Review: I Watson

I Watson
I Watson by Jane Austen
My rating: 5 of 5 stars

Dopo quattordici anni durante i quali era stata affidata alle cure della zia paterna e del marito di lei, Emma Watson, la più giovane della nidiata torna a casa dalla propria famiglia. Ci torna però senza un soldo dopo che la zia, avendo affidato la gestione delle proprie sostanze, sostanze ereditate alla morte del marito, ad una donna con un pessimo fiuto, aveva visto dilapidata quella che avrebbe dovuto essere, nei piani suoi e del marito, la rendita spettante alla nipote. Tornata quindi a casa senza un soldo e trovando il padre sofferente e spesso impossibilitato a lasciare la propria stanza ed il proprio letto, Emma, la volitiva e decisissima Emma, si trova, come le altre ragazze in età da marito, immersa in una società che sembra avere, anzi ha, come unico scopo quello di realizzare un buon matrimonio.
Ma i problemi per Emma non sono certo tutti qua. Infatti nemmeno i rapporti in famiglia sono idilliaci, specie quando fanno ritorno a casa la sorella Margareth, una ragazza leggera e capricciosa, il fratello Robert, amante solo del denaro e del vivere agiato e la moglie di lui, Jane, altro esemplare di donna tutta apparenza e niente sostanza. La conferma di questo suo mal sopportare i battibecchi, spesso accesi, che si creano in seno alla ritrovata famiglia, è il fatto che Emma, ad un certo punto, preferisce stare a fare da infermiera al padre infermo piuttosto che stare in mezzo al resto della famiglia. Smacco finale per il fratello e la cognata, tanto sicuri della propria vita e tanto desiderosi di sbandierare il proprio benessere, è il rifiuto, al termine di questo racconto incompiuto, di Emma di seguirli nella loro dimora e di soggiornare un certo periodo con loro come aveva fatto la sorella Margareth fino a pochi giorni prima. Un racconto questo che ci presenta e ci fa infinitamente apprezzare quella che è forse la più straordinaria figura femminile uscita dall’ingegno di Jane Austen.

View all my reviews

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

Destinazione Libri

"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita:la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni:n c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia e quando Leopardi ammirava l'infinito...perchè la lettura è un'immortalità all'indietro" cit..Umberto Eco Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: