I pugnalatori di Leonardo Sciascia

Leonardo Sciascia e un mistero dell’Italia appena unificata

I pugnalatori di Leonardo SciasciaDell’amore di Leonardo Sciascia per i misteri nostrani ed in special modo se in questi misteri entra la sua Sicilia non credo occorra che dica nulla di più di quanto già non appare ovvio leggendo la sua opera letteraria. Ne “I pugnalatori“, uscito dopo l’altro romanzo, se di “romanzo” è corretto parlare visto l’argomento e considerato che protagonisti sono personaggi realmente esistiti, in cui si occupava di un mistero legato ad un personaggio eminentissimo della scena scientifica italiana e siciliana in particolare, ovvero “La scomparsa di Majorana“, Leonardo Sciascia si immerge e ci fa immerge nell’esplorazione di un mistero risalente stavolta al primo periodo immediatamente successivo all’Unità d’Italia. Le vicende hanno luogo a Palermo dove, in una sera d’ottobre del 1862 in contemporanea o quasi vengo pugnalati, chi a morte chi riportando solamente ferite di varia gravità, tredici persone. A poco tempo da questi gravissimi fatti viene fermato un uomo, certo Angelo D’Angelo, responsabile in prima persona di una delle aggressioni, il quale, per poter (per quanto possibile, almeno) alleggerire la propria posizione, come si direbbe oggi, fa i nomi degli altri responsabili i quali, in breve tempo, vengono poi arrestati e rinviati a processo a seguito del quale verranno condannati, chi al patibolo, chi ai lavori forzati a vita e l’ultimo, colui il quale meno responsabilità aveva avuto nei fatti, ai lavori forzati per un periodo di vent’anni.

I pugnalatori di Leonardo SciasciaVicenda chiusa quindi? All’apparenza si potrebbe credere di sì ma gli inquirenti, tra i quali il Giudice Giacosa, inviato a Palermo dal Piemonte, vogliono vederci più chiaro circa i mandanti di queste pugnalazioni e circa i motivi che stanno dietro a questi fatti di estrema gravità. Indagando i due inquirenti vedono le indagini indirizzarsi, inizialmente, verso la pista di un’azione ordita da nostalgici dei Borboni. Proseguendo però nelle proprie indagini i due si imbattono in una sorta di cospirazione intricatissima nella quale entrano, a vario titolo, gli ambienti più disparati, da quelli religiosi a quelli della politica più “alta”. Insomma un ginepraio dal quale emerge sempre più un desolante scenario di impossibilità di venire a capo della Verità ed un’altrettanto desolante mancanza di speranza di poter fare Giustizia, quantomeno una Giustizia completa. Infatti, mentre per alcuni capi che avevano diretto sul campo le azioni delittuose scatta la lama della ghigliottina, utilizzata in quel caso per applicare la pena di morte, per almeno un altro responsabile, un responsabile che però occupa una posizione di grande rilievo, ci saranno solo guardie d’onore e manifestazioni pubbliche in vece del Re d’Italia. Come apparirà anche in “Una storia semplice“, anche ne “I pugnalatori” le speranze che restano ancora alla Giustizia sono nulle.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

Destinazione Libri

"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita:la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni:n c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia e quando Leopardi ammirava l'infinito...perchè la lettura è un'immortalità all'indietro" cit..Umberto Eco Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: