L’estate del non ritorno

La straordinaria avventura di Cam e Meg

Salve a tutti!

L'estate del non ritorno di Sara BoeroStasera voglio presentarvi un racconto particolare. Si tratta di un racconto particolare sotto vari punti di vista. In primis lo è perché è opera di una mia amica virtuale, come vengono definite le amiche (come in questo caso) conosciute grazie all’intermediazione della Grande Rete. In secondo luogo è un racconto particolare in quanto, pur essendo etichettato come romanzo per ragazzi, ha in sé dei particolari che lo rendono stuzzicante anche per lettori di un’età un tantino superiore a quella raccomandata. Il racconto del quale sto per parlarvi s’intitola “L’estate del non ritorno” ed è una storia uscita dalla penna e dal talento di contastorie della bravissima Sara Boero.

L'estate del non ritorno di Sara BoeroProtagoniste principali della storia narrata ne “L’estate del non ritorno” sono due giovani ragazze, due adolescenti, di nome Camilla e Margherita anche se loro preferiscono farsi chiamare, all’americana, Cam e Meg. La storia si apre con Cam che si sveglia nella casa di campagna che fu dei suoi nonni durante le vacanze estive. A svegliarla è un ragno, “uno di quei ragni con le zampe lunghissime e il corpo piccolino“. Schifata Cam si alza. Poco dopo si accorda, non senza l’uso un astuto stratagemma per ottenere il nulla osta della madre, affinché la sua amica Meg la raggiunga per passare alcuni giorni in compagnia. Meg, di famiglia agiata se non ricca, a sua volta modella per una rivista per teenager e fresca di servizio fotografico a Milano durante il quale ha posato per la collezione di costumi da bagno dell’anno dopo, raggiunge l’amica nel più breve tempo possibile. Dopo pranzo e dopo che i genitori, non proprio contenti per lo stratagemma utilizzato dalla figlia per ottenere il permesso di ospitare l’amica, hanno espresso il proprio malcontento con una buona dose di freddezza, le due amiche, dopo che Cam ha aiutato Meg a sistemare le proprie cose nella camera assegnatale, partono in esplorazione.

Meg sembra particolarmente attratta da Villa Marina, una villetta nelle vicinanze della casa di Cam che, nel passato, aveva nel prato davanti alla casa un camposanto quasi sterminato. Ora al posto delle pietre tombali d’un tempo, pietre tombali che avevano provocato non pochi problemi a Cam quand’era bambina, vi sono una serie di siepi. Contro quello che è il volere dell’amica Meg chiede e ottiene di piazzare la vecchia tenda dei nonni di Cam in giardino ed in un punto particolare del giardino, nelle vicinanze cioè del cancello d’accesso a Villa Marina. A tutelare, per così dire, la privacy delle due campeggiatrici vi sono solamente i rami di un albero. A rendere ancora più sinistra la situazione ci si mette anche la scoperta che Villa Marina non è più disabitata ma è stata presa in affitto da due persone, un uomo adulto ed un ragazzo d’aspetto non propriamente simile a dei modelli. In più il ragazzo ha anche un cane di stazza piuttosto grossa, un specie di Alano di nome Pongo.

L'estate del non ritorno di Sara BoeroLa vicenda, dopo un inizio tranquillo, procede in un crescendo di pathos fino alla conclusione sorprendente che lascia il lettore a bocca aperta ma che, a suo modo, chiarisce tutto, annodando, come direbbe il tenente Colombo, tutti i fili pendenti. Un racconto, quello regalatoci dalla straordinaria Sara Boero con “L’estate del non ritorno“, che appassiona e avvince il lettore tenendolo incatenato alle sue pagine per la voglia di scoprire come andrà a finire, per capire cosa si cela sotto una vicenda che, come dicevo poc’anzi, parte tranquillamente e procede con una progressione geometrica di tensione e pathos. Una lettura che non solo consiglio ma straconsiglio a tutti e che, ve lo garantisco, non mancherà di farvi riflettere e meravigliare.

Grazie a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e arrivederci alla prossima!

Buonanotte e, come sempre, Buona lettura, meglio ancora se con “L’estate del non ritorno” di Sara Boero!

Con simpatia! 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

iriseperiplo.wordpress.com/

Tutte le mie recensioni, ricette e letture

Leggendo a Bari

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri”

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Habla italiano

Recursos para aprender italiano online

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

favolesvelte

Il mio mondo è fatto di disegni e fotografie, filastrocche, poesie e racconti che invento per gli adulti e per i bambini - Favolesvelte è anche un libro edito da Golem Edizioni, nato dalle 365 storie in 365 giorni pubblicate in questo blog nel corso del 2014 - Spot stories of a psychotherapist/Valeria Bianchi Mian - Licenza Creative Commons FAVOLESVELTE - SPOT STORIES di Valeria Bianchi Mian è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

I piaceri della lettura

Leggere è come vivere decine e decine di altre vite

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: