Da domani nelle librerie arriva “I quaderni di Archestrato Calcentero”

Esce domani in tutte le librerie “I quaderni di Archestrato Calcentero” segreti e misteri gastronomici in terra di Sicilia

Salve a tutti!

Anche in questo giovedì sera torno a presentarvi una nuova pubblicazione firmata Bonfirraro Editore. In questo caso si tratta di una nuova uscita davvero ghiotta, nel senso più proprio del termine. Il libro in questione, infatti, s’intitola “I quaderni di Archestrato Calcentero” ed esplora “segreti e misteri gastronomici in terra di Sicilia“.

Il libro, in tutte le librerie a partire da domani, venerdì 16 dicembre 2016 è opera di Marco Blanco.

Per presentarvi come si deve queste appetitosissima nuova uscita targata Bonfirraro Editore cede immediatamente la parola al comunicato inviatomi via e-mail dall’Ufficio Stampa della Bonfirraro Editore:

Dall’ “arancinu” dei Benedetti di Catania alla frutta
delle monache “Mortorana” di Palermo
A dicembre in tutte le librerie arriva “I quaderni di Archestrato Calcentero”
Divagazioni archeogastronomiche siciliane del ricercatore modicano Marco Blanco
Con una mémoire di Simonetta Agnello Hornby e Carlo Ottaviano

COMUNICATO STAMPA

Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei! Mai massima fu più azzeccata in riferimento al nuovissimo libro di Marco Blanco, un prezioso gioiello letterario ed erudito, che si trasforma in un atlante di archeogastronomia siciliana utile per i lettori di tutti i palati. Un volume originale e assolutamente inedito nel panorama editoriale italiano che si arricchisce di un mémoireprestigioso nato a quattro mani dalla nobile firma di Simonetta Agnello Hornby, grande affabulatrice di storie siciliane,  e dal noto giornalista e comunicatore enogastronomico Carlo Ottaviano, in uscita in tutte le librerie Mondadori e nelle migliori d’Italia per Bonfirraro editore.
Sì, perché ne “I quaderni di Archestrato Calcentero – Divagazioni archeogastronomiche in terra di Sicilia” – con un titolo che è già tutto un programma – Marco Blanco, noto libraio modicano laureato in Lettere Classiche, ha unito la sua passione per l’ars culinaria e il buon cibo con l’interesse per la storia, “affinandole” con il metodo della sua formazione archeologica. Cibo e cultura si fondono in letture succulente di testi storico – gastronomici, accompagnati dalla prefazione di Giancarlo Poidomani, docente di Storia Moderna presso la facoltà di Scienze Politiche di Catania.
È negli archivi del Monastero dei Benedettini, gioiello barocco della città etnea, infatti, che iniziano le ricerche di Blanco, il quale scorge, ad esempio, nei libri dei padri cassinesi una della più importanti testimonianze enogastronomiche: «un “pizzino” – racconta l’autore – antedata almeno all’inizio dell’Ottocento l’uso del terminearancinu\arancina” per l’amata polpettina salata di riso (servita in questo caso con una farcitura di lardo e uova ) e impone nuove considerazioni in merito». Una chicca letterario – gastronomica contenuta nel prezioso capitolo “Piccole arance dorate”, tra le narrazioni più raffinate e appetitose!
Divertenti aneddoti e ricette prestigiose, curiosità per i palati più fini si intersecano, dunque, a un’ironia intelligente che vibra tra le pagine di questo piacevolissimo racconto a capitoli, dove è la Sicilia a farla da padrona, con la sua prepotente tradizione culinaria che si impone oggi in ogni angolo del mondo.
«Appena reduci dall’Expo di Milano che ha esaltato senza mezze misure il Made in Italy in cucina – afferma l’editore Salvo Bonfirraro – il libro di Marco Blanco, che abbiamo accolto con estremo interesse, rientra a pieno titolo nella nostra linea editoriale e si inserisce nel solco del nostro comune sentimento di “sicilianità”, con l’intento di valorizzare quanto di buono, mi sembra proprio il caso di dirlo, abbia partorito la nostra terra, che si ritrova alla spalle un ricchissimo patrimonio enogastronomico da cui attingere a piene mani».
Esaltati, dunque, in questa grande “antropologia del gusto”, i prodotti di punta siciliani di un tempo, come il pomodoro, presente in buona parte delle ricette odierne, che regnava sulla tavola dei nobili siciliani già intorno alla metà del Settecento – come emerge nel capitolo il “Pomodoro della discordia” – e che adesso vede nel pomodorino di Pachino un grande prodotto Igp.
Interessantissimo, a questo proposito, è ancora l’approfondimento sulla nascita di buona parte dei dolci tipici siciliani, per lo più creati entro i muri claustrali, con tutti i segreti che ognuno di loro porta dietro da secoli. Il caso del cioccolato di Modica è forse il caso più eclatante: la sua particolare consistenza granulosa determinata dalla lavorazione a freddo – per cui oggi è noto come prodotto “tipico” della città – era infatti una caratteristica comune a ogni cioccolato esistente al mondo almeno fino alla metà dell’Ottocento e oggi ritrova la sua massima espressione nell’Antica Dolceria Bonajuto, grazie alla grande intuizione di Franco e Pierpaolo Ruta.
E alla fine, insomma, rimane da chiedersi chi sia il personaggio che abbia ispirato Blanco sin dal titolo… «Archestrato Calcenteroè un gioco di parole – confessa lo studioso – un vezzo da classicista che non ama prendersi sul serio. Archestrato, siciliano, scrisse nel IV a. C. quella che può essere considerata, con un po’ di fantasia, come la prima guida gastronomica che la storia ci abbia tramandato. È un personaggio che mi ha sempre affascinato, un uomo che utilizzava il verso del poema epico per raccontare il cibo! Calcentero invece è uno scherzo… Poiché in greco calcentero, Χαλκέντερος significa più o meno “stomaco di bronzo”, ho pensato che potesse essere il soprannome più adatto per me che non mi fermo dinanzi ad alcuna pietanza».
E allora buona lettura e buon appetito!

L’autore
Marco Blanco è nato a Modica dove vive e lavora. Laureatocum laude in Lettere Classiche all’Università di Catania con una tesi su Modica in età greca, ha collaborato allo scavo della “Villa di Rufione” presso Giano dell’Umbria (PG). Dopo la laurea ha affinato le capacità analitiche e metodologiche concentrandosi nelle ricerche archivistiche e nella ricostruzione di alberi genealogici.
Libraio per professione e ricercatore per vocazione divide le sue giornate tra la passione per la lettura e la scrittura, la propria terra e l’archeologia. Senza dimenticare il mondo dell’archeogastronomia e della gastronomia in genere, la ragione più immediatamente visibile della sua forma fisica.
Ha pubblicato la raccolta ragionata di detti popolari “Comu riçienu ‘antichi” (2009) giunta alla sua seconda edizione e il saggio “Modica e il suo territorio in età greca” (2014). Ha realizzato l’albero genealogico della famiglia Bonajuto contenuto in “La dolceria Bonajuto, storia della cioccolateria più antica di Sicilia” (2013) collaborando anche alle ricerche archivistiche e alla stesura di alcune parti dello stesso.
Vincitore del concorso letterario internazionale “Heritage Sicilia 2013” sezione narrativa breve, ha pubblicato anche sul bimestrale “Aliante” e sul periodico letterario “Il Grande Fiume”.
Attualmente esercita la professione di libraio e continua a condurre ricerche di carattere storico-archivistico. “I Quaderni di Archestrato Calcentero – divagazioni archeogastronomiche in terra di Sicilia” è il suo ultimo libro.Scarica qui il comunicato
Scarica qui la copertina

La scheda qui: http://www.bonfirraroeditore.it/historica/i-quaderni-di-archestrato-calcentero-divagazioni-archeogastronomiche-in-terra-di-sicilia-detail.html
L’autore qui: http://www.bonfirraroeditore.it/autori/item/marco-blanco.html


L’ufficio stampa


Bonfirraro Editore
Editrice Bose Giesse
Viale Ritrovato, 5
94012 Barrafranca EN
Tel. 0934.464646 fax 0934.1936565
http://www.bonfirraroeditore.it
info@bonfirraroeditore.it
bonfirraroeditore@gmail.com
skipe: Bonfirraro EditoreFollow Us on Twitter at: twitter.com/bonfirraroedit
Find Us on Facebook at: http://www.facebook.com/BonfirraroEditore
Watch our Videos at: http://www.youtube.com/user/BONFIRRAROEDITORE

Certo di avervi ingolositi, oltre che incuriositi, a dovere ringrazio tutte e tutti voi per pazienza e l’attenzione che, una volta ancora, mi avete voluto dedicare e vi do l’arrivederci alla prossima occasione!

Buonanotte e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

Destinazione Libri

"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita:la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni:n c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia e quando Leopardi ammirava l'infinito...perchè la lettura è un'immortalità all'indietro" cit..Umberto Eco Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: