Review: Apologia di reato

Apologia di reato
Apologia di reato by Anna Russo
My rating: 5 of 5 stars

Non è certo un paziente facile quello che si trova in un letto d’ospedale a seguito di un tentato omicidio subito da parte della sua vicina di casa, Juliet, con la quale il nostro non eroe ha avuto rapporti più che cordiali fino a qualche tempo prima. Ma il nostro è un misogino di prima categoria. Sposato e divorziato tre e con tre figlie che non lo vogliono vedere, tranne quando si trovano ad aver bisogno di soldi, si trova per tutta la durata di “Apologia di reato“, a conversare, non sempre, anzi quasi mai, amabilmente con un’infermiera la quale è lì per monitorare il suo stato emotivo e mentale. Da notare che in tutto il romanzo breve l’autrice non fornisce mai nè il nome del paziente nè quello dell’infermiera. L’unico nome che troviamo tra le neanche cento pagine, una più avvincente dell’altra, che compongono “Apologia di reato” è quello della vicina, mancata assassina, Juliet.
La storia si regge magistralmente su un botta e risposta tra i due protagonisti principali che permette al lettore di esplorare i meandri della personalità dell’uomo fresco di risveglio e di apprezzarne l’avversione, in certi casi l’odio aperto e puro, verso le donne. L’infermiera però non è lì a vestire i panni della semplice ascoltatrice e reporter delle farneticazioni del proprio assistito. No! L’infermiera risponde colpo su colpo, a volte col silenzio altre con uscite che spiazzano il proprio assistito come, ad esempio, quando all’inizio della conversazione gli dice che aveva già avuto modo di annotare parecchie cose interessanti nel corso della settimana precedente, periodo lungo il quale, evidentemente, l’uomo era in una sorta di stato di coma farmacologico. Un racconto che si snoda battuta dopo battuta fino a raggiungere l’apice nel finale. Un finale sorprendente e per nulla scontato.

View all my reviews

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

Destinazione Libri

"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita:la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni:n c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia e quando Leopardi ammirava l'infinito...perchè la lettura è un'immortalità all'indietro" cit..Umberto Eco Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: