INTERVISTA A SERGIO CASAGRANDE

Nel nostro spazio riproponiamo un’ intervista  di  Rosalba  di Bona fatta al nostro caro amico Sergio Casagrande ricordando il suo ultimo romanzo “La casa dei ciclamini”

Qui sotto il link dove trovare la mia recensione https://ilibridiriccardino.wordpress.com/2013/03/30/la-casa-dei-ciclamini-di-sergio-casagrande/Image

Intervista

Dal macchinista delle Ferrovie dello Stato allo scrittore, il

passo è breve?Ospite oggi , un amico discreto da me conosciuto ed apprezzato tra le pagine del social network Facebook . Una personalità che si distingue tra le tante e che si fa apprezzare per garbo e competenza. Sergio Casagrande nasce in una famiglia semplice ma dignitosa che lo guida con fermezza e amore lungo il percorso dei suoi anni. Fondamentale l’insegnamento cattolico nella sua educazione, dal quale riesce, nonostante la giovane età, a saper distinguere la religiosità bigotta da quella più prettamente cosmica. Legge moltissimo nel corso dei suoi anni e, pur avendo dovuto seguire studi tecnici, la lettura classica lo appassiona molto. Di carattere riservato ha però una forte attrazione, si può anche definire curiosità, per tutto quanto lo circonda, dimostrando di essere un grande osservatore. Questa sua natura lo porta sempre dalla parte dei deboli anche se, lui stesso si definisce “uno spirito libero”, tanto che lascia un lavoro tranquillo come impiegato di concetto in una ditta per fare il macchinista sui treni delle Ferrovie dello Stato, lavoro che gli permette di appagare la sua innata curiosità e di incontrare persone diverse che gli fanno vivere situazioni diverse ispirando e stimolando il suo già grande desiderio di scrivere storie. Di queste storie fa un uso molto personale, le rivisita e le modifica con ironia per mettere in risalto le ipocrisie del mondo che ci circondano, in questa nostra società dei così detti “sepolcri imbiancati”. Intanto continua a rileggere con interesse i classici dell’ottocento ed a scrivere su riviste locali. Pubblica romanzi e la sua sete di sapere e di offrire i suoi stessi interessi culturali non si ferma più.

Ciao Sergio, questa intervista sarà informale, come sempre faccio con i miei amici, per questo avrà il sapore confidenziale di una chiacchierata. Quindi benvenuto a nome mio e di tutti i miei amati lettori. Anche a te farò dieci domande più una di riserva.

E io confidenzialmente ti ringrazio, sia a nome mio sia a nome del mio burlone angelo custode che non mi molla un istante e da sempre mi dà una pizzicata ogni qualvolta cerco di svincolare da una domanda difficile preferendo una risposta diplomatica.

Nei tuoi romanzi la religione e la storia sembrano camminare a braccetto e hanno una corsia privilegiata. Parrebbe che tu dia loro molto rilievo. Dimmi quanto è importante l’educazione che hai ricevuto in tutto questo, e chi era il Sergio bambino?

Posso definirmi, in senso positivo, un ingenuo, un semplice, un candido? Oppure nell’altro senso uno sciocco o semplicione? Devo ancora comprendere se il fatto sia stato generato e alimentato da fattori genetici o da una particolare sensibilità. Da bambino ho fatto una scorpacciata di favole, e non c’era una fiaba che non mi trasportasse in un mondo popolato da belle fanciulle, principesse o contadinelle e da orchi e streghe cattive. Il più delle volte le novelle si riallacciavano alle storie sacre, a leggende, dove in un modo o nell’altro il buono, seguendo gli abituali schemi, aveva il sopravvento sul cattivo. Ciò mi aiutava a superare problemi familiari e dispiaceri dovuti a un’educazione per certi versi eccessivamente rigida. Anche i santi e le sante diventavano il mio rifugio: allora non comprendevo che questo affollato universo era inflazionato e nemmeno mi passava per la mente che la grandezza dei canonizzati era proporzionale al danaro che riuscivano a produrre ( santi con la medaglia d’oro, d’argento, di bronzo). Da adulto, merito di letture severe, sono diventato mio malgrado, e con qualche eccezione, un ironico tagliatore di aureole e un antidogmatico per eccellenza. Vorrei ricordare a tutti la straziante storia di Ipazia. Ed ecco un esempio di storia e di religione: quando l’Impero romano stava crollando i Padri della Chiesa esortavano il popolo alla verginità e non si davano la pena di preoccuparsi che gli eserciti difendessero le frontiere o di riformare il sistema di tasse. Il mio schema mentale ora è diverso: senza ricorrere a ispirazioni religiose o comunque ideali, vorrei aprire la strada all’utopia, a un mondo dove nessuno soffre la fame e pochi sono vittime delle malattie, dove il lavoro è gratificante e non eccessivo, dove i sentimenti come l’amicizia, la benevolenza e l’amore siano la regola e dove la mente, affrancata dalla paura, crea, per il diletto dell’udito, degli occhi e del cuore. Si tratta in fin dei conti di una conquista del futuro ma che già si è verificata in individui eccezionali spesso in contrasto con l’ostilità del gruppo. E non c’è motivo per escludere che, nelle epoche future, il tipo di uomo che ora è eccezione non debba diventare comune.

Sembra che, da sempre e dunque a livello caratteriale, tu ti sia schierato dalla parte dei deboli tanto da interessarti anche al volontariato. Si può dunque affermare che il tuo è amore per i più fragili. Cosa ha fatto scaturire questo in te, quale è stata la leva che ha sollevato questo tuo interesse?

È così. Alle elementari, al cinema parrocchiale, si proiettavano, oltre che i film di Ollio e Stanlio e racconti biblici, le tante battaglie tra gli indiani d’America e le giubbe blu. I primi erano selvaggi schiamazzanti, ornati di penne e armati di archi e lance; i secondi indossavano divise impeccabili e le loro armi erano precise ed efficaci. Mentre i miei compagni inneggiavano ai visi pallidi , io diventavo triste: che vittorie erano mai queste? Iniziavo già allora a comprendere l’importanza della propaganda e dei suoi effetti letali sulla psiche umana. Ho sempre provato una grande compassione per i deboli, per chi non è in grado di difendersi. Ricordo che un giorno, quando avevo poco più di otto anni, vedendo un passero al suolo mezzo assiderato di averlo avvolto nel cotone con la speranza che si riprendesse. Al mattino, trovandolo morto stecchito, piansi disperato e lo seppellii sotto una piccola croce di legno. Alle medie, leggendo il brano dell’Iliade del duello improponibile, seppur leggendario, tra Achille e Ettore, e i diari di Bartolomeo De Las Casas, confermarono e avvalorarono le mie tesi.Image

Mi sembra di capire che in qualche modo l’amore è anche il motore della tua esistenza e lo trasmetti in maniera incisiva nelle tue opere. Ad esempio, nel romanzo “La casa dei ciclamini”, l’amore trasuda da ogni pagina, ce ne vuoi parlare e ci vuoi dire cosa ti ha ispirato?

Normalmente si esprime ciò che si ha dentro; talvolta capita che all’improvviso, come un vulcano in eruzione, la lava, i gas tossici devono uscire per portare la quiete nella tua anima. Riferirò una frase di Alessandro Valenti, il giornalista autore di testi teatrali, che ha curato la mia prefazione: “Come lo è stato per i libri precedenti, questo è un romanzo insolito, scomodo, tenero e appassionato, feroce e iconoclasta, da leggere con abbandono alla ricerca delle più segrete ragioni dell’amore e del nostro vivere quotidiano. Perché al di là di tutto è ancora quella dell’amore la spinta poderosa che ispira questo scrittore”. Sono certo che L’Amore sia l’unica energia salvifica dell’umanità, l’unico bene immobile( nel tempo) senza valore commerciale, che non so possa cioè comprare a nessun prezzo. La casa dei ciclamini è la storia, ironica e al tempo riflessiva, di una donna che ha vissuto tre volte in tre epoche diverse ( ai primi del Novecento, nel sedicesimo secolo, al tempo del Sacco di Roma e dell’Inquisizione spagnola e nel quinto durante le invasioni barbariche). La ritroveremo ai nostri tempi in una casa di ricovero insieme al suo compagno, che l’ha accompagnata nei secoli, messaggera di amore e di carità. Riporto qui sotto un brano del penultimo capitolo, potrei intitolarlo l’ossessione e la forza devastante di un amore perduto: un uomo ritrova il suo amore dopo quarant’anni di ricerche. La donna è diventata terziaria francescana, ed è stata appena violentata da un gruppo di lanzichenecchi spagnoli. Lui era stato un povero soldato, lei la figlia di un ricchissimo signore; non avevano fatto in tempo nemmeno di scambiarsi un bacio, una stretta di mano, e scoperto, il giovane si era dato alla fuga:

Tal vez no valiera la pena”( forse non ne valeva la pena). La soldataglia uscì inneggiando una vecchia canzone spagnola. La poveretta rimase a terra agonizzante. Poco dopo, Giovanni riprese conoscenza. A fatica, si trascinò accanto alla sua adorata. Si sollevò di un tanto, giusto per inginocchiarsi. – Amore, cosa ti hanno fatto?- I suoi duri occhi d’uomo si empirono di lacrime. – Ti ho amato tanto, per tutta la mia vita. Anche tu mi hai voluto bene, non è vero?- Francesca non poteva più rispondere, però non riusciva staccare gli occhi vitrei dal suo viso: lo fissava con l’espressione della colomba atterrita, spiando nei suoi qualche indizio del sentimento con cui l’avrebbe lasciata per sempre, e quasi supplicando per lui una seppur tardiva pietà , proprio quella pietà che a lei non era stata concessa. Dita scarne, piano, piano, raggiunsero le dita di lui, sino a sfiorarle: fecero timidamente conoscenza, si riconobbero, s’interrogarono, e finirono per riunirsi, intrecciate in quel gesto nel quale l’amore si promette con più certezza di un bacio, come se le mani d’entrambi si fossero unite in un’unica preghiera. Infine la sventurata ancella , piena ancora di fede, chinò il capo con un ultimo sussulto.

Sergio, la tua passione è la prosa, ma in essa avverto tanta poesia, quale è il brano che ti rappresenta meglio e che tu vorresti i lettori leggessero in questa rubrica?

Amo la prosa, ma nei miei racconti non mancano mai tratti poetici ,come crudeltà, fatti raccapriccianti e violenti. La vita dunque, nelle sue difficoltà e momenti felici. Come delle istantanee, gli sprizzi di allegria, le furbizie e le ipocrisie, tutto descritto in una perenne sospensione tra realtà e fantasia. Mille sfaccettature per raccontare l’amore. Eccone una e trina, presa a caso, violenza, pietà e amore,tratta dal mio romanzo: in ospedale, la vecchia Nina morente sogna il suo primo incontro con l’amore.

NINA E NINETTA

Nina sembrò percepire un lontano suono di tenui rintocchi di campane; poi, una voce la fece sussultare:

– Chi sei?

– Il padrone del ponte di Luce.

– Come ti chiami?

– Mi chiamo Sonno e conosco il passato di tutti gli uomini. Il mio potere è immenso e domino Sogno, un mio fedele e bizzarro servitore, che se serve di mille travestimenti nelle sue escursioni tra i meandri delle menti. Tra non molto conoscerai mia sorella , che conosce invece il futuro: lei però è taciturna e priva d’immaginazione. Ti ricordi del Poeta, il figlio dei tuoi padroni ? Avevi solo quindici anni…

– No, non so…

– Sì che lo ricordi. Gli hai voluto bene. Ti ha voluto bene.

– No! Lui no!

– E invece sì. Non ti ha mai dimenticato.

– Non mi prendi in giro?

– No. Te lo giuro.

Nina ricordò. Qualche cosa di più grande dell’esaltazione del vivere l’aveva solleva da terra portando con sé passi e pensieri attraverso un mondo seminato di miracoli. Le stelle avevano battuto le palpebre, la luna sorridente l’aveva rincorsa e teso le braccia. Col sole in gola aveva riso di meraviglia, il cuore aveva tintinnato un campanello d’argento. E per una goccia sospesa a un rametto di pesco le si erano riempite gli occhi di lacrime e di arcobaleni. Aveva imparato a ridere. Come ne godeva! Lo faceva in modo tutto suo. Rideva prima di gioia, fragorosamente, poi continuava a ridere del suo riso per celia, e la celia si mutava in ebbrezza; allora non sapeva più contenersi. Dimenticava il motivo del riso: rideva fuori di sé, per la felicità del ridere. Il riso le scorreva per tutto il corpo, per la bocca, per le gote imporporate, per gli occhi luminosi, per il tremito del petto e delle braccia, per le gambe da cerbiatta pressoché pronte al bacio; quasi convulso.

– Aveva scritto due pagine sul suo diario, Nina…

– Me le leggeresti? Lui era cieco, ma mi disse che non importa vedere, basta sentire.

– Sì, Nina.

25 luglio 1906

“ Ninetta, caro amore, avrò solo un rimpianto: di non aver

visto il lampo dei tuoi occhi. Sì, bambina, tra le tue braccia,

io ho rivisto l’amore della mia giovinezza. Su quel prato,

che al ricordo mi brucia la carne come vivo fuoco, io per la

prima volta ho conosciuto il piacere della colpa, col caldo

tuo corpo, col cocente sole sulla nuca e le spalle, coi tuoi

bramiti di ardente cerbiatta accordati all’immensa armonia

della terra. Che tu sia benedetta!”

-Solo Così?

– Oh, no. Questa è la seconda e ultima pagina.

“ Camminavo al tuo fianco, e ho percepito il volto tuo improvvisamente

impallidito. Dal lato, mi sei posta dinanzi.

Ho avvertito le tue manine sfiorarmi il corpo, dalle spalle

al bacino come di un tiepido liquido: sei diventata muta

con gli occhi sicuramente aperti; poi quegli occhi li hai

socchiusi ma non tanto che io non mi accorgessi che sotto

le palpebre vi era una lacrima. Ho sentito la bocca sui denti

bianchi in un respiro a fior di labbra. Le mie mani sono

corse su per le tue gambe sino al ventre piatto che, al tocco,

è rabbrividito e ai piccoli seni appuntiti: hai barcollato, e

ti sei sentita svenire. Avevi una camiciola ruvida e piccola

che ti arrivava appena alle cosce; ti ho denudato in parte,

leggermente, facilmente. Il tuo corpo era agile, flessuoso,

un po’ magro e lungo, cavo ai fianchi. Tra un seno e l’altro

ti è cascato un rivolo di capelli che io ho rimesso al suo

posto.

Ho bisbigliato: “Vorrei che il tempo si fermasse e i miei

occhi vedessero l’alba riflessa nel tuo volto.” Ti sei distesa

sull’erba. Mi è parso che tu fossi venuta meno, tanto il

tuo corpo si è abbandonato inerme. Mi sono piegato sul

tuo viso e ho sentito gli occhi sbarrati, senza sorriso, senza

sguardo, come i miei. Ti ho sentito sussurrare: “Signore.”

e mi hai avviticchiato le braccia al collo e mi hai premuto

sul tuo corpo. Ho gridato: “No, Ninetta. Non così: Enrico.”

“Enrico.” Le tue labbra hanno mormorato col mio

nome il desiderio della vertigine. Le mie mani esperte hanno

continuato a spogliarti fina ad arrivare là e a scostare

il mazzetto di quei piccoli fiori di bosco. Tu ti sei scoperta

il collo, il petto; braccia schiette, un po’ esili sul gomito

sono sgusciate come steli dalla guaina. Non si sono tese a

me, le hai ripiegate sotto il tuo capo. La tempesta mi stava

devastando l’anima…”

Nina e Ninetta non erano più. Nina si spense nel sorriso

come se avesse visto l’avvicinarsi di un astro che l’avrebbe

portata con sé; e col cuor di Ninetta, che batté ancora tre

colpi, appena in tempo prima che il fendente della sorella di

Sonno le rubasse per sempre la vita.

Cosa spinge un autore a pubblicare le sue opere e come definiresti il tuo stile?Image

Molte possono essere le motivazioni. Per alcuni probabilmente il voler esprimere le proprie idee, l’ambizione, il desiderio di emergere, di raggiungere il successo, o semplicemente la realizzazione di un sogno. Nel mio caso la rabbia verso un mondo ipocrita, da un lato; la voglia di espandere nel mio piccolo una speranza, un’empatia, il gusto dell’amore, dall’altro. Riguardo il mio stile, rispondo con un’impressione di un insegnante di Filosofia e recensore veneto, un certo Gustavo Mattiuzzi, figlio di un bravo pittore: “… di questo tipo di scrittura ironica e graffiante si ha fortemente bisogno, dove gli umori sanguigni abbiano a colorire il linguaggio, dal momento che siamo travolti letteralmente da una narrativa esangue o cerebralizzata, ovvero minimale sotto ogni punto di vista, comunque avvincente.”

Secondo te c’è una connessione tra i tratti caratteriali dell’autore e la visione che esprime nei suoi racconti? E quanto sono determinanti le letture fatte nel corso della sua vita?

La connessione c’è indubbiamente: i miei tratti caratteriali sono ben presenti nei miei testi, anche se certamente non vi si notano tratti autobiografici evidenti: piuttosto il lettore si sente lui stesso coinvolto, tanto da immedesimarsi nelle storie e diventa in un certo senso volta per volta il protagonista. Del resto i miei personaggi non sono degli zombi ,ma persone comuni, talvolta lievemente deformate nell’intento di rendere le pagine più gustose e armoniche. Non determinanti, nel senso che non sono stato più di tanto condizionato, ma sicuramente importantissime le letture fatte nell’arco della mia vita. Nel mio caso specifico i libri sono stati strumenti straordinari per accelerare la mia autoeducazione. Ho sognato di parlare con Socrate, Galileo, Voltaire, Russell. Credo che poter leggere, seguendo i loro ragionamenti, i più grandi geni dell’umanità sia il desiderio di tutte le persone sensibili e animate da un’ autentica sana curiosità del sapere.

Qual è la vera fonte della creatività? L’insoddisfazione per quello che potrebbe essere il desiderio di dare un’impronta personale al mondo che ci circonda o un inesplicabile bisogno che è parte integrante della nostra umanità?

Ognuno vede coi suoi occhi il mondo e desidererebbe un mondo migliore, che tutto funzionasse a meraviglia, lo cerca a sua immagine, e soffre se ciò non accade. Molti grandi e piccoli uomini hanno cercato con l’esempio e le parole, il più delle volte a scapito della loro stessa vita, di raddrizzarlo, ma con miseri e a volte controproducenti risultati. “Il danaro e la gloria sono sempre stato tutto”, sembrano frasi di un vecchio cinico, invece sono parole che frequentemente vengono pronunciate da moltissimi giovani. Attualmente né la scuola, né la famiglia sanno offrire ( con poche eccezioni)un modello di vita moralmente sano e ricco di ideali. Eppure basterebbe in parte mettere in pratica quello che suggeriva il filosofo Bertrand Russell: “ Vuoi essere felice?Lotta per i problemi degli altri”.

Come si passa dall’essere un macchinista a diventare un affermato scrittore? In poche parole sei nato scrittore o lo sei diventato?

Onestamente non lo so quanto ha inciso la mia professione. Viaggiare e vedere sempre nuove persone però mi ha dato tanti spunti: non escluderei la sana curiosità che mi ha sempre contraddistinto, il vedere coi miei occhi drammi e sofferenze, lo spirito di osservazione che non mi è mai mancato. Scrittore lo sono diventato al pari con la vita vissuta. Il conoscere tante situazioni e persone diverse mi ha consentito di sdrammatizzare condizioni difficili con l’ironia. Ecco l’esempio di un vecchio che a suo modo aveva amato durante tutta la sua esistenza. Amore? Chissà. L’ho conosciuto attraverso gli occhi e le parole di mia madre, così gli ho dedicato un capitolo del mio secondo romanzo:

Giovanin Da Guiz

Rievocare quali fossero stati per Giovanin de Guiz ( l’ultimo e più famoso libertino della Strada del vino bianco) i suoi paradisi, prima di accedere all’ultimo, era cosa risaputa da tutti. Che fosse “ guizzato” sino all’età dei brontoloni, anche. Il figlio dodicenne della signora Marchesin, nascosto dietro la siepe che divideva la proprietà dei Pradal da quella dei Citron, aveva visto chiaramente l’ottantenne Giovanin in piedi , con le brache calate sugli zoccoli, che prendeva di tergo la vedova di Giulio Bortot, curva con il falcetto in mano in cerca di buon trifoglio per i conigli. Alla buon’anima di Giulio andava riconosciuto il merito di aver rifondato, con notevole spirito d’iniziativa, dieci anni prima della sua dipartita, la scuola cinica del pensatore Diogene da Antistene. I paesani più istruiti infatti avevano appioppato a Giulio, rifacendosi all’antico filosofo, il nomignolo di Diogene II. Non perché Giovanin negli ultimi anni fosse vissuto in una botte o avesse cercato durante il giorno l’uomo, ma perché aveva cercato ( e trovato )di notte il vino nelle botti degli uomini. La vedova si sarebbe più tardi raddrizzata, e all’indirizzo di Giovanin, fingendosi oltraggiata, spalancando gli occhi e inarcando le folte e bianche ciglia, avrebbe strillato:

-Porcon, te me a fata anche stavolta ( Porcone, me l’hai fatta anche questa volta ).-

E lui di rimando:

-Se vedemo stasera vecia cavaeona ( Ci vediamo questa sera vecchia cavallona ).-

Solo alcuni istanti dopo che che la donna col falcetto si era allontanata, il vecchio mandrillo si sarebbe rivolto al figlio della signora Marchesin:

– Vien fora, spion de un bocia ( Vieni fuori spione di un ragazzo ).

Ai tempi epici, Giovanin, le ragazze se l’era godute persino in bicicletta, percorrendo un sentiero scosceso che si snodava in discesa attorno alla collina che dal paese portava in città. Loro, sedute sul bastone con la schiena rivolta verso il manubrio aggrappate al batocchio a ridacchiare, lui imperterrito con una mano sul grilletto, la lingua del formichiere e gli occhi sbarrati solerti a schivare le buche. All’ospizio, sofferente di enfisema polmonare nel suo stadio più acuto, immobilizzato a letto dal catetere e da un febbrone da cavallo, gli ultimi minuti del suo alito vitale, spinto da un irrefrenabile desiderio ( complice il risveglio del colibrì ),Giovanin de Guiz scostò appena l’appiccicaticcio lenzuolo e sfiorò con lo scarno alluce valgo il lembo della corta gonna di Pierina, l’infermiera a pagamento che lo assisteva, barbugliando: “ Me basta un basin ( Mi basta un bacino ).” Non ricevendo risposta alcuna e giudicando ormai inderogabile l’appuntamento con la Signora della falce, quasi a volerla raddolcire ( o forse corteggiare? ), intonò per lei, accompagnato nella breve esecuzione da un fischietto catarrino, una canzoncina dei bei tempi lontani; “ E’ meglio far l’amor che pregar nostro Signor.” Gli estremi aneliti di vita li spese per fare il segno della Croce, poi, sposando l’ultimo lieve sussulto con un impareggiabile e malinconico sorriso, spirò.

Ci siamo conosciuti attraverso le pagine di Facebook, quanta importanza dai a questo social network e secondo te è una buona vetrina per un autore e quanto esso influenza la cultura del nostro paese?

Può rappresentare una discreta vetrina, specie per quelli come me che pubblicano romanzi considerati in parte scomodi e pubblicati da piccole case editrici. In questa centrifuga che è la Rete sociale, a volte anche i porci possono avere le ali e raccontare particolari della loro infanzia e dei loro amori impossibili. Cercherò di non essere tra questi. Nella maggior parte dei casi in un Social Network i rapporti sono del tipo “maschera”, cioè l’Ombra nostra che tendiamo a nascondere agli altri, per offrire la parte “sociale” , fattiva, non problematica, solare ( come i fidanzati all’inizio del loro rapporto amoroso).Non sempre però tutto fila liscio come si vorrebbe , poiché in discussione animate o in rapporti che si ritenevano amicali, la maschera può cedere per lasciare emergere le nostre parti in ombra, o quello che c’è dietro, vale a dire l’Anima. I cattolici si sono appropriati anche di questo termine , ma io intendo riferirmi a quella parte di noi non cosciente e poco nota che interagisce con l’aspirazione a congiungersi con l’altro per formare un unicum, che gli alchimisti medioevali chiamarono “ conjuctio”, la miscela di metalli ignobili per creare l’oro. Questa è la migliore delle ipotesi, perché quando la magia non riesce a dovere , la potenza dell’Anima agisce a distruggere i rapporti. Sì, credo che Facebook sia una vera rivoluzione, che sottraendo il primato ai tradizionali media , democratizza l’informazione e crea opinioni. È una magia della rete. Attenzione però: può favorire “espansioni di personalità” che non sempre si è in grado di gestire.

Quali sono i tuoi progetti futuri, ci sono sogni nel cassetto?

Da buon sognatore a occhi aperti ma coi piedi per terra, le mie aspirazioni future non possono che essere la pubblicazione di un prossimo romanzo, potente, ancora incentrato sull’amore, doloroso, perpetuo e vincente. Ironico, dolce e crudele, riflessivo, con cenni storici-religiosi, ambientato in parte nel presente e in parte nel passato. Tutto sotto il regno della Speranza, l’ultima dea immortale.

Sergio, l’intervista finisce qui, ma come promesso c’è una domanda di riserva, la stessa che rivolgo a tutti i miei amici in questa rubrica e con essa ti porgo i miei saluti e i miei ringraziamenti anche a nome di tutti i lettori di questa pagina. Quale domanda avresti voluto ti rivolgessi.

Mi sarebbe piaciuto che mi avessi chiesto che fossi io a porti una domanda, e visto che ci siamo eccola: Se Romeo e Giulietta fossero convolati a giuste nozze, se a Paolo fosse toccato di sposare Francesca, come sarebbero andate le cose? In sostanza, la parte migliore dell’Amore è prima, durante o dopo? ( si prega di non svincolare con la risposta).

L’amore ama giocare a nascondino, l’importante è fargli tana prima o poi.

01/03/2012

Autore: Rosalba Di Vona

Annunci

24 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Ada Iacono
    Giu 20, 2013 @ 20:07:17

    Sergio Casagrande l’amico ,l’uomo ,lo scrittore e oserei definirlo, scrittore ironico.
    La sua ironia sottile e filtrata intelligentemente,è usata anche nel romanzo “La casa dei ciclamini”
    Un romanzo ambientato in un ospizio. L’ambiente scelto da Sergio farebbe pensare in un primo impatto a qualcosa di triste,di decadimento psicofisico e ci si ritrova fra personaggi che si altalenano tra presente e passato. Un presente ed un passato di tutti, uguale a quello di tutti gli esseri umani, in cui i sentimenti sono sempre gli stessi nonostante lo scorrere dei secoli.
    I personaggi potremmo identificarli fra le nostre conoscenze,tanto sono verosimili, o fra le persone che magari si incontrano per strada, viene di chiedersi come mai si ritrovino fra le pagine di un libro ,fra le pagine del romanzo di Casagrande.
    Solo per citarne qualcuno:Bimba ,una donna dolcissima che non ricorda nulla del suo passato che ha perso la sua identità,ha smarrito se stessa.
    Il professore un personaggio particolare, stravagante,burlesco, ed altri
    La bravura dello scrittore sta nell’aver presentato un romanzo che parla d’amore, di vita vissuta,di ricordi ma anche di fatti storici, (non oserei però definirlo storico) Un romanzo fantasioso, fiabesco,esoterico … ma reale, che sa di favola, anche se una favola non è. Si legge con piacere : scorrevole,spesso ironico,presenti delle battute in dialetto veneto che rapiscono rubando più di un sorriso e nello stesso tempo conducono alla riflessione.
    Il libro termina … Assale la nostalgia di quelle pagine già lette, si continua a sfogliare … Per poi ricominciare a leggere.
    Troppo poco il mio commento per un libro di un certo spessore, ma non voglio raccontarne la trama … consiglio solo di leggerlo.
    Per averlo? basta richiederlo.
    E-mail …info@piazzaeditore.it
    Ada Jacono

    Rispondi

  2. alfredo betocchi
    Giu 21, 2013 @ 08:08:40

    Fino a qualche giorno fa non conoscevo Sergio Casagrande ed è stata una vera piacevole rivelazione leggere quanta ricchezza d’animo e quanti sentimenti altamente apprezzabili albergano nel suo cuore. Generosità e trasporto per gli altri sono dote rara, ma farne l’obiettivo delle proprie opere è cosa sicuramente encomiabile. Faccio i miei complimenti sinceri all’uomo e allo scrittore, augurandogli il successo che merita.
    Alfredo Betocchi

    Rispondi

  3. Vincenzo
    Giu 21, 2013 @ 15:40:32

    Sarà un mese o poco più che conosco Sergio se pur virtualmente ma molto ci accomuna nella ricchezza d’animo che nella nella sensibilità nel raccontare la realtà di questa vita, realtà che si intrecciano nelle parole che nascono fluide dalla sua penna che macchiano fogli candidi mentre lascia la sua impronta là dove regna la speranza come un’eterna favola da raccontare a tutti coloro che credono nell’amore e, vivono i sogni colorando le grigie sfumature di questo capovolto mondo senza più valori dove l’indifferenza è diventata una compagna abituale.
    Grazie Sergio di avermi dato modo di conoscerti e apprezzare le tue qualità di scrittore ma sopratutto le qualità umane che porta nel suo cuore. Grazie Sergio.

    Rispondi

  4. Nella Giuseppina Caifa
    Giu 22, 2013 @ 21:14:08

    LA CASA DEI CICLAMINI………………..CHE DIRE, LA PERSERO HA DETTO TUTTO ….emozioni, ricordi ,affreschi di varie esistenze melamconia, intrisa di gioia di vita vissuta ,personaggi appartenenti ad ognuno di noi,o forse noi stessi proiettati in un futuro che vivremo o forse andremo via xchè: acta est fabula!ogni personaggio ti lascia qualcosa di se e ti avvolge in un incanto infinito ,dove ritrovi il gusto dei giorni vissuti…….momenti fissati su una tela come un ritratto come un paesaggio che osservi ma vedi con okki nuovi .incantevole musica dei giorni perduti di quelli vissuti di quelli da vivere x ricordi.

    Rispondi

  5. Elena Rotaru
    Giu 22, 2013 @ 21:22:27

    ….l’intervista aiuta a capire l’essenza dell’autore,suoi personaggi…che fantasia,coraggio di esprimersi,forza,creatività.Frasi semplici ma eterni,che spingono a riflettere,a ragionare ancora…come OGNUNO VEDE COI SUOI OCCHI IL MONDO E DESIDEREBBE UN MONDO MIGLIORE CHE FUNZIONASSE A MERAVIGLIA….ma ….oppure LA PARTE MIGLIORE DELL’AMORE PRIMA DURANTE O DOPO…..eeeeeee io direi —-PRIMA…. bello.grazie

    Rispondi

  6. Nella Giuseppina Caifa
    Giu 22, 2013 @ 21:33:03

    LA CASA DEI CICLAMINI………………..CHE DIRE, LA PERSERO HA DETTO TUTTO ….emozioni, ricordi ,affreschi di varie esistenze malinconia intrisa di gioia di vita vissuta ,personaggi appartenenti ad ognuno di noi,o forse noi stessi proiettati in un futuro che vivremo o forse andremo via perché acta est fabula!ogni personaggio ti lascia qualcosa di se e ti avvolge in un incanto infinito ,dove ritrovi il gusto dei giorni vissuti…….momenti fissati su una tela come un ritratto come un paesaggio che osservi ma vedi con occhi nuovi .incantevole musica dei giorni perduti di quelli vissuti di quelli da vivere per ricordare.

    Rispondi

  7. Elena Rotaru
    Giu 23, 2013 @ 06:06:58

    .l’intervista aiuta a capire l’essenza dell’autore,suoi personaggi…che fantasia,coraggio di esprimersi,forza,creatività.Frasi semplici ma eterni,che spingono a riflettere,a ragionare ancora…come OGNUNO VEDE COI SUOI OCCHI IL MONDO E DESIDEREBBE UN MONDO MIGLIORE CHE FUNZIONASSE A MERAVIGLIA….ma ….oppure LA PARTE MIGLIORE DELL’AMORE PRIMA DURANTE O DOPO…..eeeeeee io direi —-PRIMA…. bello.grazie

    Rispondi

  8. Monia Minnucci
    Giu 23, 2013 @ 16:46:21

    Cosa dire?, mi devo ripetere con te, ti trovo molto bravo. tre cose mi colpiscono, la fluidità dei tuoi testi, il tuo lavoro come ferroviere e la grandezza umana che traspira dalla tua scrittura. Sono certa che il tuo lavoro sia stato fonte di mille storie, ma senza creatività e sensibilità, non avrebbero avuto alcuno sbocco e, invece, sei capace di imprimere nei fogli storie pregne di vita e di valori. C’è sempre un messaggio positivo di cui io non sono sempre capace e, per questo, ti ammiro. Mi è piaciuto questo passaggio: Se Romeo e Giulietta fossero convolati a giuste nozze, se a Paolo fosse toccato di sposare Francesca, come sarebbero andate le cose? In sostanza, la parte migliore dell’Amore è prima, durante o dopo? ( si prega di non svincolare con la risposta).

    L’amore ama giocare a nascondino, l’importante è fargli tana prima o poi. (Complimenti! In bocca al lupo.)

    Rispondi

  9. Tina Masoero
    Giu 24, 2013 @ 22:16:07

    Ho letto la tua intervista… mette molta curiosità per far leggere i tuoi libri.. direi che sei molto abile in questo…
    fatto in modo splendido, mi ha attirato l’attenzione… si legge molto bene ed molto in freatta. Anche se io sono una persona che legge attentamente e con calma tutto ciò che le viene sottoposto.

    Rispondi

  10. Rosa Marini Marini
    Giu 25, 2013 @ 07:33:46

    Ho letto l’intervista….. tutta di un fiato …da capo a coda …mi é piaciuta moltissimo …se avessi un tuo libro ,….fra le mie mani ….non lo mollerei sicuro ….sino a leggerlo tutto …ho assaporato ogni riga ….di quello che hai scritto ….di quello che hai detto…complimenti amico …cosí si prende un lettore …sei bravissimo, dubbi non ho …sará una delizia leggerti …se avró una opportunitá …grazie di cuore…i miei complimenti , carissimo amico.

    Rispondi

  11. Roby La Lupa
    Giu 25, 2013 @ 14:33:01

    Sergio Casagrande…un grande artista in mezzo a noi….con la sua semplicità e la sua umanità ,ironico al punto giusto senza andare nel pacchiano…Bravo Sergio

    Rispondi

  12. Alfredo Betocchi
    Lug 06, 2013 @ 15:18:59

    “La casa dei ciclamini” di Sergio Casagrande è il libro che già nel titolo contiene il particolare poetico della scelta dei delicati e semplici fiori campagnoli.
    Racconta di un luogo che vorrebbe essere di dolore e di tristezza, una Casa di riposo per anziani, e che invece pagina dopo pagina si rivela come un microcosmo popolato di personaggi più vari, buffi, divertenti, teneri, acidi, bisbetici e appassionati. Persone che pur nella loro senescente età, e molti moriranno durante il racconto, sanno dare uno spaccato affascinante delle loro esperienze e delle loro opinioni, confrontandosi e creando immagini edificanti ed educative che trasportano il lettore tra le discipline più varie: la Storia, la Filosofia, la Politica, la Teologia e perfino l’Avventura, ma rimanendo con i piedi per terra, descrivendo nel contempo le piccole meschinità, le debolezze, i vizi e i gesti generosi dei personaggi maschili e femminili.
    Su tutto l’autore dà una pennellata di salutare cinismo e di ironia che alleggerisce l’atmosfera del racconto.
    E’ un romanzo senz’altro da consigliare perché è ameno, istruttivo e perfino romantico, capace di far riflettere sui piccoli e grandi temi della vita.

    Rispondi

  13. Rossana Costantini
    Ago 28, 2013 @ 22:15:00

    rossana costantini – 2012-03-14 21:08:17 
    Intervista a Sergio Casagrande
    Contrariamente a quanti pensano che un Social Network sia sono un mezzo per ficcare il naso nelle altrui vite, rimango sempre piacevolmente sorpresa quando faccio incontri interessanti.
    Ho conosciuto Sergio su FBK e non è certo dalle informazioni che trovi sul profilo o dal sorriso simpatico immortalato su una foto che riesci a farti un”idea di chi lui sia veramente. Attraverso un”intervista, attraverso le sue parole e i suoi scritti,  lo conosci soprattutto per il suo modo garbato e sensibile di scrivere. Se ti affascina la conoscenza del prossimo, se vai alla ricerca di persone ricche dentro, allora, in questi casi,  pensi di aver fatto \”Bingo!\”: capisci subito che hai davanti una persona rara.  Pur non conoscendo a fondo gli scritti di Sergio, riconosco, in ciò che ho letto,  la  sua grande capacità di saper ben coordinare semplici parole e ottenere quell”effetto magico che le trasforma in una sequenza di immagini capaci di dare vita ad un film…

    Rispondi

  14. Ernestina Ciatti
    Ago 29, 2013 @ 05:42:45

    Caro ‘amico discreto’, conosciuto ‘per caso’, la tua ‘chiacchierata confidenziale’ con Rosalba è stata per me foriera di 1000pensieri, 100.000ricordi, conditi da sorrisi di approvazione. Affondare le parole ed i pensieri nelle nostre radici è un atto dovuto, necessario, a volte un obbligo verso noi stessi, un’illuminazione. Naturalmente qui non si parla di ‘melensa nostalgia’ di ciò che non potrà più essere realizzato, ma di un’analisi onesta e spensierata del nostro percorso di crescita. Caro amico di fb, citi a caso Ipazia. Ipazia!!! Studiosa di aritmetica e geometria, discipline considerate da molti fredde, buie, sterili, insignificanti linguaggi terreni. Ipazia!!! che è riuscita ad andare oltre il mero simbolismo, varcandone le soglie, a raggiungere le stelle!!! Povera Ipazia, goccina nell’universo, starà ora trotterellando felice tra le sue amate stelle…Già prima o poi tutti finiremo lì…evaporeremo come gocce del mare e saliremo lassù più in alto del cielo e faremo parte dell’immensità eterna….Ricordo spesso ai miei alunni: ‘avete stamattina preso dal comodino il vostro cervello? o l’avete dimenticato a casa insieme alle penne ed ai quaderni? Il nostro incomprensibile ed indefesso cervello, vogliamo usarlo?’ Ridono, ridono, mi prenderanno per matta? chissà….ai posteri l’ardua sentenza. Non so dove o quando ho letto: ‘il cervello è più grande dell’universo’….lo vedi, caro Sergio, come divago? …ma non me ne curo…tu conosci già questo mio aspetto, giusto? Per evitare che questo mio commento diventi un ‘romanzo’, ti saluto con l’augurio che, prima o poi, il destino ci permetta una bella ‘chiacchierata confidenziale’ a quattr’occhi. Ti lascio con un proverbio africano che è stampato a chiare lettere d’argento (amo l’argento più dell’oro ): ‘ quando i rami litigano, le radici si abbracciano’, lasciando a te, se vuoi, il commento o la riflessione che più ti aggrada. Un saluto dalla calda, misteriosa, incomprensibile, contraddittoria, ma travolgente Napoli!!!! 
    Ernestina Ciatti

    Rispondi

  15. Avio Rodriguez
    Ago 29, 2013 @ 12:44:58

    Caro Sergio, leggendo attentamente la tua intervista ho notato un particolare comune a molti. La tua rabbia contro le ingiustizie che si presentano a noi nella comune vita di tutti i giorni. Nobile sentimento la tua rabbia contro ciò. Io penso dovuti alla tua educazione impartita in età adolescenziale, educazione, come tu dici, rigida e severa, ma allo stesso tempo “generatrice” di ribellione giovanile.
    “perchè proprio a me è toccato avere genitori così severi?” avrai pensato qualche volta, dico bene? Il desiderio di volere guidare i treni, la tua passione per questo ti ha portato a viaggiare e dire: “scopriamo il mondo, è vero quello che mi hanno insegnato?”
    Oserei dire che le rotaie le percepisco come la metafora della tua vita. Dove ci portano? Cosa troverò dove finiscono (e se finiscono!!) che darà una risposta alle mie domande? La lettura e lo studio dei testi classici dove è ampio il tema dell’amore, la tua attrazione per questa gustosa parola, tema classico di decine di scrittori nel corso dei secoli. Cosa sarà questo sentimento dalle molteplice sfaccettature, studiato e osannato da millenni per dare una risposta a”chi ,come e perchè nasce”. Sai , caro amico, mi capitò di leggere un classico della letteratura Francese, ecco, tu sei come Edmond Dantes nel conte di Montecristo. Non un vendicatore, ma un uomo che cerca giustizia, come lui ti domandi cosa è la giustizia di Dio, davanti al suicidio di un amico diventato poi nemico per gelosia. Anche nel romanzo di Dumas oltre la vendetta è presente una buona dose di amore, l’amore per la sua serva, l’amore per la sua donna di un tempo ritrovata in un attimo con uno struggente bacio. La tua critica alla chiesa, critica costruttiva, contraddizione palese nel coniugare ricchezze passati e presenti sfarzi con chi predica il detto:” beati i poveri che saranno i ricchi”. Poveri ma ricchi d’animo? oppure altro? Questo me lo sono posto anche io per molto tempo da “ateo” quale sono, ma rispettoso di confessioni religiose . Sergio! non ho abbastanza cultura per recensire i tuoi scritti,ma da quel poco che ho letto (spero in futuro di acquistare i tuoi libri) ho idea che tu sia un “inguaribile romantico”. Stai diventando un affermato scrittore, io qualche volta mi diletto a scrivere poesie. Penso che in un certo senso siamo uguali, “nobili utopisti” oserei definirci. Ma se non è questo a spingere le masse o i singoli, cosa potrà essere quella cosa che ci fa sperare in un mondo migliore?
    Sinceramente Avio Rodriguez

    Rispondi

  16. Luciana Faggion
    Ago 29, 2013 @ 20:34:43

    Sergio Casagrande è un mio amico fb dal febbraio del 2010 e non ricordo chi dei due abbia chiesto l”amicizia per primo.
    Però posso dire con certezza che Sergio è una persona seria ed un”anima bella.
    Ci sono persone che quando incontri, ti sembra di averle sempre conosciute ed è quello che mi succede con lui, nonostante non ci siamo mai visti di persona.
    Quando ho letto il libro * La casa dei ciclamini *, ho capito di aver incontrato un uomo di talento che sa raccontare la più triste delle quotidianità con la leggerezza di una farfalla e mette in evidenza quanto il mondo interiore possa trasformare la realtà in modo fiabesco!.
    Mi ha colpito molto il finale di questa intervista, quando Sergio avrebbe voluto chiedere a Rosalba \” Se Romeo e Giulietta fossero convolati a giuste nozze e se a Paolo fosse toccato di sposare Francesca, come sarebbero andate le cose?\”…………..ebbene, questa domanda che sott”intende se è meglio il prima, durante o dopo una relazione amorosa, mi ha fatto riflettere sulla situazione sentimentale della mia vita e mi sono posta questa domanda \” Se non avessi accanto mio marito da quarant”anni, come sarebbero andate le cose?………………………..non oso immaginare quanto peggio che non averlo accanto!…………………………curioso davvero come una domanda possa portare ad un”altra domanda, ma resta il fatto che per dare certe risposte c”è bisogno di un vissuto reale e non immaginato!.
    Auguro a Sergio di vendere molte copie di questo libro che ha la caratteristica di prestarsi alla rielettura con la scoperta di infiniti messaggi, sfuggiti la prima volta, per la fretta di giungere all”imprevedibile  finale, che potrebbe essere anche l”inizio, come una specie di libro * reversibile*in cui il piacere della lettura rimarrebbe inalterato!
    Anche questa intervista è fatta in modo innovativo  e per nulla noioso con una musicalità nel linguaggio da renderla piacevolissima, come una buona pietanza che ha sapientemente dosati gli ingredienti e ti viene voglia di ordinare una seconda volta!. 

    Rispondi

  17. Annalisa Sala
    Ago 29, 2013 @ 20:48:41

    Ho conosciuto Sergio tramite FB, e tra di noi è nata subito una di quelle belle amicizie che nascono anche quando, pur non conoscendosi di persona, si hanno interessi comuni e affinità.
    Questa bella intervista mi ha fatto comprendere meglio alcuni lati del suo carattere che già avevo conosciuto leggendo i suoi libri. Leggendoli si entra in un mondo fantastico, il suo mondo, popolato, però, di creature vere, umane, anche se a volte quasi surreali, attraverso le quali Sergio esprime il suo pensiero sui fatti della vita. Pensiero che gli viene dall’educazione ricevuta (cosa peraltro comune anche a me), certamente costrittiva, che non gli ha impedito di vedere il mondo, specialmente quello religioso, come sia realmente, e dalla sua grande cultura, acquisita per amore del sapere, per passione. 
    E questo è la qualità, tra le sue, che preferisco…

    Rispondi

  18. Aurora Lissandrello
    Ago 30, 2013 @ 06:33:07

    Un” intervista condotta con intelligenza e abilità al fine di condurci ad una conoscenza il meno superficiale possibile di uno scrittore, Sergio Casagrande, molto particolare per originalità e creatività.  Ho avuto la fortuna di conoscerlo su FB  e di leggere i suoi due bellissimi romanzi \” La casa dei Ciclamini\”  e  \” \”Il più bel fiore\”Devo dire che sono rimasta incantata dal suo stile innovativo, un intreccio di fantasia e realtà, ironico e dissacrante, ma di forte impatto nel contenutoche è verità storica, umana e sociale. Senza infingimenti e ipocrisia nel tratteggiare la moltitudine di personaggi che si incontrano e nei queli, per qualche tratto umanissimo possiamo riconoscerci, e così bene descritti con evidente conoscenza dell” animo umano. Da qui lo sguardo indulgente dello scrittore che sa amare il prossimo anche nella sua miseria umana. Mi  ha fatto molto piacere leggere la tua bella  intervista, Rosalba, che mi ha avvicinato ancora una volta ad una persona di grande spessore umano quale Sergio Casagrande di cui mi onoro essere amica da tempo.

    Rispondi

  19. Maria Tomasello
    Set 01, 2013 @ 17:23:02

    Caro Sergio, mi piace molto questa intervista,mi ha dato la possibilità di conoscerti meglio e apprezzarti ancora di più come uomo e come scrittore.Mi piace e condivido quello che hai detto a proposito della Chiesa,quella di ieri e,purtoppo ,ancora quella di oggi.La Chiesa che si è sempre curata di “falsa”moralità senza badare e attivarsi concretamente per le tante brutture ch…e esistono al suo interno. Brava anche la signora che ti ha intervistato,donna colta e,soprattutto capace di porgerti domande che ti hanno permesso di aprirti completamente a chi,come me,desiderava conoscerti meglio. La tua passione per i deboli, che cosa dire a tal proposito? La tua gentilezza,il tuo garbo, quando ti relazioni con gli altri, non mostrava alcun dubbio. Sei un signore e la sensibilità che mostri verso i più fragili ti rende ancora più interessante. Sempre compito,mai un commento fuori luogo.
    Bella la domanda sull’amore! Mi trovi d’accordo nel significato che dai a questo splendido sentimento. L’amore è per sempre “ti ho amata per tutta la vita.Anche tu mi hai voluto bene,non è vero?
    Mirabile la descrizione dell’amore tra Ninetta e il suo innamorato che gli viene in sogno. L’amore non dovrebbe mai finire,la morte è un passaggio, Ninetta sa nell ‘altra vita rivivrà il suo tenero e appasionato amore. Finisco qui i miei apprezzamenti a te e alla gentile intervistatrice,volevo solo dire che la risposta della signora mi trova concorde.L’amore non ha un prima,un durante e un poi.”L’amore ama giocare a nascondino,l’importante è fargli tana prima o poi.
    Un abbraccio poeta-scrittore con sincerità e stima. Sarebbe bello poterti conoscere.

    Rispondi

  20. Maria Modica
    Set 21, 2013 @ 18:00:54

    Maria Modica
    Sono lusingata di esserti amica,perchè oltre alla cultura,hai un’anima bella e delicata.Descrivi situazioni e ricordi con animo puro,un idillio tra terreno e divino tenero,partecipato,intenso,carico di emozioni,mai banale.Inoltre il tuo pensiero è chiaro,non artefatto,fruibile;esprime i moti del cuore,prima che gli artifici della penna.E’ un piacere leggere
    quello che scrivi,sei veramente bravo!

    Rispondi

  21. Genny Gucciardi Geltrude
    Set 21, 2013 @ 19:14:26

    Caro Sergio, ho letto tutto d”un fiato l”intervista. Che dire..in pochi minuti ho conosciuti la parte più profonda di te scrittore.Se dovessimo credere alla reincarnazione…il tuo scrivere sembra venire dal passato..Sei una persona che ha scelto la libertà di guidare un treno, alla staticità di una scrivania. Forse perché la tua fantasia aveva bisogno di grandi spazi.L”ultima parte, dedicata  a Romeo e Giulietta…E” una domanda che mi sono spesso posta..I grandi amori, anche quelli delle fiabe,saranno distrutti dal quotidiano? Il Principe Azzurro, si sarà pentito di aver baciato la sua principessa, per svegliarla dal sonno eterno a cui era stata condannata?… Chiedi se la parte migliore dell”Amore sia prima, durante o dopo..Secondo me può essere bello anche dopo; ma a questo filtro magico bisogna aggiungere la stima, l”amicizia, la condivisione e la complicità..Roba da poco, vero?

    Rispondi

  22. Patrizia Palese
    Set 21, 2013 @ 19:26:01

    Quello che ho letto riguardo una chiacchierata più che un”intervista, mi conferma che questo strano paese di FB è popolato anche di persone speciali come Sergio: coerente, fantasioso, ironico, ma sopratutto con tanta voglia ancora di mettersi in gioco, e questa è una bellissima notizia. Da collega non posso che essere felice di averlo conosciuto, anche se solo virtualmente, perché una trasfusione di positività fa bene a chiunque; ho apprezzato molto che siano stati inclusi anche brani delle sue opere…complimenti da chi ha saputo condurre una così nuova e stimolante intervista  e, ovviamente, a te per tanti altri viaggi nel mondo stupendo della creatività. Patrizia.

    Rispondi

  23. Antonio de Lieto Vollaro
    Set 15, 2016 @ 13:11:39

    Ho conosciuto un grande scrittore attraverso i suoi scritti, che prendendomi per mano, mi ha introdotto nella sua anima, come se ci conoscessimo da anni. Infatti dopo aver letto i suoi primi tre romanzi, avevo capito tutto della sua spiritualità profonda e religiosità contrastata. ma chi non l’ha oggi giorno, col susseguirsi degli eventi e dei papi, che da un lato t’avvicinano alla chiesa e dall’altro i suoi cardinali ti fanno gridare allo scandalo. Sergio impersona Sandrus alla perfezione, uno sdoppiamento d’identità, naturale se vogliamo, legata ad una spiritualità, contrastata da un carattere ribelle. Ci siamo ritrovati noi due, posso definirci “attenti a quei due” come la fortunata serie dei telefimls americani. Entrambi ribelli, ma profondamente spirituali, io consapevole della mia fede e lui invece ancora alla ricerca di conferme, che per come è messa l’umanità, avrà ancora da cercare. Sicuramente due poeti, amanti svisceratamente della prosa, ma senz apoesia non si va da nessuna parte e questo è intrinseco nel nostro dna, e non possiamo fare amneo di descrivere ogni cosa, anche se si tratta di acion, suspense, qualcosa di morboso, senza metterci quel pizzico di poesia e romanticismo. Sergio è il poeta della prosa, romantico della prosa e leggerlo è sempre un piacere. E non vedo l’ora di leggere quest’ultima parte della sua anima e core in “sandrus, l’angelo satanico” che di satanico alla fine non ha nulla! Il diavolo Geppetto dei fumetti (per chi si ricorda) dei giorni nostri.

    Rispondi

  24. Antonio de Lieto Vollaro
    Set 16, 2016 @ 06:49:52

    Ho conosciuto un grande scrittore attraverso i suoi scritti, che prendendomi per mano, mi ha introdotto nella sua anima, come se ci conoscessimo da anni. Infatti dopo aver letto i suoi primi tre romanzi, avevo capito tutto della sua spiritualità profonda e religiosità contrastata. ma chi non l’ha oggi giorno, col susseguirsi degli eventi e dei papi, che da un lato t’avvicinano alla chiesa e dall’altro i suoi cardinali ti fanno gridare allo scandalo. Sergio impersona Sandrus alla perfezione, uno sdoppiamento d’identità, naturale se vogliamo, legata ad una spiritualità, contrastata da un carattere ribelle. Ci siamo ritrovati noi due, posso definirci “attenti a quei due” come la fortunata serie dei telefimls americani. Entrambi ribelli, ma profondamente spirituali, io consapevole della mia fede e lui invece ancora alla ricerca di conferme, che per come è messa l’umanità, avrà ancora da cercare. Sicuramente due poeti, amanti svisceratamente della prosa, ma senza poesia non si va da nessuna parte e questo è intrinseco nel nostro dna, e non possiamo fare a meno di descrivere ogni cosa, anche se si tratta di action, suspense, qualcosa di morboso, senza metterci quel pizzico di poesia e romanticismo. Sergio è il poeta della prosa, romantico della prosa e leggerlo è sempre un piacere. E non vedo l’ora di leggere quest’ultima parte della sua anima e core in “sandrus, l’angelo satanico” che di satanico alla fine non ha nulla! Il diavolo Geppetto dei fumetti (per chi si ricorda) dei giorni nostri.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Leggendo a Bari

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri”

Francesca Giuliani

Servizi editoriali: correzione di bozze, editing testuale, impaginazione, copywriting e creazione di sinossi.

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: