Il Sogno americano che diventa incubo

Recensione a “Soltanto il cielo non ha confini” di Guido Mattioni

 

Soltanto il cielo non ha confiniHernando e Diego Munoz sono fratelli gemelli che a due anni di distanza l’uno dall’altro lasciano il proprio paese natale, Surco en el suelo, un piccolo paesino alle spalle di Chihuahua in Messico e, passando per Ciudad Juarez attraversano il Rio Grande ed approdano da clandestini, insieme ad altri gruppi di wetback, i disperati che, in cerca di un futuro migliore e all’inseguimento della propria razione di Sogno Americano, attraversano il fiume per raggiungere El Paso e con essa l’America. Se però Hernando, il più gentile e buono dei due gemelli, approdato in America si mette a lavorare e si conquista, un poco per volta, la benevolenza altrui, Diego, già di suo il più “fumino” dei due, arrivato in America si unisce al Re dei “Trafficanti di braccia” e imbocca una gran brutta strada; una strada fatta di violenza e soprusi. Nemmeno per Hernando la vita da americano d’importazione è facile. Col tempo infatti egli comincia ad avvertire se non propriamente una nostalgia di casa comunque una nostalgia per le proprie origini, origini che i messicani che gli capita di incontrare durante la propria laboriosa permanenza sul suolo americano sembrano aver dimenticato se non rinnegato totalmente allo scopo di rendersi il più possibili simili al popolo che li ospita, nella errata convinzione che integrazione sia sinonimo di omologazione totale e incondizionata. Inizia così per il buon Hernando un lento cammino di riavvicinamento a casa.

Se già questo fatto non fosse stato più che sufficiente a rendergli l’America un posto non poi così da sogno, ad Hernando piove poi un’ulteriore tegola tra capo e collo e questa ulteriore tegola è proprio la scoperta della strada intrapresa dal proprio gemello. Una strada che lo condurrà all’arresto e alla detenzione. Con “Soltanto il cielo non ha confini”, suo secondo romanzo dopo “Ascoltavo le maree” edito anch’esso dalla Ink Edizioni, Guido Mattioni regala ai propri lettori un altro grande romanzo. Un romanzo nel quale vi è in sottofondo una vena avventurosa ma nel quale tuttavia sono ancora una volta i sentimenti a farla da padrone. Sentimenti veri, profondi e puri che porteranno Hernando ed il romanzo ad un epilogo inaspettato ma assolutamente impareggiabile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Counselling and Supervision with soul

Counselling and Supervision the way you want it

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

Mille Splendidi Libri e non solo

"Un libro deve essere un'ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi"

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

TRA FEDE E NATURA

Riscoprire Maria ci aiuta ad andare avanti da cristiani e a conoscere il Figlio. BXVI

JOSEPH RATZINGER :B16 e G.GÄNSWEIN

UNA RISPOSTA QUOTIDIANA AL TENTATIVO DI SMANTELLAMENTO DELLA VERA CHIESA !

ROMANCE E ALTRI RIMEDI

di Mara Marinucci

Iris e Periplo Review

Tutte le mie recensioni

Leggendo a Bari

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri”

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Fall in "Books" - Lettrice and much more

Leggo, preparo dolci e mi innamoro del mondo

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: