Vani Sarca professione ghostwriter

L’esordio di una protagonista indimenticabile

L'imperdibile romanzo d'esordio di Alice BassoLa Dottoressa Silvana Cassandra Sarca, per gli amici Vani, protagonista de “L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome”, il romanzo d’esordio di Alice Basso, edito da Garzanti Libri e in uscita nelle librerie a partire da giovedì prossimo, 14 maggio 2015, è uno di quei personaggi per i quali è impossibile non provare una simpatia a pelle. Cinica, caustica, misteriosa e oscura cattura il lettore fin dalle primissime pagine del romanzo, nelle quali “mette al proprio posto” il Dottor Mantegna, uno degli autori da lei “beneficati”. Il Dottor Mantegna è n medico di una certa fama che Vani ha aiutato a scrivere il suo romanzo d’esordio e che, nelle prime scene de “L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome” troviamo, nell’ufficio del capo di Vani, il Dottor Enrico Fuschi, un uomo che ha una calcolatrice non solo al posto del cuore ma anche al posto del cervello, intento a programmare e decidere quelle che saranno le strategie per la sua molto prossima comparsata televisiva durante la quale egli si troverà a parlare del suo libro appena uscito.

Se vi sono sembrato troppo sbrigativo nel delineare le figure di Enrico Fuschi e del Dottor Mantegna chiarisco subito che è stata un’azione premeditata per non anticiparvi troppo togliendovi così il gusto di immergervi nella lettura di quello che è un romanzo che cattura dalla prima all’ultima pagina riunendo in sé una serie di vicende e di situazioni che si amalgamano alla perfezione tra loro dando vita così ad un intreccio a dir poco perfetto. Altri elementi di questo intreccio sono Riccardo Randi, professore universitario entrato nel rutilante mondo letterario dopo l boom del suo romanzo d’esordio e che qui ritroviamo impantanato nella stesura del suo secondo romanzo, il quale intesserà con Vani un rapporto che pian piano si evolverà ben oltre i normali rapporti editoriali. Vi è poi Morgana, una studentessa quindicenne, che vive nello stesso palazzo di Vani e che sembra il suo clone con vent’anni di meno sulla carta d’identità. Completano, per così dire, il quadro Bianca, una scrittrice new-age, autrice di una collana di libri sugli Angeli e i loro messaggi e il commissario Berganza, un personaggio che “sembra uscito da un fumetto” o da un romanzo giallo, con quel suo impermeabile beige che lo fa somigliare molto a personaggi quali Dick Tracy, il tenente Colombo e il tenente Sheridan.

Ah…

E poi naturalmente vi è la famiglia di Vani che nel romanzo troviamo impersonata principalmente da Lara, la sorella di Vani che ne incarna l’antitesi. Almeno all’apparenza. Se infatti si legge il romanzo e si scava un pochino nelle sue pieghe troviamo che le due sorelle qualche punto almeno vagamente in comune ce l’hanno. Il principale di questi è, a mio avviso, dato dall’”uomo di punta” delle loro vite. Per Lara questa figura è incarnata dal marito Michele, un manager con dei comportamenti che spesso lo fanno somigliare ad un bambino capriccioso ma che comunque, nonostante tutto, si dimostra comunque “un buon marito e un padre meraviglioso”. Per Vani invece questa figura maschile preminente è data proprio dal suo capo il quale, pur apparendo non certo come il capo ideale per il quale lavorare, con quel suo essere freddo ed attaccato a quelli che sono gli aspetti economico-finanziari, ciononostante rivela, nel corso del romanzo, degli aspetti umani che lo rendono, se non proprio il prototipo di “Mister Simpatia”, quantomeno accettabile e vagamente, in fondo in fondo, ma proprio in fondo, vagamente simpatico.

Quindi, detto questo, non mi resta che invitarvi caldamente, ad acquistare e godervi fino in fondo “L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome” di Alice Basso e a lasciarvi avvolgere dalle sue atmosfere e avvincere dalle vicende e dalle trame alle quali questa promettentissima narratrice riesce a dare vita!

Un esordio imperdibile

L’ormai prossima uscita del romanzo “L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome” di Alice Basso

Salve a tutti di nuovo!

L'imperdibile romanzo d'esordio di Alice BassoOggi è la giornata della pubblicità per quanto concerne eventi culturali e prossime uscite di romanzi. È infatti per pubblicizzare l’uscita ormai molto prossima del romanzo d’esordio di Alice Basso, un’autrice esordiente molto promettente a detta della casa editrice Garzanti che pubblicherà il suo romanzo intitolato “L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome“. Trattandosi di un’anticipazione e non volendo incorrere in malaugurate topiche riporto qui di seguito il contenuto dell’email inviatami nella giornata odierna a cura dell’addetta dell’ufficio marketing della casa editrice Garzanti, la gentilissima Dottoressa Letizia Moroni:

a maggio esce L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome,

il libro di una promettente esordiente italiana, Alice Basso.

L'imperdibile romanzo d'esordio di Alice Basso

È un romanzo dalle mille anime, originale, leggero e divertente. All’autrice è bastato aprire una finestra sul mondo dei libri e dei suoi segreti, creare un’eroina diversa dal solito, aggiungere un’imprevedibile storia d’amore per stuzzicare la fantasia del lettore con un’indagine davvero curiosa.

Siamo certi che sia un libro destinato a lasciare il segno in tutti coloro che lo leggeranno.

Ha tutti gli ingredienti che lo renderanno caro agli amanti dei libri, dei gialli e a chi sta cercando qualcosa di nuovo e originale.

In attesa dell’uscita, per te e per chi ti segue ecco alcuni contenuti speciali:

IL BOOKTRAILER DI L’IMPREVEDIBILE PIANO DELLA SCRITTRICE SENZA NOME

http://bit.ly/BooktrailerBasso

 

ALCUNI CONSIGLI DI SCRITTURA DI ALICE BASSO

Perché oltre che scrittrice, la nostra Alice è un insider del mondo dei libri: lavora in una casa editrice!

Da condividere sul tuo blog di lettori che magari hanno anche scrittori amatoriali!

http://bit.ly/AliceBasso

Alice Basso

L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome

 L'imperdibile romanzo d'esordio di Alice Basso

In libreria dal 14 maggio

 

Trama

Scrivere è il suo mestiere
I libri la sua passione
Ma quello che non sa
è che possono salvare la vita

Dietro un ciuffo di capelli neri e vestiti altrettanto scuri, Vani nasconde un viso da ragazzina e una innata antipatia verso il resto del mondo. Eppure proprio la vita degli altri è il suo pane quotidiano. Perché Vani ha un dono speciale: coglie l’essenza di una persona da piccoli indizi e riesce a pensare e reagire come avrebbe fatto lei. Un’empatia profonda e un intuito raffinato sono le sue caratteristiche. E di queste caratteristiche ha fatto il suo mestiere: Vani è una ghostwriter per un’importante casa editrice. Scrive libri per altri. L’autore le consegna la sua idea, e lei riempie le pagine delle stesse parole che lui avrebbe utilizzato. Un lavoro svolto nell’ombra. E a Vani sta bene così. Anzi, preferisce non incontrare gli scrittori per cui lavora.
Fino al giorno in cui il suo editore non la obbliga a fare due chiacchiere con Riccardo, autore di successo in preda a una crisi di ispirazione. I due si capiscono al volo e tra loro nasce una sintonia inaspettata fatta di citazioni tratte da Hemingway, Fitzgerald, Steinbeck. Una sintonia che Vani non credeva più possibile con nessuno. Per questo sa di doversi proteggere, perché, dopo aver creato insieme un libro che diventa un fenomeno editoriale senza paragoni, Riccardo sembra essersi dimenticato di lei.
E quando il destino fa incrociare di nuovo le loro strade, Vani scopre che le relazioni, come i libri, spesso nascondono retroscena insospettabili. Proprio ora che ha bisogno di tutta la sua concentrazione. Perché un’autrice per cui sta lavorando è stata rapita e la polizia vuole la sua collaborazione. C’è un commissario che ha riconosciuto il suo talento unico e sa che solo lei può entrare nella mente del sequestratore.
Come nel più classico dei romanzi, Vani ha davanti a sé molti ostacoli. E non c’è nessuno a scrivere la storia della sua vita al posto suo: dovrà scegliere da sola ogni singola parola, gesto ed emozione.
L’ imprevedibile piano della scrittrice senza nome è il sorprendente esordio di Alice Basso. Una voce nuova, unica, esilarante. Un tributo al mondo dei libri, all’amore che non ha regole e ai misteri che solo l’intuito può risolvere. Una protagonista indimenticabile che vi dispiacerà lasciare alla fine del romanzo.

Chi è Alice?

Alice Basso è nata nel 1979 a Milano e ora vive in un ridente borgo medievale fuori Torino. Lavora in una casa editrice. Nel tempo libero finge di avere ancora vent’anni e canta in una band di rock acustico per cui scrive anche i testi delle canzoni. Suona il sassofono, ama disegnare, cucina male, guida ancora peggio e di sport nemmeno a parlarne.

La verità su Chris

Salve a tutti!

Into the wild truth di Carine McCandlessRicevo e pubblicizzo con molto piacere la notizia di un incontro aperto a tutti i blogger interessati organizzato dalla casa editrice Corbaccio per giovedì 14 maggio 2015. L’occasione è fornita dalla presentazione del libro intitolato “Into the wild truth“, scritto da Carine McCandless, sorella di Chris McCandless, “il discusso protagonista di Into the wild“. A vent’anni dalla scomparsa del fratello Carine McCandless ha deciso di raccontare quelli che furono i veri motivi che spinsero suo fratello Chris ad abbandonare tutto e tutti per avventurarsi nelle terre estreme e inospitali dell’Alaska. Il libro “Into the wild truth“, nelle librerie dal 30 aprile 2015, è un libro duro e coraggioso attraverso il quale Carine McCandless si prefigge di difendere il fratello e la sua memoria dalle critiche e dalle accuse che, ancora oggi, a vent’anni dalla sua morte, dipingono Chris McCandless come un ragazzino viziato ed egoista.

Into the wild truth di Carine McCandless

La vicenda di Chris McCandless, raccontata da Jon Krakauer nel libro “Nelle terre estreme” e ulteriormente amplificata dalla trasposizione cinematografica ricavatane da Sean Penn, ha infatti dato vita a un dibatto acceso che dura ancora oggi, a vent’anni dalla sua scomparsa. L’evento in programma per giovedì 14 maggio 2015, presso la sede della casa editrice Corbaccio, sarà un’occasione unica per poter incontrare Carine McCandless intrattenendosi con lei parlando del suo libro e di suo fratello.

Into the wild truth di Carine McCandless

Quanti tra voi fossero interessati a partecipare all’incontro per i blogger sono invitati a darne conferma contattando l’Ufficio Stampa della casa editrice Corbaccio. Quanti poi fossero interessati ad acquistare il libro potranno accedere, attraverso questo link, alla pagina dedicata a “Into the wild truth” di Carine McCandless, dalla casa editrice Corbaccio. Per una anticipazione sul libro di Carine McCandlessInto the wild truthqui potrete trovare la scheda del libro. In conclusione rinnovo l’invito a tutti i blogger interessati a partecipare a quello che si annuncia come un evento imperdibile.

Per ora è davvero tutto!

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e arrivederci alla prossima!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Into the wild truth di Carine McCandless

Uno sguardo sull’abisso

Il professor Hat e la sua inquietante presenza

Uno sguardo sull'abisso di Marco IacovelliC’è un racconto di Stephen King, inserito nella raccolta “Incubi e Deliri“, intitolato “Ti prende a poco a poco” il cui titolo mi è continuato a girare in testa durante la lettura di “Uno sguardo sull’abisso” di Marco Iacovelli pubblicato dalle Edizioni Progetto Cultura. Il motivo di questo fatto è da ricercarsi nel fatto che il romanzo “Uno sguardo sull’abisso” prende il lettore a poco a poco. Dopo un inizio che potremmo definire, con un termine inglese al quale ricorro di rado, soft, morbido, un inizio nel quale l’autore mette le basi allo sviluppo futuro della vicenda, il racconto entra pienamente nel vivo grazie all’ingresso nella storia del misterioso e inquietante professor Anthos Hat. Anthos Hat è un signore all’apparenza distinto anche se vestito con indumenti che sarebbe stati più adatti all’epoca di Al Capone che a quella, contemporanea, le vicende di “Uno sguardo sull’abisso” si svolgono infatti nel corso del 2013 con una coda finale a luglio 2014, il quale entra, per un caso fortuito in contatto con la famiglia Stramaglia. Gli Stramaglia sono una famiglia barese composta da tre persone: Teresa, la madre, una donna sessantaduenne abbandonata dal marito, fuggito anni addietro con una giovane di origini albanesi dalla quale ha avuto un altro figlio, Paolo, il figlio maggiore, carabiniere non per vocazione ma per spinta e Antonio, studente di Archeologia in crisi esistenziale.

È proprio allo scopo di aiutare il figlio minore a superare il periodo di impasse che la signora Teresa mette un annuncio tramite il quale cerca qualcuno che possa assistere il figlio minore nello studio affinché egli possa passare l’esame di Storia Romana antica. A questo annuncio risponde il professor Anthos Hat che, dopo le iniziali resistenze del giovane Antonio Stramaglia, viene accettato e comincia la propria opera di insegnante. In effetti il metodo di insegnamento adottato di Anthos Hat sembra funzionare. Antonio dal primo momento avverte una strana sensazione, come di pericolo imminente, nella presenza del professore e tenta di convincere il fratello carabiniere a indagare su chi sia veramente Anthos Hat. Paolo Stramaglia non ha però una gran considerazione del fratello e lo tratta un po’ come il ragazzino che gridava “Al lupo! Al lupo!”

Col tempo strani, misteriosi e drammatici avvenimenti cominciano a colpire i membri della famiglia Stramaglia ma nemmeno questi sono sufficienti per convincere Paolo ad indagare sul misterioso e inquietante professor Hat. Antonio si ritrova quindi da solo a dover tentare di intervenire. La vicenda ha il suo culmine quando Antonio, trasformatosi in una sorta di tenente Colombo in versione levantina, arriva all’abitazione presa in affitto dal sinistro professore e lo affronta. Se volete sapere l’esito di questo scontro e molto altro sulla vicenda, forte, a tratti graffiante, ruvida, dura ma avvincente narrata da Marco Iacovelli nel suo romanzo “Uno sguardo sull’abisso” non avete altro da fare che procurarvi la vostra copia del romanzo e divorarlo come ho fatto io!

Uno sguardo sull'abisso di Marco Iacovelli

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

Destinazione Libri

"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita:la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni:n c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia e quando Leopardi ammirava l'infinito...perchè la lettura è un'immortalità all'indietro" cit..Umberto Eco Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

favolesvelte

Il mio mondo è fatto di disegni e fotografie, filastrocche, poesie e racconti che invento per gli adulti e per i bambini - Favolesvelte è anche un libro edito da Golem Edizioni, nato dalle 365 storie in 365 giorni pubblicate in questo blog nel corso del 2014 - Spot stories of a psychotherapist/Valeria Bianchi Mian - Licenza Creative Commons FAVOLESVELTE - SPOT STORIES di Valeria Bianchi Mian è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.