Scopriamo L’artista con noi… Maurizio Asquini

 Image“La mia idea era quella di fare il punkabbestia fuori dai supermercati

perché mi avevano detto che si guadagna quanto basta

per un’impasticcata e per caricare il trombone a fumo.

Ma poi ho incontrato Ettore, quello era fuori di testa,

credeva di vivere ancora nel Ventennio Fascista.

Io per seguirlo a momenti ci lascio la pelle,

ma poi mi ha portato in un posto…

sapeste che casino ha combinato!

Raga che storia!”

(Cervelli bruciati)

Ho incrociato per caso la strada di questo autore, mandando il mio ultimo libro in valutazione tramite il “Rifugio degli esordienti.  Maurizio mi ha sempre risposto con grande educazione e cordialità e mi fa davvero piacere sapere che oltre ad  essere una persona garbata,è anche un grande  professionista del settore. Oggi nel mio spazio”Scopriamo l’artista” ho il grande piacere d’intervistare lo scrittore Maurizio Asquini.

Intervista  a  cura di Monica  Pasero

 Maurizio quando nasce in te la voglia di scrivere? Rammenti il tuo primissimo scritto?

In verità sin dall ’inizio non ho mai avuto le idee chiare, un po’ perché sono sempre stato completamente lontano per ciò che riguarda la scrittura e un po’ perché non ho mai preso in considerazione ciò che abbozzavo. Infine, per un caso assurdo, ho partecipato ad un premio e mi sono ritrovato vincitore. Così ho provato a crederci e a continuare per questa strada, naturalmente incontrando grossi ostacoli, che alla fine mi ha portato a ricevere vari premi e a pubblicare i miei romanzi. Un primissimo scritto? Un racconto che è sempre stato il mio “cavallo di battaglia”; s’intitola senza mani e narra la storia di un feto che racconta i suoi episodi attraverso il pancione della sua mamma, ma un giorno il medico dichiara che al poveretto non gli si sono formate le braccine, e mentre lui vede una luce credendo che sia la tanto attesa nascita… scoprirà che si tratta di un interruzione di gravidanza. Con questo racconto ho sempre colpito i sentimenti dei lettori e talvolta battuto le classifiche dei premi in cui ho partecipato. Credo che all’inizio, come tutti gli scrittori che intraprendono questa passione, mi mancavano l’esperienza e le doti per scrivere.

   La tua carriera come scrittore cresce velocemente, debutti nel 2009 con il libro  “Dio Ingannatore” edito  da Caputo edizioni, da qui accumuli un successo dopo l’altro, ottenendo per questo scritto  ben otto riconoscimenti  importanti. Qual è secondo te il segreto di questo successo ?Image

Appena scritto, limato e corretto “Dio ingannatore”, ho partecipato al premio “Città di Trieste”, ma appena letto i nomi della giuria, avevo perso ogni speranza: Margherita Hack, il direttore editoriale della Einaudi Mauro Bersani e vari nomi famosi tra cui dirigenti della RAI. Poi accadde il miracolo che mi portò a Trieste a ritirare l’”Alabarda d’oro”. Credo che il romanzo, oltre all’ originalità, ha colpito i lettori per la narrazione descritta attraverso gli occhi di un ragazzo mentalmente minorato, che  dopo la morte della mamma, si è ritrovato in un situazione a dir poco delicata, ma grazie al nuovo vicino, un ex criminale nazista agli arresti domiciliari, il protagonista è riuscito ad esaudire la promessa lasciata alla mamma: riuscire a pagare la casa. Una storia così mi ha fatto capire che il lettore è in cerca di emozioni e di protagonisti molto originali che raccontino la loro vita in maniera reale.

 Tra i  tanti premi e riconoscimenti ricevuti  in questi  anni, qual è quello a cui sei più legato e perché ?

Ho sempre affermato che i premi sono come le dita della mano e nessuno è migliore all’ altro; anzi, grazie ad un quarto classificato ad un premio a Roma, ho avuto modo di conoscere persone che in seguito mi hanno aiutato tantissimo, quindi mai tralasciare nulla. Un premio che ho particolarmente a cuore, naturalmente, è “Città di Trieste”,Image che dopo una premiazione da Vip mi ha portato direttamente alla pubblicazione. Ma un premio che tengo molto a cuore è il “Trofeo Penna D’Autore”, che mi ha fatto guadagnare una bella somma e per un autore spiantato come lo sono io, è stato come la manna dal cielo!

  Il tuo secondo romanzo “Io non rispondo” edito da Caputo edizioni è disponibile  in formato digitale.  Ce ne vuoi parlare ? Image

 

Credo che ci troviamo in un’epoca di transizione dal cartaceo al digitale e il pubblico è ancora confuso e titubante su quale strada intraprendere. In verità l’importante è leggere con qualsiasi mezzo si usi.  È la qualità del romanzo che non deve mai mancare e non è particolarmente importante il supporto utilizzato. Il libro digitale offre innumerevoli vantaggi sia al lettore che all’autore e si tratta di un sistema in netta crescita. I vantaggi sono notevoli: si eliminano i costi di stampa, ma soprattutto ci si può avvalere di una distribuzione accessibile e ampia, cosa che per i libri cartacei risulta impossibile. Il romanzo è in vendita a soli 1,99€, cosa impensabile invece con il formato tradizionale cartaceo che comporta una lunga filiera che parte dall’editore, alla stampa, distribuzione e libraio comportando così, dei costi molto rivelanti. Con l’Ebook, invece, i costi sono molto limitati considerando il forte incremento che le piattaforme di vendita hanno ottenuto oltre il successo dei supporti di lettura. Il tutto porta a credere che il futuro dell’editoria sarà, un giorno, prevalentemente digitale.

Fresco di stampa “Cervelli bruciati” edito da Montecovello disponibile  sia in cartaceo che in digitale. Un’anteprima di questo tuo nuovo lavoro ?     Image

A sorpresa è saltato fuori dal cilindro questa casa editrice che mi ha presentato un contratto molto interessante proponendomi, oltre alla pubblicazione in digitale, una tiratura su cartaceo investendo parecchio su questo terzo romanzo. Cervelli bruciati è una storia raccontata attraverso gli occhi di un tossico che ci racconta la sua vita priva di ogni moralità dove la sua unica ambizione è quella di fare il punkabbestia convinto che si guadagni quanto basta per impasticcarsi. Ma un giorno incontra Ettore: un ex federale fascista fuggito dall’ ospedale psichiatrico dov’era ricoverato da sessant’anni. Questi lo coinvolgerà in un avventura a dir poco impossibile. La seconda parte del romanzo vede protagonista Angelo: un giovane universitario reso completamente inetto a causa della madre iperprotettiva. Angelo farà conoscenza con Zorro: un italo svizzero rimasto cieco a causa di una rapina finita male. Questi lo coinvolgerà a compiere la rapina del secolo, ma che avrà un esito inaspettato…

 Chi è Maurizio Asquini nella vita di tutti i giorni quando posa la penna ?

 Il povero Asquini lavora su turnazioni, tra cui la notte, per una multinazionale di Novara, trovando solo il tempo per dormire! A volte mi domando come faccia a seguire casa, famiglia, lavoro e scrittura. L’ultimo lavoro l’ho scritto in ventiquattrore, iniziando alle sei del mattino per terminare la mattina del giorno successivo e spesso trascuro cose più importanti dedicandomi maggiormente alla scrittura.

 A tuo parere cosa deve avere uno scrittore per distinguersi ?  

In quest’epoca di “pretendenti salvatori dell’editoria italiana”, sta scomparendo l’originalità o il saper raccontare una storia che tenga il lettore incollato al romanzo. Un errore che gli esordienti spesso compiono, è quello di pubblicare con scelte a dir poco disperate: editoria a pagamento, self publishing e altri contratti da capestro. Se il proprio lavoro ha un valore, saranno gli stessi editori a porgerti la mano. Ricordatevi che il sogno di ogni editore è quello di scoprire un nuovo talento.

 Sei capogruppo della Sezione romanzi del “Rifugio degli esordienti”, dove coordini  il servizio di “Lettura incrociata “ vuoi spiegare ai nostri lettori di che si tratta

Lettura incrociata è un servizio completamente gratuito per autori e lettori, nato dall’idea della professoressa Piera Rossotti e l’ingegnere Maurizio Bruno e grazie a noi capigruppo abbiamo dato valore a un’attività che in questi dodici anni si è, a dir poco, allargata a macchia d’olio. Con la Lettura Incrociata, puoi permettere alla tua opera (romanzo, racconto o poesia) di confrontarsi per la prima volta con un pubblico “non di parte”. Inoltre, grazie ai suggerimenti dei nostri lettori, si ha la possibilità di mettere il tuo testo nella forma migliore prima di presentarlo a un Editore o a un Concorso Letterario.

I visitatori del Rifugio possono partecipare alla Lettura Incrociata sia come Autori che come Lettori. Attualmente ci sono diverse centinaia di Lettori, suddivisi per categorie, pronti ad analizzare e commentare le vostre opere. Il vantaggio per i lettori è quello di fare esperienza leggendo gratuitamente romanzi di esordienti imparando i primi gradini del  critico letterario.

 Gli Autori non sono pertanto obbligati a collaborare anche come lettori, ma, se vogliono, possono senz’altro scegliere di farlo. Il servizio, come tutti quelli del Rifugio è completamente GRATUITO. Il compito di ciascun lettore sarà dare una valutazione generale all’inedito, individuarne i punti deboli, trovare il maggior numero possibile di refusi. I problemi nascono (per noi coordinatori) quando all’autore giungono commenti negativi, ed ecco che scatta la loro ira con frasi del tipo “forseleinosachisonoio”: ho vinto il trofeo dell’oratorio del quartiere periferico di qualche città di provincia o i vostri lettori non sanno leggere!

  Cosa ne pensi dell’editoria italiana? Cosa si dovrebbe cambiare secondo te?  Un consiglio ai giovani emergenti su  come tutelarsi  in questa jungla editoriale ?

Finché la nostra cultura da “Grande fratello” si limita a ciò che la pubblicità ci consiglia, non potremmo di certo andare avanti. Solitamente scegliamo i romanzi in base al nome dell’autore e della casa editrice. Mi sono capitati degli e-book che ho pagato meno di un Euro pubblicati da case editrici del nome Edizioni Esordienti Ebook o di autori del tutto sconosciuti, e devo ammettere che mi sono capitati dei veri talenti che hanno ben poco da confrontarsi da autori noti al mondo dell’editoria.

Credo che il lettore ami le vere storie narrate da personaggi che sappiano raccontare qualcosa che mantengano il lettore attento. Consigli da lasciare agli emergenti sono davvero pochi e temo che finché uno di questi non incontri un personaggio che lo presenti a un pubblico televisivo o almeno su qualche principale testata giornalista, le speranze sono poche.

 Ultimissima domanda quella di rito in  questo piccolo spazio, per cui ti chiedo :  Che cos’è l’arte per Maurizio Asquini

 Sono convinto che dentro ognuno di noi c’è sempre una parte di genio. Magari soltanto provando o avventurandoci in qualcosa di artistico riscopriamo di essere dei veri talenti. Non credo che esistano dei veri metodi che possano insegnare l’arte. Nel caso mio, talvolta, temo di aver esaurito la mia vena d’ispirazione, ma appena mi metto al lavoro mi accorgo che la tastiera viaggia da sola e le storie nascono dal nulla costruendo una pagina dopo l’altra.

 Ringraziando Maurizio per la sua disponibilità.  Ricordo ai nostri lettori di visitare il  suo sito per conoscere ancora meglio questo nostro amico autore.

 www.maurizioasquini.com

Il Rifugio degli esordienti

http://www.danaelibri.it/rifugio/rifugio.asp

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Leggendo a Bari

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri”

Francesca Giuliani

Servizi editoriali: correzione di bozze, editing testuale, impaginazione, copywriting e creazione di sinossi.

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: