab manager e di Design for digital production. Ho conosciuto Enrico Bassi in quanto mio professore al Master che sto frequentando all’Università di Parma per giornalisti e comunicatori, e qui lo intervisto nella sua qualità di coordinatore di Opendot.

Il bancone di Opendot Fab Lab Milano

Prima di dare spazio alla nostra solita chiacchierata vi spiego brevemente cos’è Opendot.

Fondato nel 2014 da Dotdotdot, studio di progettazione multidisciplinare milanese,
Opendot (http://www.opendotlab.it/) è un Fab Lab.

Con questa parola, strana per la maggior parte di noi comuni mortali, si intende un hub di ricerca e open innovation, ovverosia uno spazio per la ricerca e la sperimentazione inteso come supporto sia al lavoro dei membri interni che come servizio per altri utenti in modalità condivisa.

Opendot vuole aiutare lo sviluppo dell’open source e del know-how tecnologico e vede in questi strumenti una opportunità di crescita a livello formativo, ma soprattutto progettuale e produttivo, fonendo consulenza ad aziende, fondazioni, università, enti pubblici e privati; sviluppando percorsi progettuali e programmi formativi ad alta complessità, che vedono nell’innovazione il loro tratto caratteristico.

Se questa introduzione vi ha incuriosito allora diamo spazio al personaggio di oggi: Enrico Bassi.

Enrico ti va di illustrarci con parole tue come e perché credi in questo progetto e cosa intendi per nuova manifattura?

Un Fab Lab si occupa di nuova manifattura. Per chiarire questo concetto bisogna partire dal punto di inizio: la produzione in senso classico, quella che dall’artigianato ha portato alla rivoluzione industriale e che ha permesso tramite l’utilizzo di stampi ad iniezione l’efficienza degli alti numeri. Con i Fab Lab si è abbattuto il confine tra informazione e materia, e si cerca di realizzare e rendere perciò sempre più attuale il concetto che partendo dalla informazione si arriva alla materia tramite l’utilizzo della stampa 3D.

Esempio di attività all'interno di Opendot Fab Lab Milano

La nuova manifattura quindi è un ritorno a prodotti di qualità che come tali si adattano ad esigenze di piccoli numeri, con un gusto tipico dell’artigiano, ma nel contempo sfrutta la tecnologia moderna. Con questo sistema l’utente può realizzare home made un prodotto di alta qualità.

Le tecnologie possono essere diverse, noi utilizziamo sia quelle additive, che quelle sottrattive.

Esempio della prima è la stampante 3D e le sue applicazioni. Un caso insolito è quello utilizzato da Foodini una start up spagnola che lavora con il cibo e che ha stampato cracker a base di farine di insetti.

Un esempio della seconda è la fresatura che consiste nell’eliminare tramite appunto una fresa, elementi che non interessano e che permette di ottenere oggetti molto belli. Si va da macchine semplici che prevedono solo assi x-y-z ad altre più complesse che permettono la rotazione tramite l’utilizzo di bracci robotici. Questa tecnica ha però un limite: non ha il sottosopra.

Ma qual è quindi l’utente tipico del vostro Fab Lab e quali i settori di maggior utilizzo?

Interno di Opendot Fab Lab Milano

Abbiamo l’architetto di design, lo studente che vuole provare a realizzare un progetto, l’imprenditore che cerca una soluzione per la propria azienda, e non posso nascondere il fatto che spesso a muovere la domanda è la ricerca di un risultato meno costoso rispetto a quello della manifattura classica. Creare gli stampi infatti se non si realizzano grandi numeri è molto costoso, con la stampa 3D si evita la creazione degli stampi. Proprio per la tipologia di risultati di alta qualità senza costi elevati si rivolgono a queste tecnologie sia il mondo della gioielleria che il mondo delle protesi dentarie. Ci si augura di implementare maggiormente il settore industriale che attualmente fatica ad approcciarsi a questo sistema a causa della mancanza di una legislazione specifica inerente alle certificazioni per l’utilizzo di questo sistema in molti campi.

Vero è che spesso anche laddove non sussistono queste problematiche è l’imprenditore che non riesce a causa di una scarsa conoscenza del settore ad approcciarsi a noi.

Formazione e innovazione appaiono quindi strettamente collegati, ritorniamo quindi al concetto di produrre direttamente dall’informazione. Cosa fate voi in questo campo? Avete progetti formativi? Avete particolari interessi da sviluppare?

Tu mi hai conosciuto nella mia qualità di docente e già questa circostanza risponde alla tua domanda. Certamente credo che in un campo come quello dove io mi muovo la formazione sia non solo fondamentale ma necessaria. Accanto a corsi introduttivi e necessariamente a basso costo, abbiamo anche progetto mirati a insegnare l’utilizzo della stampante 3D partendo dal concetto che non si utilizza ciò che non si conosce. Partendo da questo input con fondi del MIUR abbiamo attivato dei progetti formativi nelle scuole.

C’è un campo in particolare dove il progetto formativo si sta sviluppando e riversa tutta la sua forza: il sociale. Così abbiamo attivato percorsi che hanno portato le tecnologie nei campi profughi e di guerra, per cercare di ovviare alla chiusura di una sala operatoria per la mancanza di un ricambio, ma anche uno splendido progetto con Ikea per adattare i loro prodotti all’utilizzo da parte di bambini portatori di handicap di diverso tipo.

Guardando il sito opendotlab nel settore formativo si trova anche la Fab Academy, dove tu vieni citato come il suo guru. Ce ne vuoi parlare?

La Fab Academy è il principale corso di fabbricazione digitale della rete mondiale dei Fab Lab. Il corso si suddivide tra lezioni in videoconferenza con Neil Gershenfeld del MIT di Boston e la pratica presso il Fab Lab e io sono appunto il coordinatore di Opendot.  Con sei mesi di corso gli studenti riescono ad apprendere competenze pratiche di progettazione e design, digital fabrication, elettronica, software per riuscire così a immaginare, prototipare e documentare le proprie idee, per riuscire a capire fino in fondo cosa sia e come usare la fabbricazione digitale, e poterla sfruttare autonomamente nel proprio percorso professionale.  Richiede un impegno part-time degli studenti, dove per due o tre giorni a settimana lavorano insieme nel Fab Lab, ed un giorno a settimana si realizza una videoconferenza con i Fab Lab di tutto il mondo. Si riesce così a condividere i propri avanzamenti di progetto, a confrontarsi con il contesto globale di riferimento per tecnologie, progettazione e fabbricazione. Come ogni scuola anche la Fab Academy alla fine conferisce un diploma e permette anche di seguire singole sessioni del corso e ottenere cosí un relativo certificato.

Vision e Mission, parole di utilizzo ormai comune, spiegacele nel loro significato intrinseco.

Fab Lab è un movimento maker, che deve diventare un grosso valore sociale per l’Italia e come tale deve organizzarsi, strutturarsi perdendo un po’ del caos che lo contraddistingue senza perdere la flessibilità e l’agilità che ne costituiscono l’enorme potenziale, avvicinandosi così al mondo imprenditoriale: questa la vision.

Colmare il gap tra l’innovazione dal basso e coloro che hanno gli strumenti per far accadere le cose costituisce invece la mission.

Io ovviamente spingo in particolare affinché si sviluppi una digital social innovation per arrivare ad un sociale sempre più innovativo. Ecco quindi che sono particolarmente fiero della collaborazione con TOG, una fondazione milanese che si occupa di curare bambini con patologie complesse. Tramite i Fab Lab ed i progettisti al loro interno questa fondazione realizza così le soluzioni ai problemi che i loro pazienti affrontano giorno per giorno. Ogni bambino è diverso e diversa deve essere la soluzione, ogni soluzione è quindi creata e sviluppata ad hoc.

Così, sempre in campo sociale, sono stati attivati percorsi con i carcerati per attivare processi di formazione che li porti a produrre diverse tipologie di oggetti.

Ma per progetti così socialmente orientati, come trovate i finanziamenti?

Se si vuole che i Fab Lab si diffondano, si sviluppino, se si vuole che vengano attivati progetti sempre più formativi anche in campo scolastico, si deve per forza cambiare il modo classico per reperire i finanziamenti, e in effetti qualcosa si sta muovendo in tal senso.

Fino a qualche anno fa esisteva solo il terzo settore, ma ora i fondi pubblici sono sempre più scarsi, e a parte qualche fondo europeo, e qualche bando è il privato che spesso viene in aiuto.

E così ecco che Ikea ha aiutato il progetto TOG, per lo sviluppo di giochi adatti a bambini con disabilità.

Quindi quali sono gli elementi in base al quale scegliete o meno un progetto?

Partendo dalla necessità di dare una buona comunicazione per mettere in atto una strategia ottimale, se l’innovazione nel settore food ha un suo fascino, sicuramente non è strategica, se il tema della disabilità è sicuramente importante e ci auspichiamo che si sviluppi in maniera esponenziale, al momento, proprio a causa della difficoltà nel reperire i fondi è troppo cara, ecco quindi che sul lato tecnologico i maggiori investimenti sono nell’IoT e nel machine learning.

Chiudo con una citazione di un grande regista come Charlie Chaplin che con il film “Tempi Moderni” fece uno spaccato sul mondo della fabbrica, sul futuro della innovazione tecnologica: “Pensiamo toppo e sentiamo troppo poco. Più che di macchine abbiamo bisogno di umanità.”, con l’auspicio che il futuro coniughi innovazione tecnologia ed umanità, così come il nostro ospite si augura, realizzando così una piena attualizzazione del sociale, ma riuscendo anche ad arrivare nelle case di tutti, ad incuriosire l’uomo comune.

I progetti dei Fab Lab diversamente dalla fabbrica di Tempi Moderni non si focalizzano sulla produzione di massa, che non ne rappresenta il focus, però ed è questa la vera modernità devono essere replicabili, non uniche copie tipiche dell’artigiano pur se di qualità simile.

Così termina questa mia panoramica sull’innovazione tecnologia, sul mondo dei Fab Lab, e ringrazio Enrico Bassi, che si è prestato a questa intervista.

Isabella Grassi

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Trackback: Progetti del FabLab Sondrio | Recensioni Librarie in Libertà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

ROMANCE E ALTRI RIMEDI

di Mara Marinucci

iriseperiplo.wordpress.com/

Tutte le mie recensioni, ricette e letture

Leggendo a Bari

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri”

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Habla italiano

Recursos para aprender italiano online

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: