Quelle histoire!

Il 6 e 7 maggio 2017 al Teatro Europa di Parma lo spettacolo “Quelle histoire!”

Salve a tutti voi di nuovo!

Locandina spettacolo "Quelle Histoire!"

Stasera il mio intervento sarà brevissimo perché voglio cedere subito la parola alla nostra impagabile inviata da Parma e dintorni Isabella Grassi che ci presenterà “Quelle histoire!“, uno

spettacolo teatrale che andrà in scena presso il Teatro Europa di Parma i prossimi 6 e 7 maggio con inizio a partire dalle 21.15.

Ma ora è tempo di cedere la parola alla nostra Isabella Grassi che ci presenterà l’evento in tutti i suoi dettagli:

Quelle Histoire!

Il 6 ed il 7 maggio alle 21:15 al Teatro Europa di Parma, va in scena l’esito del laboratorio di livello avanzato a cura di Davide Rocchi e Loredana Scianna.

Con:

Valentina Berni, Alessandra Cinque, Matilde Folloni, Maria Grazia Fontanesi, Isabetlla Grassi, Fiammetta Mamoli, Emma Manghi, Francesca Merusi, Alessandra Virgilio, Francesca Vitali, Tiziana Vuotto e la partecipazione straordinaria di  Sebastian Arcidiaco e Alessandro Silva

Così viene presentato nell’evento creato dal Teatro su facebook:

1917, prima Grande Guerra. Igor Stravinskij, che da pochi anni risiede a Morges con la sua famiglia, si ritrova in una situazione critica: espropriato dei suoi beni e senza un soldo, cerca un modo per provvedere a se medesimo e ai suoi cari. Altri artisti a lui vicini non se la passano meglio, occorre trovare una soluzione e fare di necessità virtù.

La “folle iniziativa”, come scrisse Stravinskij nelle Cronache della mia vita, vede la luce grazie all’ingegno del compositore e alla scrittura di Charles-Ferdinand-Ramuz e si basa su un principio molto semplice: se le persone faticano a recarsi a teatro, occorre portare il teatro alla gente. Si, proprio una piccola struttura ambulante che possa recarsi di città in città, con un allestimento agile che prevede pochi musicisti, due allievi attori, due danzatori e un narratore. Il tutto viene finanziato da un clarinettista dilettante, Werner Reinhart, il libretto ha un carattere burlesco e il soggetto viene ricavato da due fiabe popolari russe (Il soldato disertore e il diavolo e Un soldato libera la principessa).
Nel nostro adattamento c’è solo un accenno al contesto del conflitto in cui quest’opera nasce, il focus è tutto sulla vicenda del soldato, riscritta a modo nostro. Cosa succede quando qualcuno, stremato dagli stenti e desideroso di tutto, incontra una tentazione sulla sua strada? A cosa diciamo di si? E quali sono le conseguenze? Anche l’anima più linda può cadere, e il ritorno a casa non è mai scontato.

Ringraziamo il poeta Alessandro Silva per il contributo dato alla stesura del testo.

PER INFO e PRENOTAZIONI

europateatri.pr@gmail.com  tel:  0521243377

Per maggiori info questo l’evento:

https://www.facebook.com/events/220070811814480/

Da parte mia posso solo dirvi che io sono nello spettacolo, e che questo spettacolo ha un particolare significato per me.

Sono tante le citazioni che chi frequenta questo teatro, che conosce i suoi registi, i suoi attori, i suoi spettatori potrà trovare, nel testo e nelle azioni.

La vita a volta è inclemente, ma per fortuna l’ambiente dell’arte ci offre l’occasione di affrontare con serenità e con un pizzico di ironia anche argomenti assai severi come la morte.

Un mese fa è venuto a mancare un amico, un maestro, un artista: Umberto Fabi.

Questo teatro, questi registi e gli stessi attori che andranno in scena hanno avuto la fortuna e la gioia di conoscerlo, di amarlo e di apprezzarlo.

Io lo ho conosciuto mentre preparava uno spettacolo con Loredana e Davide, dove Loredana è una principessa, Davide un soldato e lui il narratore.

Anche in questo spettacolo ci sono questi elementi, anche in questo spettacolo ci sono Loredana e Davide, lui non potrà esserci a vederlo, e a me spetta un ruolo quello del narratore che, sperando di non farlo rigirare nella tomba, dedico interamente a lui.

In questo spettacolo ci sono tanti suoi allievi, e ad assistere ci sarà un pubblico che lo ha amato.

Venite ad assistere e ricordatelo con me, con noi.

Quelqu’un m’a appelé? Qualcuno mi ha chiamato?”

Si sentirà ad un certo punto, ma come direbbe il narratore dell’altra storia, al pubblico che veniva a vedere la vicenda di un altro soldato e di un’altra principessa… “ una  storia ha un inizio e?”… una fine risponde di solito il pubblico, ma Lui si arrabbiava… si arrabbiava benevolmente Umberto ed ai bambini faceva dare la giusta risposta.

Saprà il pubblico di queste serata dare la risposta giusta? Sarà contento Umberto dei suoi amici, dei suoi allievi?

Vi aspettiamo, vi aspetto.

Isabella Grassi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

Destinazione Libri

"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita:la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni:n c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia e quando Leopardi ammirava l'infinito...perchè la lettura è un'immortalità all'indietro" cit..Umberto Eco Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: