Recensione a cura di Monica Pasero “Ascoltavo le maree” di Guido Mattioni

Image“Ci sono luoghi che non soltanto parlano,

ma ci stanno anche ad ascoltare”

Guido Mattioni

 

Ascoltavo le maree” di Guido Mattioni.  Recensione a cura di Monica Pasero

 

 Un attimo e tutto muta. Così è stato per Alberto protagonista di questa imperdibile storia d’amore e speranza. Nina, il suo unico grande amore muore. Lasciando l’uomo solo con l’  immenso dolore, in una casa e una vita piena di ricordi, che ora non sente più sua. Sopravvivere o lasciarsi morire? Sceglie la vita Alberto, e vola oltreoceano lasciando la sua grigia Milano e il suo vissuto. Destinazione “Savannah”  Luogo a lui caro, scoperto anni  prima insieme alla sua amata Nina. Dove ora decide di ricominciare.

 Un viaggio alla scoperta di questa cittadina, ai luoghi che la contraddistinguono, ma soprattutto alle persone, all’animo e la semplicità di questa gente, che vive i suoi giorni lasciandoseli scorrere, proprio come fa il maestoso “Moon River “attraversando queste terre rigogliose, che profumano ancora di valori veri. E cosi è la sua gente, che sa deliziarsi  del proprio tempo, godendosi appieno la loro esistenza, rallegrandosi nelle piccole cose. Immuni alla frenesia delle grandi metropoli, e sa cibarsi d’emozioni genuine, urlando  al mondo che la vita è un’immensa e bellissima avventura, se la si vede sotto una luce diversa, fatta solo d’essenza e non di materialità.

Alberto seduto su di un vecchio pontile vivrà la vita a “Savannah” I personaggi, i ricordi e tutto  ciò rende così eccezionale questa cittadina. Una narrazione onirica la sua, di un uomo che rinascerà,    assaporando in questo lungo sogno la sua nuova esistenza.

 L’autore è riuscito a cogliere il senso della vita stessa. In frangenti preziosi ci ricorderà il valore ogni secondo passato e  quanto “Vivere “ veramente, non sia privilegio di tutti.

Un libro che senza dubbio ci darà spunti di riflessione, sull’importanza che ha la nostra forza d’animo e la necessità di rinascere per ritrovare la serenità perduta.

Ascoltavo le maree di Guido Mattioni, insegna quanto la gioia si possa trovare anche solo in un volo di merlo.  (BlackBird)

Monica Pasero

 

  

Annunci

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Guido Mattioni
    Mag 19, 2013 @ 14:57:09

    Grazie Monica, e brava. Soprattutto perché hai saputo cogliere il senso e il significato ultimo del mio romanzo. Io infatti non voglio e non ho mai voluto lanciare messaggi – detesto anzi di tutto cuore quei tanti e troppi presuntuosi che lo fanno! – ma unicamente invitare chi avrà la bontà di leggermi a considerare che la navigazione della vita (simboleggiata dalla barca a vela che si vede in copertina) deve sempre continuare, qualunque cosa succeda. Se il vento non c’è, lo si può sempre creare con un mix di ottimismo, fiducia nel prossimo e soprattutto capacità di sognare. Perché se per i bambini sognare è un diritto, per gli adulti diventa un dovere. Ciao e in bocca al lupo per la tua carriera in mezzo alle parole
    Guido

    Rispondi

  2. CristianParruccaRossa
    Mag 19, 2013 @ 16:12:40

    Ottima recensione, ha stimolato la curiosità che non mancherò di soddisfare 🙂

    Rispondi

  3. Vittoria Salati
    Lug 07, 2013 @ 19:02:03

    E’ vero hai stimolato anche la mia curiosità cara Monica !!!
    Ma perchè la gioirnata è fatta solo di 24 ore ??????????
    In bocca al lupo a Guido Mattioni per il successo del suo romanzo !!
    Vittoria Salati

    Rispondi

  4. Giovanna Penati
    Set 02, 2013 @ 07:15:25

    Ho sentito l’intervista a Guido Mattioni a Radio 24 e mi ha dato tanta serenità e rafforzata la speranza che ho ancora. Ho un’età avanzata e guai fisici, ma mi dedico al volontariato per aiutare le persone sofferenti di disturbi psichici che hanno bisogno di sostegno e di affetto.Se nella dura lotta non ci fosse la speranza di ottenere per loro una vita migliore e vincere lo stigma che li circonda non si potrebbe continuare.
    Grazie! Leggerò senz’altro il libro.
    Giovanna

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Pink Magazine Italia

The Pink Side of Life

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

leggererecensire

L'unica cosa certa è che non c'è nulla di certo!

Literary Legacies

Walking in the footsteps of great writers

Francy and Alex Translation

Translation, Editing and Promotion of M/M Romance

Patataridens

Il blog della comicità al femminile

Alifyz Pires

IT Professional & Software Developer

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Annalisa Caravante

Il buio, se lo sai osservare, può mostrarti cose che la luce non ti fa vedere, come le stelle

Destinazione Libri

"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita:la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni:n c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia e quando Leopardi ammirava l'infinito...perchè la lettura è un'immortalità all'indietro" cit..Umberto Eco Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali

Noi nonne

"Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore" (Porfirio)

PresuntiOpposti

Chi legge vive due volte...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: