DOVE SBIANCANO LE PIETRE di VINCENZO RAGNONI

Recensione a cura di Monica Pasero   

Dove sbiancano le pietre è un libro a mio parere da leggere con calma, con la dovuta oculatezza che certe storie richiedono.
ImageIn queste pagine si evidenzia un linguaggio accurato nei minimi dettagli. La scrittura è complessa e non si può fare meno di notare la preparazione linguistica e culturale dell’ autore stesso.
Il protagonista della vicenda è un professore, ma soprattutto un uomo, che avvolto nel suo sognare, trasporterà il lettore nel suo viaggio a ritroso. Un sogno a volte caotico il suo, in cui l’uomo viaggerà nei ricordi, ritrovandoci i suoi studenti e altre figure importanti che nel corso della sua vita lo hanno colpito. Memorie e affetti ritorneranno vivi, profumando questo scritto di sapori antichi. Protagonisti in queste pagine le culture contadine, la genuinità di quei tempi e gli spiriti semplici: uomini e donne amati ed amanti della vita. Lo scenario d’improvviso cambierà, schiudendosi a memorie più tragiche che porteranno la lettura nel periodo bellico, aprendo una grande pagina di storia internazionale in cui si delinea la costruzione del Muro di Berlino e le conseguenze catastrofiche di questa divisione. Una cronaca dettaglia di quel periodo, fino alla caduta del muro. L’autore documenta molto bene il momento storico, donando al lettore una concezione più ampia e particolareggiata di cosa vissero realmente le popolazioni e ricordando al mondo la necessita di libertà.” Il diritto alla libertà”. Di questa penna capace, grazie senza dubbio ad un grande bagaglio culturale, non posso fare a meno di ricordare anche la sua prosa che scorre in questo libro, lasciandoci riflessioni istintive che spaziano da un argomento all’altro con forza e sicurezza . Vi è un passo in questa narrazione che mi ha dato i brividi e voglio fare i miei più sinceri complimenti a questo scrittore , il quale ha saputo raccontare il trapasso con un’ infinita dolcezza, rendendo la morte per un attimo “ Bella” .
Sembrerebbe la testimonianza di un periodo storico difficile., ma in “ Come sbiancano le pietre” v’è molto altro, filo conduttore di tutto il racconto è senza dubbio il sogno dell’ amore. Leggendo con cura queste pagine coglierete la necessita del protagonista: il suo immenso bisogno d’amare che in fondo accomuna tutti noi da generazione in generazione, in fondo come dice lui stesso:
“L’amore non appartiene all’uomo, l’amore è la
vita dell’uomo, lui è il mezzo attraverso il quale la
vita alimenta se stessa.”

Monica Pasero

Per acquistare  http://www.rupemutevoleedizioni.com/letteratura/novita/dove-sbiancano-le-pietre-di-vincenzo-ragnoni.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

Destinazione Libri

"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita:la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni:n c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia e quando Leopardi ammirava l'infinito...perchè la lettura è un'immortalità all'indietro" cit..Umberto Eco Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: