INTERVISTA A FABIO STRINATI

Un nuovo e talentuosissimo artista si presenta

Salve a tutti!

Ritratto di Fabio Strinati

Per iniziare bene questo primo fine settimana estivo vi chiedo di dare il vostro più caloroso benvenuto a Fabio Strinati, un nuovo e poliedrico artista che ha voluto essere tanto cortese da accettare di fare due chiacchiere con noi. Vi invito quindi a dare il benvenuto a Fabio Strinati:

Ti va di presentarti a beneficio dei nostri amici?

Molto volentieri. Per me è un onore essere qui con voi. Mi chiamo Fabio Strinati e sono un grande appassionato ( ossessionato ) della parola e del suono. Tutti pensano che io sia un poeta, forse è anche vero, ma l’unico a non crederci poi tanto sono io. Mi conosco troppo bene. I poeti sono altri. I poeti se ne stanno isolati tutto il giorno mentre io sono immerso fin troppo nella confusione più totale.

Quali delle arti pratichi?

Cerco di esprimere attraverso la poesia e la musica alcune caratteristiche della mia anima. Ho bisogno di dialogare con il mondo e con gli altri per ricaricarmi di nuova energia e così, mi esprimo attraversò quei canali che mi appartengono di più: poesia e musica, musica e poesia. Due arti che si completano a vicenda, un connubio perfetto ma nello stesso tempo due arti che hanno vita propria. Sono alla continua ricerca della parola e delle sue infinite sfumature; mi affascina pensare che la parola giusta in un determinato momento assuma una forza incredibile, una responsabilità senza eguali. Mentre del suono mi affascina quel suo penetrare a tratti dolcemente a tratti impetuoso, dentro i nostri orecchi che poi non sono altro che le nostre antenne sintonizzate su tutto ciò che ci circonda.

Qual è stato il tuo primo amore artisticamente parlando?

Il primo amore non si dimentica mai. La musica! Ho imparato a suonare con una tastiera di due ottave, e se non ricordo male, una tastiera della Roland. Mi divertivo veramente tanto anche se, le capacità espressive dello strumento erano molto limitate…ma anche io lo ero. Usavo solamente la mano destra e ribattevo per tutto il tempo il do con il pollice. Da allora con tutta sincerità, credo di aver fatto dei passi in avanti.

Cosa ti  portato a scegliere di cimentarti con queste arti?

Semplicemente mi sono ascoltato, mi sono sintonizzato con la mia anima e ho saputo ascoltare le sue reali necessità. Se vuoi esprimerti con il mondo e con gli altri devi trovare un linguaggio a te familiare, consono il più possibile e così, ho scelto la poesia e la musica. Forse il mondo riesce a capirmi meglio e gli altri meno, ma questo mi porta ad una continua ricerca, sia di me stesso, sia dell’arte che produco.

Quali sono stati i personaggi che più ti hanno influenzato?

Tantissimi personaggi hanno fatto breccia nel mio cuore. Bob Dylan, Pasolini, Giovanni Giudici, Giovanni Raboni, Mario Luzi, Chopin, Mozart, De Andrè, Tiziano Sclavi, Dino Campana, Leonard Cohen.

Passando alla parola scritta, verso quale dei generi ti senti più portato?

Sicuramente la poesia mi permette di esprimere i miei pensieri in maniera del tutto naturale. Ma non bisogna abusarne. La poesia ha bisogno di decantare e deve gestirsi per conto suo senza avere intorno balie e situazioni del genere. Anche la musica mi permette di esprimere i miei pensieri in maniera sana, genuina e naturale ma per arrivare a questo, ho bisogno di estraniarmi completamente. Posso scrivere una poesia anche al supermercato, ma non riuscirei mai a pensare una melodia mentre sono in posta oppure figuriamoci, in banca.

Ci puoi parlare delle tue pubblicazioni?

Pensieri nello scrigno. Nelle spighe di grano è il ritmo, è il mio primo libro. Una raccolta di poesie che esprimono molto il mio animo contorto, un po’ come annodato su stesso. Un’allodola ai bordi del pozzo è un libro che viaggia fuori dal tempo, un libro che si nutre di lentezza. Lo consiglio a tutti quelli che corrono troppo, ma poi il rischio è di inciampare. Dal proprio nido alla vita è un poemetto ( semi-prosa poetica ) che ho deciso di scrivere dopo aver letto per ben cinque volte Miracolo a Piombino di Gordiano Lupi, quindi si tratta di un libro derivato, ispirato interamente al romanzo di Lupi. Un libro a tema adolescenza, fanciullezza, giovinezza, scritto in versi liberi attraverso una scrittura semplice e lineare. Periodo di transizione è un libro di poesie, bilingue, italiano/rumeno, tradotto da Daniel Dragomirescu, scrittore e giornalista, direttore onorario della rivista Conteporary Literary Horizon, con prefazione di Michela Zanarella. Un libro “ transitorio “ che viaggia un po’ per conto suo. Una meteora. Al di sopra di un uomo è una raccolta poetica di stampo spirituale. Un libro corposo, ostico, direi per certi versi estremo. Io tendo per ogni libro ad essere me stesso ma diverso e quando deposito tutta la mia energia in un libro può accadere veramente di tutto.

Hai ricevuto dei riconoscimenti? Se sì quali?

Ho ricevuto diversi riconoscimenti ma il più bello di tutti è poter condividere la mia poesia con gli altri. Infatti, quando scrivo una poesia quella poesia poi diventa di tutti. Sono l’autore fino ad un certo punto; tengo la poesia per mano e poi la lascio andare di bocca in bocca come fosse un bacio, o semplicemente una parola sussurrata nell’orecchio. Detto questo, citerò un riconoscimento molto recente, che ho ricevuto sabato scorso a Roma. Premio Della Giuria al Premio Letterario Figurativo Nazionale “ Caffè Delle Arti “ IV Edizione, “ Passi, Paesaggi, Passeggeri…”, con il mio libro inedito Tra Il Soffio e Il Sospiro, libro ispirato alla cultura Romanì.

Hai qualche progetto in vista?

Ho un progetto meraviglioso e si tratta di un libro scritto a quattro mani con Michela Zanarella. Non abbiamo ancora un titolo nè una copertina. Per ora, solamente un pugno di poesie ma l’energia che le circonda è veramente devastante. Collaborare con Michela è motivo di orgoglio e di crescita. Mi sento veramente una persona molto fortunata.

Grazie infinite per la cortesia e la disponibilità!

Grazie a voi per la vostra gentilezza. Grazie davvero di cuore.

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e arrivederci alla prossima occasione!

Buon venerdì e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: