Sofia, Alex, Laura e il Sale della vita

Recensione del romanzo “Ti guardo” di Sibyl von der Shulenburg

Ti guardo di Sibyl von der ShulenburgCome promesso qualche giorno fa oggi vi presento la mia recensione al romanzo “Ti guardo“, opera, edita dalla casa editrice “Il prato”, che fonde aspetti psicologici, derivanti dagli studi compiuti, a trame degne dei migliori romanzi gialli uscita dalla penna e dal talento di Sibyl von der Schulenburg, autrice nata a Lugano, in Svizzera, da genitori tedeschi ma residente e operante tra la provincia di Milano e la Toscana. Con il romanzo “Ti guardo” l’autrice da un’energica scossa ai lettori presentando loro una storia che li colpirà come un sonoro pugno allo stomaco tenendoli incollati alle sue pagine. Ho parlato di un sonoro pugno allo stomaco perché “Ti guardo” è un romanzo davvero “forte” che presenta uno dei personaggi più complessi e indimenticabili che mai scrittore sia riuscito a creare. Un personaggio complesso e sfaccettato che racchiude in sé tre personalità nate da un’infanzia caratterizzata dall’abbandono da parte della madre e dai maltrattamenti di un padre rozzo e violento il quale avrebbe desiderato un figlio maschio e mal digeriva la figlia. Proprio dall’atteggiamento paterno scaturirà la personale di Alex, duro, deciso e con scatti decisamente violenti.

Ti guardo di Sibyl von der ShulenburgDiventata adulta la protagonista del romanzo “Ti guardo” si trova a portare avanti una terapia di tipo innovativo, gestita interamente attraverso il sistema della chat, virtuale e unicamente testuale, senza la possibilità della videochat rifiutata da Alex al momento della richiesta di ammissione alla terapia. Attraverso la terapia che condurrà la protagonista ad entrare sempre più in contatto col proprio terapista. La poliedrica e multiforme protagonista vive però anche altre esperienze oltre a quella della terapia intrapresa come paziente. Nella “personificazione” di Sofia la protagonista partecipa ai corsi tenuti da una famosa cake-designer alla quale si lega morbosamente arrivando, quando se ne sente rifiutata, a tramutarsi in stalker. Attraverso i corsi frequentati Sofia si scopre a sua volta un’artista nell’arte della body-art messa in atto creando “sculture umane” attraverso la pasticceria per mezzo di creme e impasti vari. Attraverso poi la terza personificazione, Laura, la protagonista diventa poi, a sua volta, una sorta di terapista; una terapista che utilizza metodi di cura basati in gran parte sul sesso. Ma, nonostante “Ti guardo” sia un romanzo giocato su una complessità di incastri, a farla da padrone è nettamente la tematica del vuoto, del senso dell’abbandono, ai quali la protagonista cercherà in tutti i modi di porre rimedio. La protagonista poi non è propriamente un personaggio gradevole in assoluto ma nonostante ciò sfido i futuri lettori a non parteggiare, senza se e senza ma, per lei nei vari frangenti che la vedranno impegnata. Un romanzo che avvincente dunque ma che commuove anche per quell’aleggiante senso di abbandono e di rifiuto che caratterizza la vita della protagonista dai tanti volti.

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Trackback: SCOPRIAMO L’ARTISTA… INTERVISTA A SIBYL VON DER SCHULENBURG | Recensioni Librarie in Libertà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

Destinazione Libri

"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita:la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni:n c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia e quando Leopardi ammirava l'infinito...perchè la lettura è un'immortalità all'indietro" cit..Umberto Eco Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: