L’immagine misteriosa

Presentazione del più recente romanzo di Ninetta Pierangeli

Salve a tutti!

L'immagine misteriosa di Ninetta PierangeliRieccomi tra voi in questo assolato e caldo mercoledì di luglio per presentarvi quello che è il più recente romanzo di Ninetta Pierangeli, la promettente autrice che avete incontrato tra queste un paio di giorni fa in occasione dell’articolo di presentazione del suo libro intitolato “Asperger“. Oggi vi presento il romanzo “L’immagine misteriosa“, più recente fatica editoriale di Ninetta Pierangeli pubblicato da Augh Edizioni. Come già fatto per “Asperger” anche in questo caso riporterò di seguito la presentazione, arricchita da alcune brevi osservazioni sul romanzo e da alcune brevi note biografiche.

Presentazione del romanzo “L’immagine misteriosa” di Ninetta Pierangeli
 
L'immagine misteriosa di Ninetta Pierangeli
 
Breve sintesi
3 novembre  2013
Elena, una studiosa milanese di archeologia cristiana, va a visitare il Santuario della SS. Trinità a Vallepietra. In un piccolo anfratto del Monte Autore, c’è la venerata immagine della SS. Trinità. Alcune leggende narrano dell’origine misteriosa del dipinto, mentre gli studiosi fanno risalire la datazione dell’immagine intorno all’anno Mille, opera di chiara influenza greca. Ma l’archeologa  scopre una nicchia nella roccia, al di sotto dell’affresco,  che potrebbe portare dei chiarimenti  sulla effettiva realizzazione del dipinto. Elena è quasi sicura che bisogna retrodatarne la fattura: l’immagine è di chiara influenza orientale, ma è stata eseguita molto prima dell’anno Mille, forse risale allo stesso periodo in cui è stata scavata la nicchia. Ma chi si aggirava per queste selvagge montagne a quell’epoca? Un vento soffia gelido, mentre l’archeologa chiede ospitalità per la notte nel Santuario.
24 Agosto  410
Il senatore Marco ha avuto una soffiata: domani i barbari di Alarico entreranno in città, con l’aiuto di una donna traditrice, Proba, amante e confidente di Marco. Il senatore carica nella notte la sua famiglia, la moglie Sempronia e i figli Flavia e Publio, insieme a una serva,  su un carretto con le provviste e parte delle ricchezze, e si dirige verso la loro villa di campagna, sulla via Sublacense, proprio alle pendici del Monte Autore.
Qui la famiglia inizia una nuova vita a contatto con la natura e con i personaggi che abitano quei luoghi dispersi: i servitori della villa, alcuni cristiani rifugiati sul monte, altri patrizi che si sono nascosti, briganti che assalgono la gente di passaggio. Flavia si sente molto sola in quell’ambiente, senza la sua amica Cecilia e il suo innamorato, Gaio, mentre Publio si diverte a giocare e a lavorare in campagna con i figli dei servi. Qui Flavia impara ciò che una donna deve sapere per condurre una villa rustica, mentre il padre le parla degli antichi dei e dei loro miti. Contemporaneamente, Flavia fa conoscenza con un pastore cristiano, Andreas, che la introduce nella nuova religione. Grazie all’aiuto di Andreas, Flavia ritroverà Gaio; ma un nuovo pericolo incombe sulla famiglia. Un senatore che abitava una villa lì vicino tradisce Marco, e la famiglia è costretta a una fuga rocambolesca per sfuggire ai barbari che sono giunti fin là, attirati dalla fama delle loro ricchezze. Grazie ad Andreas  e ai suoi amici, la famiglia di Marco troverà un nascondiglio sul Monte Autore finché le acque a Roma non si saranno calmate. Dopo un paio d’anni dal loro ritorno, però, Marco, gravemente ammalato, vuole rivedere il luogo dove hanno vissuto poveramente, ma serenamente. Così tutta la famiglia lo accompagna in quello che sarà l’ultimo viaggio.
Novembre  2013
Elena apre la nicchia situata sotto l’affresco e lì trova un mucchietto d’ossa con un anello senatorio e, incise  sulla roccia le parole: “Nunc Sanctissimam videt Trinitatem. Marci filii et Andreas posuerunt”. Sull’anello c’era invece scritto: “Marcus Flavius Tatius senator”. Così Elena riesce a ricostruire da chi e  quando è stata scavata la nicchia e probabilmente anche quando è stato dipinto l’affresco: tra il 410 e il 420. Infine, Elena, resterà al santuario come guida e ricercatrice e forse troverà anche un nuovo amore.
Osservazioni
La narrazione segue il filo degli avvenimenti, spostandosi dal presente al passato nei diversi capitoli, anche se la parte preponderante riguarda il periodo medievale. La presenza di altri personaggi arricchisce il racconto di questo periodo: Aristeides, il precettore greco, Spartaco, il capo dei briganti, Fabio, il senatore venduto.
Altri personaggi arricchiscono anche gli avvenimenti contemporanei: Elena incontra padre Elia, custode del santuario, e mentre desidera un rapporto più concreto con Philip, il suo amico milanese, conosce Giuseppe, il simpatico venditore di candele votive del Santuario.
Le vicende si intrecciano con la personalità dei protagonisti, le loro speranze, i loro sentimenti, la fiducia che ciascuno ripone nei suoi dei, l’ironia con cui affrontano le situazioni.
Il Medioevo è descritto come un’epoca di forte incertezza, di sommovimenti continui, e pieno di gente che vive di espedienti. Il dramma di una società che scompare viene vissuto pienamente da Marco, il capofamiglia, e la transizione tra vecchie e nuove credenze crea un vissuto con accenni di  sincretismo.
La nostra epoca invece, ritrae pienamente la fatica di tanti giovani appassionati e impegnati nel loro lavoro, che hanno difficoltà ad ottenere riconoscimenti e a raggiungere una vita stabile.
Ma tutto è bene quel che finisce bene…
Biografia dell’autrice
Ninetta Pierangeli è un’insegnante di lettere e una scrittrice. Ha pubblicato diverse opere per bambini e ragazzi: Il tempo degli animali felici (Nicola Calabria Editore, 2006), Le avventure di Agostino il millepiedi (Edigiò, 2007), Il bar del porcospino (Edigiò, 2009), I colori del Natale (Nicodemo edizioni, 2009), Fiabe al personal computer (Edilet, 2011), Le pantere colorate (Edigiò, 2011), Lo zainetto (Bastogi, 2012), Il piccolo Gaio. Storia fantastica di Giulio Cesare (Edigiò, 2013) Inoltre sono usciti per un pubblico più grande: Asperger (Lepisma, 2015), L’immagine misteriosa (Augh, 2016)
Certo di avervi ingolositi vi saluto dandovi l’arrivederci alla prossima occasione!
Grazie a tutte e tutti voi per l’attenzione e  la pazienza!
Buon pomeriggio e, come sempre, Buona lettura, magari  proprio in compagnia del romanzo “L’immagine misteriosa” di Ninetta Pierangeli!
Con simpatia! 🙂
L'immagine misteriosa di Ninetta Pierangeli
Annunci

DeAgostini fa rivivere le grandi storie d’amore

Nasce DeA Classici la nuova collana di casa De Agostini

Salve a tutti voi!

In questo martedì sera voglio presentarvi la nuova collana che la casa editrice De Agostini ha pensato e ideato per dare una nuova vita e una nuova veste ai Grandi Classici della Letteratura. La collana, nelle librerie a partire da oggi, martedì 5 luglio 2016, è stata battezzata DeA Classici. Allo scopo di fornirvi tutte le informazioni senza dimenticanze riporto qui di seguito il comunicato stampa inviatomi via e-mail dall’Ufficio Stampa della De Agostini:

Logo nuova collana De Agostini

Nasce DeA Classici per il target Young Adult,
la nuova collana di classici De Agostini Libri
dedicata alle grandi storie d’amore della letteratura
con prefazioni d’autore.

Novara, 5 luglio 2016. Escono oggi in libreria i primi quattro titoli con il marchio
DeA Classici, la nuova collana De Agostini Libri che propone le grandi storie
d’amore della letteratura classica agli adolescenti.
Il progetto è pensato per raccontare le più belle storie romantiche di tutti i
tempi ai teenager e avvicinare così i giovani lettori ai capolavori immortali della
letteratura. Questa è la linea guida che ha orientato la scelta dei titoli: Romeo
e Giulietta di William Shakespeare, Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen,
La signora delle camelie di Alexandre Dumas e Il grande Gatsby di Francis
Scott Fitzgerald.
«Abbiamo puntato sia sul testo, traduzione integrale e con un linguaggio
moderno, che sulla confezione, scegliendo una veste grafica accattivante,
preziosa, che dialoghi direttamente con il target di riferimento» spiega
Annachiara Tassan, direttore editoriale De Agostini Libri.
Per conferire ulteriore autorevolezza ai titoli sono stati scelti quattro grandi
autori contemporanei in qualità di prefatori dei romanzi sopracitati: Romeo e
Giulietta ha la firma di Emanuele Trevi, Orgoglio e pregiudizio quella di Paola
Zannoner, La signora delle camelie e Il grande Gatsby sono contrassegnati
rispettivamente dalla penna di Simona Sparaco e Pierdomenico Baccalario,
il quale ha curato anche la traduzione del romanzo.
La collana si arricchirà di nuove uscite nel 2017.
«I classici sono quei libri di cui si sente dire di solito:
‘Sto rileggendo’ e mai ‘Sto leggendo’»
Italo Calvino

_____________________________________________
Ufficio stampa – Riccardo Barbagallo
Tel. +39 0321-424925 cell. 327-6385311 e-mail: ufficiostampa.deagostinilibri@deagostini.it
De Agostini Libri spa
Corso della Vittoria, 91 – 28100 Novara (Italia)

Se volete gustarvi il video di presentazione, nel quale compaiono alcune tra le autrici del momento di casa De Agostini, non vi resta altro da fare che cliccare qui!

Se invece siete dei giocherelloni e siete curiosi di scoprire quale classico più vi assomiglia qui troverete un quiz interessantissimo e quanto mai rivelatore!

Grazie infinite a tutte e tutti per l’attenzione e la pazienza che anche stavolta mi avete dedicato e arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura, magari proprio in compagnia di una delle pubblicazioni della nuova collana DeA Classici!

Con simpatia! 🙂

Asperger di Ninetta Pierangeli

Presentazione del romanzo “Asperger” di Ninetta Pierangeli

Salve a tutti!

Copertina "Asperger" di Ninetta PierangeliPer cominciare nel migliore dei modi questa nuova settimana vi propongo la presentazione di un libro che promette molto bene. Si tratta del romanzo di Ninetta Pierangeli intitolato “Asperger“. Il libro è stato pubblicato da Lepisma Edizioni.

Allo scopo di fornirvi una presentazione la più completa possibile il compito di illustrarvi “Asperger” è affidata alle parole dell’autrice stessa la quale, dopo aver presentato la propria “creatura” presenterà anche se stessa. Ma ora basta chiacchiere. È tempo che io ceda la parola a Ninetta Pierangeli:

Asperger di Ninetta Pierangeli (Lepisma, Roma 2015)

Copertina "Asperger" di Ninetta Pierangeli

Asperger è un romanzo per adulti, non molto lungo, di 119 cartelle standard. Il titolo prende il nome da una sindrome di tipo autistico che è stata definita abbastanza di recente, ed è poco conosciuta, rappresenta in un certo modo il mistero che c’è dietro i disturbi psichici e neurologici. E appunto questo è il tema del romanzo, che si sviluppa tutto all’interno di una precisa unità di luogo: un centro specializzato per la cura dei disturbi e delle patologie neurologiche e psichiatriche sia dell’età adulta che dell’infanzia. Si tratta di un centro della Asl di Roma all’avanguardia, dove operano specialisti delle diverse branchie, dove c’è una palestra e una piscina per la riabilitazione motoria, un orto per l’ortoterapia, un laboratorio per le attività artistiche, e naturalmente una sala d’attesa. Il romanzo si svolge interamente all’interno di questo centro, con una forte e compatta unità di luogo. I cinque personaggi principali pensano e parlano, ricordano la loro vita e incontrano gli altri sempre in questo luogo. La loro descrizione è esclusivamente psicologica. Ognuno di questi cinque personaggi riferisce della sua vita in prima persona, alternando la propria presenza e i propri discorsi in un ordine sempre uguale. La struttura complessiva del romanzo è dunque, possiamo dire, alla Pamuk.  I cinque personaggi principali sono: Claudio, il papà di Luca, un bimbo che misteriosamente non parla; Marco, un uomo affetto da un disturbo psichico, forse di tipo schizofrenico; Ezra, una giovane kossovara che ha subito un forte shock durante la guerra; Nina, la madre di un bimbo cerebroleso; Antonio, uno stalker in cerca di una rinascita. Attorno ai personaggi principali ve ne sono altri, incontrati nella sala d’attesa: Angelo, il bimbo dislessico, Silvana, la ragazza depressa, il personale medico, gli psicologi, e altri ancora.

A un certo punto, prende il via uno strano enigma: come mai nell’orto non sboccia quasi nulla?

Attorno a questo giallo surreale, si intrecciano le vicende dei protagonisti; lo scioglimento della vicenda è affidato al racconto di Silvana, che diventa così la sesta protagonista.

Il tema è forte e impegnativo, ma viene svolto in modo leggero e ironico. L’ambizione è quella di attingere a una poetica dell’umorismo di tipo pirandelliano, dove si piange e si ride. E’ senza dubbio un romanzo corale, dove ognuno parla di sé. Per rendere credibile il racconto, la lingua e la sintassi utilizzate sono mimetiche della realtà. Vi sono dunque elementi lessicali gergali e dialettali dell’area romana, poiché tutto di svolge a Roma. La sintassi è volutamente scorretta e a volte sconnessa; quasi tutti i personaggi utilizzano il pronome gli al posto di le e loro, i congiuntivi non ci sono o sono errati, ecc. Il flusso dei ricordi si intreccia con gli avvenimenti presenti, e il filo che sottilmente percorre le storie è un filo di amicizie e simpatie che avvolgono una speranza  che non viene meno, tranne nella solitudine finale di Silvana, avvolta di mistero. Solo nel racconto di Silvana si chiarirà il titolo del romanzo, con un unico accenno.

Particolare in questo romanzo, è la vicenda di Antonio, lo stalker. Nella letteratura corrente, c’è una grande riflessione sulle vittime di stalking, ma mai nessuno parla dall’altra parte, dalla parte del maniaco, che non è un mostro, ma un uomo affetto da patologia, che può essere recuperato.

Il romanzo osa affrontare dunque un tema denso in modo ironico e divertente. Le situazioni che si creano, gli incontri  e i discorsi che si intrecciano sono a volte buffi e paradossali, come quando Ezra, scioccata dallo stupro della madre, avvenuto durante la guerra del Kossovo, va in giro a domandare agli uomini se hanno il loro pene e cosa ci fanno. E la risposta di Claudio, attonita, è: “io ci faccio la pipì”.

Dramma e ironia, mescolati insieme, lasciano l’impressione di una speranza leggera, sottile, sofferta, non impossibile.

Brevi note biografiche:

Ninetta Pierangeli è un’insegnante di lettere e una scrittrice. Ha pubblicato diverse opere per bambini e ragazzi: Il tempo degli animali felici (Nicola Calabria Editore, 2006), Le avventure di Agostino il millepiedi (Edigiò, 2007), Il bar del porcospino (Edigiò, 2009), I colori del Natale (Nicodemo edizioni, 2009), Fiabe al personal computer (Edilet, 2011), Le pantere colorate (Edigiò, 2011), Lo zainetto (Bastogi, 2012), Il piccolo Gaio. Storia fantastica di Giulio Cesare (Edigiò, 2013) Inoltre sono usciti per un pubblico più grande: Asperger (Lepisma, 2015), L’immagine misteriosa (Augh, 2016)

Grazie a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e arrivederci alla prossima occasione!

Buon pomeriggio e, come sempre, Buona lettura, magari proprio in compagnia di “Asperger” di Ninetta Pierangeli pubblicato da Lepisma Edizioni!

Con simpatia! 🙂

Copertina "Asperger" di Ninetta Pierangeli

Prossimi Articoli più recenti

Mille Splendidi Libri e non solo

"Un libro deve essere un'ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi"

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

TRA FEDE E NATURA

Riscoprire Maria ci aiuta ad andare avanti da cristiani e a conoscere il Figlio. BXVI

JOSEPH RATZINGER :B16 e G.GÄNSWEIN

UNA RISPOSTA QUOTIDIANA AL TENTATIVO DI SMANTELLAMENTO DELLA VERA CHIESA !

ROMANCE E ALTRI RIMEDI

di Mara Marinucci

Iris e Periplo Review

Tutte le mie recensioni, ricette e letture

Leggendo a Bari

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri”

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile