[RUBRICHE] Spazio al personaggio. Luca Farinotti presenta il proprio nuovo ebook

Luca Farinotti presenta ReInstaurant

Salve a tutti!

Riemergo dal profondo di questa notte di (quasi) mezza estate per introdurre una nuova intervista della nostra inviata dalle terre parmensi Isabella Grassi, che si andrà a inserire nella rubrica denominata “Spazio al personaggio” e che vedrà nuovamente protagonista una vecchia conoscenza di questo blog, Luca Farinotti, il quale oggi ci presenta il proprio nuovo ebook intitolato “ReInsturant” edito da Reverdito Editore.

Ma ora è tempo che ceda la parola alla nostra Isabella Grassi e al suo graditissimo ospite, al quale vi invito a dare il vostro più caloroso benvenuto.

SPAZIO AL PERSONAGGIO

ReInstaurant di Luca Farinotti, opera terza sul mondo della ristorazone

dall’autore di #MONDORISTORANTE  (2018) e Best restaurants & Foods Producers (2019)  

Ritorno a voi carissimi lettori di Recensioni Librarie, torno a voi per presentarvi la terza opera di Luca Farinotti sul mondo della ristorazione.

Copertina nuovo ebook Luca Farinotti

Ricorderete infatti #mondoristorante che vi ho raccontato nella rubrica intervista con l’autore: Luca Farinotti,  dove abbiamo scoperto insieme il primo libro dedicato al “ristoratore resistente”,  identificato in  quello del piccolo ristorante che rifiuta il mondo della ristorazione governato dalle multinazionali del cibo e che guarda alla qualità dei prodotti che utilizza, che rispetta ove possibile la provenienza biologica, e soprattutto che dimostra di conoscere la stagionalità degli alimenti che utilizza nel predisporre il menu.

Ricorderete poi il secondo libro dedicato alla scoperta del cibo a Parma, che l’autore ha curato e pensato  Parma 2020, ora estesa al 2021 causa Covid-19, dal nome altisonante: Best restaurants & Foods Producers, di cui vi ho parlato nel 2019 sempre per la rubrica intervista con l’autore. Con la seconda opera il lettore viene guidato dalla sua narrazione, (che benché più limitata trattandosi di una guida per quanto romanzata), alla ricerca del vero tesoro: il ristoratore resistente. Anche qui come in #mondoristorante è infatti l’angelo custode del lettore, e i richiami sono continui.

Se in #mondoristorante vi era una aperta condanna alle multinazionali del cibo e correlativamente vi era il monito rivolto al ristorante resistente  a essere “nemico del prodotto imbroglio” e di qualsiasi abominio geografico e a guardare alla qualità dei prodotti che utilizza, che rispetta ove possibile la provenienza biologica, e soprattutto che dimostra di conoscere la stagionalità degli alimenti che utilizza nel predisporre il menu e  si terminava con un capitolo dedicato al Galateo del Cliente, qui l’accento si sposta decisamente sul cliente virtuoso.

La seconda opera era infatti una guida che si poneva uno scopo preciso: rispondere al turista che si avventura per Parma, un turista fai da te, non al seguito di una comitiva organizzata che nel cercare un luogo si chiede che cosa vuole o di cosa abbia bisogno, e vuole fornirgli una “mappa di percorsi virtuosi tracciati” dove attingere.

Accanto al decalogo del Ristoratore Resistente compariva quello del Cliente Virtuoso.

Arriviamo ora all’opera terza che qui vi voglio presentare: ReInstaurant Decalogo Pratico per una nuova ristorazione italiana, Editore: Reverdito, Formato: solo eBook. Si tratta di un libro-manuale visto dall’autore come uno strumento efficace per la ristorazione italiana per far fronte all’emergenza covid.

Afferma l’autore che “questo è il momento, per il ristoratore virtuoso appassionato, conscio del proprio mandato e animato dalla vocazione, di riprendere in mano, per prima cosa e senza paura, la progettazione della mappa ideale che condurrà i clienti al proprio ristorante. Mettendo al primo posto non già lo studio di una serie di strategie di mercato (che fino a questo anno zero, in virtù dell’enorme bacino d’utenza disponibile, hanno senz’altro funzionato anche quando troppo spesso ingannevoli) tese alla sopravvivenza col coltello fra i denti in una lotta selvaggia e spietata, ma rimettendo il cliente al primo posto e senza condizioni.”

Insiste Farinotti come sia “questo è il momento in cui l’aberrazione per cui non è più necessario fare, quanto piuttosto “far credere che” annienta di fatto la passione, la vocazione, il talento di un mandato. Vince chi, invece di servire l’insalata coltivata nel proprio orto, si limita a fingere di farlo, occupando con arroganza gli ampi spazi lasciati vacanti dall’estinzione della cultura.”

Ecco quindi che la passione che in #mondoristorante era identificata con vocazione, è ancora accompagnata dalla cultura e dalla necessità  per il ristoratore di essere virtuoso, di essere contro le multinazionali e a favore della stagionalità, e avere coraggio, ma qui il coraggio assume una valenza più forte, per via del momento post lockdown e  “che consiste nel tagliare completamente ogni ponte col mondo e con gli schemi.” Assume infatti l’autore che “per riordinare, è necessario, dapprima, fare tabula rasa.”

E così il libro ci indica il decalogo che il ristoratore deve seguire e che la lettura farà scoprire, qui mi preme solo sottolineare come  Farinotti ammonisca che vadano messi “sul tavolo, come unici parametri di scelta, la passione, la cultura, la vocazione.” 

Anche qui il lettore appassionato troverà alcuni riferimenti ad entrambe le opere precedenti, in particolare ad Ales Krinstanic che soleva ricordare come non vadano servite le acciughe se non sono di qualità.

Anche qui un decalogo da seguire, anche qui uno sguardo ecologico, un discorso morale tanto amato e una personalizzazione della trama, ma l’ultimo capitolo intitolato “Il piacere di mangiare è di tutti” ha un risvolto insolito, quasi una consulenza al ristoratore per superare le difficoltà del momento.

Ma quello che vale è il monito finale, quando rivolgendosi ai ristoranti l’autore fa loro presente che: “Voi vendete cultura. E vendete emozioni. È per questo che il cliente paga. È l’esperienza ciò che il cliente vuole comprare. E, più essa sarà vera, più il cliente vi amerà e vorrà restare con voi.”

Un libro positivo per superare un momento negativo, un libro di speranza.

Il libro solo in ebook è uscito  il 17/7 su tutte le piattaforme, ne verrà fatta una presentazione per la stampa il  20/7 alle 17 su Zoom a cura di Roberto Perrone  e la presentazione al pubblico il 21/7 alle 17 su Facebook sul profilo dell’autore. Il libro-manuale verrà mandato gratuitamente a tutti i ristoratori e non che seguiranno la diretta su FB come un’open source. Un regalo di uno Strumento efficace per la ristorazione italiana per far fronte all’emergenza covid.

Seguite Luca Farinotti e Buona lettura.

Isabella Grassi

Copertina nuovo ebook Luca Farinotti

[NOVIT­À EDITORIALI] Arthur Conan Doyle. Tra l’ombra di Sherlock e la mano dell’occulto

La collana Windy Moors della casa editrice flower-ed si arricchisce

Salve a tutti!

Mese nuovo, articolo nuovo. L’occasione per questo mio ritorno mi è data da una gustosissima novità griffata flower-ed, la casa editrice nativa digitale romana diretta magistralmente da Michela Alessandroni.

La novità in questione, firmata da Mattia Spirito e con la prefazione di Samuela Casali, è una nuova perla che va ad aggiungersi al gruppo di pubblicazioni della collana “Windy Moors”. Il volume in questione s’intitola, come anche questo articolo, “Arthur Conan Doyle. Tra l’ombra di Sherlock e la mano dell’occulto“; volume che mi sono già regalato in versione ebook per Kobo e che non vedo l’ora di iniziare non appena la batteria del mio lettore si sarà ricaricata.

Per presentarvi al meglio questo imperdibile saggio dedicato a Sir Arthur Conan Doyle, riporto qui di seguito la sinossi del volume:

Copertina volume di Mattia Spirito dedicato a Sir Arthur Conan Doyle

Ha il naso sottile, il mento prominente e lo sguardo acuto. Grazie alle sue capacità deduttive riesce a risolvere anche i casi più difficili, spesso restando seduto in poltrona nell’appartamento londinese che divide con il suo coinquilino: è Sherlock Holmes, l’investigatore più famoso della letteratura, il personaggio che è riuscito a mettere in ombra persino il suo creatore. Attraverso questo avvincente studio, Mattia Spirito vuole ricollocare Sir Arthur Conan Doyle al centro della scena, evidenziando la presenza dello scrittore dietro alla finzione narrativa e mostrando come Doyle si sia servito delle proprie abilità investigative anche nella vita reale, in casi giudiziari e nel mondo dell’occulto: affascinato dal paranormale, credeva infatti nell’esistenza degli spiriti e delle fate, ma tentava di analizzare ogni fenomeno con la logica e la razionalità, proprio come avrebbe fatto il suo Sherlock Holmes.

Ed ora passiamo ai dati tecnici del volume:

Collana: Windy Moors

Copertina volume di Mattia Spirito dedicato a Sir Arthur Conan Doyle

Volume: 23

Prefazione di Samuela Casali

ISBN cartaceo: 978-88-85628-73-1

Prezzo cartaceo: 15.00 €

ISBN ePub: 978-88-85628-74-8

Prezzo ePub: 7.99 €

Anno: 2020

Il libro cartaceo può essere acquistato esclusivamente su Amazon.

E per finire vi presento autore e prefatrice del volume:

Mattia Spirito (Foggia, 1989) è autore di narrativa fantasy e saggistica. Scrive per creare mondi, suscitare emozioni e offrire al lettore una piacevole evasione dalla realtà. Ama la letteratura vittoriana nelle sue sfumature più fosche e misteriose, con una predilezione per Arthur Conan Doyle, Oscar Wilde e Robert Louis Stevenson. Appassionato di musica, suona la chitarra, strumento che spesso lo ispira nella composizione dei suoi testi. Con flower-ed ha pubblicato i romanzi fantasy Dopo il tramonto (2014), tradotto anche in lingua inglese, e Nel limbo del buio (2017), il racconto Cuori nelle tenebre, contenuto nell’e-book Cronache maledette (2014), e la raccolta di racconti Visioni sotto un anfratto di stelle (2015).

Samuela Casali (Tolentino, 1992) ha conseguito la laurea in Lettere Moderne e Contemporanee presso l’Università degli Studi di Macerata. Ha pubblicato dei racconti storici e del mistero in alcune antologie, tra cui Mistero a Villa Cordelia (2016), Mistero al museo (2018), Una misteriosa scomparsa (2019) e, con lo pseudonimo di Cassandra Lloyd, Miss Moore, Mr. Armitage & Miss Darcy (2017) e Seconda notte – Mr. James Morland (2018). Collabora con il blog Libri: Sulle ali dell’immaginazione. Il personaggio letterario che ama di più è Sherlock Holmes che ha incontrato per la prima volta molti anni fa leggendo Il mastino dei Baskerville.

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione che mi avete dedicato e arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura, magari proprio con “Arthur Conan Doyle. Tra l’ombra di Sherlock e la mano dell’occulto” di Mattia Spirito, con la prefazione di Samuela Casali, edito da flower-ed!

Con simpatia! 🙂

Copertina volume di Mattia Spirito dedicato a Sir Arthur Conan Doyle

[INIZIATIVE LODEVOLISSIME] Time4life International a favore di mamma Barbara

Time4life international al fianco di mamma Barbara

Salve a tutti!

Logo di Time4life

Oggi torno tra di voi per un articolo diverso dal solito; un’iniziativa molto importante e lodevolissima. Time4life International, “una Fondazione Intenazionale che si occupa di sostegni a distanza in Siria, Nicaragua, Romania, Benin, Kenya e Nepal“, ha deciso di appoggiare un’iniziativa a favore di una madre italiana. Per presentarvi al meglio questa iniziativa riporto quanto scritto da loro sulla propria Pagina Facebook:

A Barbara hanno portato via il figlio, di soli 5 anni, accade a Reggio Emilia.
Barbara è una ragazza madre, anni fa si è rivolta ai servizi sociali per chiedere aiuto, essendo sola, e dovendo lavorare, chiedeva se conoscessero tate volontarie disposte ad occuparsi del suo bimbo durante il suo orario di lavoro, non potendo permettersi una baby sitter.
I servizi le spiegano che non hanno fondi per una tata ma possono farla aiutare da una famiglia che puo’ affiancarla, occupandosi del suo bimbo quando lei lavora. Barbara per mantere il proprio posto di lavoro, e non sapendo come altro poter fare accetta questa soluzione.
Dopo cinque anni di sacrifici, passati a fare la mamma, a lavorare, senza aiuti di familiari, un’amica, trovandola stanca e stressata le propone di fare una brevissima vacanza low cost di alcuni giorni in Egitto per recuperare le forze.
Barbara accetta, non sapendo che questa cosa la porterà a perdere il bambino. Superficialmente non avverte i servizi sociali della partenza, il suo bimbo era con la famiglia che le era stata assegnata in aiuto, e al suo rientro in Italia le viene negato di vedere il figlio. Impazzisce, come farebbe qualunque mamma, chiama i Carabinieri, che nulla fanno. Non vi è alcun dispositivo che neghi alla mamma di stare con suo figlio, eppure le viene illegittimamente negato.
Lei si sente male. Sviene, e viene portata in pronto soccorso. Il lunedì successivo i servizi sociali si scusano, rassicurandola sul fatto che non vi fosse alcun provvedimento contro di lei. Lei li perdona. Vuole andare avanti.
Barbara per fare una sorpresa a Samuele, con i soldi guadagnati con tanti sacrifici decide di riprenotare nello stesso posto, avendolo trovato adatto ai bambini. Naturalmente ne da avviso ai servizi per non commettere passi falsi.
Loro la convocano con l’inganno, chiedendo di portare anche il figlio, per salutarlo e vedere come sta. Lei, non temendo alcunchè si reca puntuale all’appuntamento. Un‘ assistente sociale invita il bimbo in una stanza per fare alcuni disegni, un’altra fa accomodare la mamma in un’altra ufficio. Il bimbo sparisce, viene portato via, e alla mamma viene letto il dispositivo del Tribunale dei Minori di Bologna, che le toglie il bambino temendo che possa fuggire dall’Egitto al Marocco, dove si trovano i nonni paterni del bambino, nonostante il padre biologico non lo abbia mai riconosciuto, nonostante Barbara non abbia mai visto i genitori di lui, ne sa dove abitano, ne come si chiamano.
Da quel momento può vedere il figlio solo un’ora a settimana con visite protette. Viene anche accusata di maltrattamenti: non un referto di pronto soccorso del bimbo, non una visita a casa della signora.
Sono passati 2 anni e la situazione non è cambiata. In questi due anni Barbara è stata trattata malissimo, umiliata, inascoltata, nulla è stato fatto per darle la possibilità di ripartire con il suo bimbo. A Natale ha umilmente chiesto di poterlo chiamare 10 minuti, le è stato negato. Per il compleanno del piccolo, il 10 luglio, ha chiesto di poterlo incontrare, lo ha fatto per tempo scrivendo all’assistente sociale con 2 settimane di anticipo, ma non è nemmeno stata degnata di risposta. Le è stata concessa solo una breve telefonata di auguri, è solo perché ha insistito.
La cosa che più ha fatto gelare il sangue nelle vene, è che la signora che ha in affido ora Samuele, pubblica le foto del minore sui social definendolo SUO FIGLIO, segno che le famiglie affidatarie non sono state adeguatamente formate su ciò che possono o non possono fare, segno che alla Signora P. non importa di ferire ulteriormente una mamma già a pezzi, segno che alla Signora P. non importa il fatto che magari un giorno Samuele, maggiorenne, non vorrà le sue foto sul web, non vorrà far sapere che è stato con una famiglia affidataria, vorrà raccontare la sua storia a chi vorrà lui, a chi lui riterrà meritevole di ascoltarla.
Aiuteremo mamma Barbara. Non possiamo restare indifferenti solo perché non è successo a noi. Ogni mamma dovrebbe essere solidale.

Vi chiedo il favore di far circolare questa notizia o ripostando questo mio articolo oppure scrivendone uno analogo voi stessi!

Grazie infinite per la pazienza e l’attenzione che anche stavolta mi avete voluto dedicare e arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

[SEGNALAZIONE] L’Acrobata di Aharan Lee

In vendita la raccolta di racconti “L’acrobata” di Aharan Lee

Salve a tutti!

Copertina de "L'Acrobata" di Aharan Lee

Così, condotti dalla malinconica arte, vivranno estraniati dal mondo senza eredi e senza lasciar traccia del loro passaggio se non sul volto di qualche vanitoso attore.

Questa sera torno tra voi per segnalarvi l’uscita della raccolta di racconti intitolata “L’Acrobata” di Aharan Lee edita da Black Robot Publishing.

Per presentare al meglio il libro in questione vi inizio col proporre una breve sinossi:

L’ACROBATA
di Aharan Lee

Copertina de "L'Acrobata" di Aharan Lee

Davanti a uno spartito, nella sala prove di un conservatorio, Paul lavora senza sosta per comporre il capolavoro della sua vita prima che la malattia lo divori.
Seduto sulla panchina di un molo, Joseph osserva malinconicamente il mare mentre si prepara a dire addio alla donna della sua vita.
Tra i tavolini di un bar, Pierre porge un mazzetto di gerani alla bella Amélie, sperando che la ragazza accetti di rivederlo il giorno dopo.
In un angolo di un teatro, nascosta agli occhi di tutti e rannicchiata sulla sua poltrona preferita, Elisabetta scrive il copione dell’opera teatrale nella quale Marta, attrice di punta della compagnia, potrà rinascere dopo la morte della sorella.
Queste sono solo alcune delle trame dei racconti contenuti ne L’acrobata. Storie malinconiche e dal finale dolceamaro, ricavate da alcuni attimi rubati dalle vite di personaggi tanto fittizi quanto reali. Undici vite e undici attimi: undici brevi racconti in grado di trascinare i lettori in un mondo palpabile, tanto vicino da poterlo sfiorare, e, alla fine, lasciarli in bilico sul filo di un sogno sospeso.

Ed ora proseguiamo presentando l’autrice attraverso questi brevi note redatte dalla curatrice del volume:

NOTE
a cura di Michela Pongolini

Aharan Lee, classe 1992, è appassionata di arte e studia a Firenze per diventare restauratrice di libri antichi. Dopo essersi dedicata alla pittura, ha virato verso la scrittura alla ricerca di qualcosa che tempere e pennelli non riuscivano a darle: “La tela non mi bastava più a dipingere questo colorato mondo che mi porto dentro, così ho cominciato a muovere le parole”.
L’acrobata è formato di attimi. Ogni racconto è un attimo gentilmente rubato dalla vita di un estraneo, che l’autrice, seduta al tavolino di un bar davanti a una tazzina di caffè sporca e un foglio scarabocchiato, ha tramutato in arte.
L’acrobata è una piccola opera d’arte, potrebbe essere paragonato a un quadro o a uno spartito musicale, dove ogni racconto è un colore o una nota. È un testo che va oltre, non racconta solo a parole, ma ogni racconto ha una forza descrittiva tale da ricordare una fotografia. Il lettore si ritrova improvvisamente immerso in un altro mondo, una realtà diversa, sospesa, come un sogno e non può fare a meno di proseguire la lettura, di avventurarsi in questo mondo e godersi il sogno fino alla fine.

E per finire ecco a voi quelli che io sono solito chiamare i dati tecnici del volume:

Scheda tecnica

Copertina de "L'Acrobata" di Aharan LeeAutore Aharan Lee
Titolo L’acrobata
Casa editrice Black Robot Publishing
Luogo e data di pubblicazione Inghilterra, 2020
Genere Narrativa – racconti brevi
Tematica Varia, introspettivo
Personaggi principali Vari
Ambientazioni Varie e fittizie
Tempi della narrazione Attualità
Trama Varia
Link per l’acquisto:
Versione italiana:https://www.amazon.it/Lacrobata-Aharan-Lee-ebook/dp/B087HWVGN7/ref=sr_1_2?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=l%27acrobata&qid=1587978234&sr=8-2

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione che mi avete nuovamente dedicato e arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia!

Copertina de "L'Acrobata" di Aharan Lee

[NOVITÀ EDITORIALI] La Principessa del Grano di Jean Webster

Da oggi è in vendita il nuovo volume della collana “Five Yards” griffata flower-ed

Salve a tutti!

Copertina de "La Principessa del Grano" di Jean Webster

È per me un’immensa gioia tornare tra voi per presentarvi la nuova perla editoriale griffata flower-ed, la casa editrice nativa digitale diretta magistralmente da Michela Alessandroni.

La nuova perla che va ad aggiungersi alla già ricca collana “Five Yards” è “La Principessa del Grano” di Jean Webster, romanzo del 1905, tradotto per flower-ed dalla bravissima Sara Staffolani, che di Jean Webster ha scritto, sempre per flower-ed, la biografia.

Per presentarvi al meglio questa strepitosa novità editoriale, disponibile in versione ebook in tutte le librerie online e che sarà disponibile anche in cartaceo su Amazon.it, vi propongo la sinossi del romanzo:

Copertina de "La Principessa del Grano" di Jean WebsterMarcia è la bellissima figlia di un milionario americano, giunta in Italia per trascorrere la primavera insieme agli zii, Howard e Katherine Copley, in un’antica dimora situata nei pressi di Palestrina. Tra le romantiche colline della Sabina, le visite turistiche a Roma e le feste in compagnia di un’esclusiva cerchia di amici, la giovane viene subito conquistata dalla magia dell’Italia, terra incantevole e sfondo ideale per una grande storia d’amore. Due uomini dal temperamento molto diverso si fanno infatti strada nei suoi pensieri: Paul Dessart, un’aspirante pittore, immaturo e spensierato, e Laurence Sybert, affascinante e tormentato segretario dell’ambasciatore americano. Ma dietro le vite agiate dei protagonisti e i paesaggi idilliaci si celano la fatica e la miseria dei poveri contadini di una nazione che, alla fine dell’Ottocento, è ancora giovane e politicamente instabile. In un gioco fatto di attese, scoperte e fraintendimenti, Marcia dovrà imparare a guardare oltre le apparenze e fare le sue scelte. Jean Webster pubblicò La Principessa del Grano nel 1905, ispirandosi a uno dei suoi viaggi in Italia e offrendo al lettore il racconto di un’epoca. Questa rappresenta la prima traduzione italiana – integrale e annotata – dell’opera.

Ed ora eccovi i dati tecnici del romanzo:

Copertina de "La Principessa del Grano" di Jean WebsterCollana: Five Yards

Volume: 14

Traduzione e cura di Sara Staffolani

ISBN cartaceo: 978-88-85628-72-4

Prezzo cartaceo: 18.00 €

ISBN ePub: 978-88-85628-71-7

Prezzo ePub: 7.99 €

Anno: 2020 (1905)

Il libro cartaceo può essere acquistato esclusivamente su Amazon.

Ed ora ecco alcune note biografiche dell’autrice:

Alice Jane Chandler Webster (Fredonia, 24 luglio 1876-New York 11 giugno 1916), primogenita di Charles Luther Webster e Annie Moffett, era la pronipote del celebre scrittore Mark Twain. Studiò pittura cinese e su porcellana presso la Fredonia Normal School, frequentò la prestigiosa Lady Jane Grey School e, nel 1901, si laureò al Vassar College con una tesi dedicata alla povertà in Italia, che aveva potuto conoscere nel corso dei suoi viaggi. Fra il 1903 e il 1915 pubblicò When Patty went to College, The Wheat Princess (“La Principessa del Grano”), Jerry JuniorThe Four Pools Mystery, Much Ado about Peter, Just Patty, Daddy-Long-Legs (“Papà Gambalunga”) e Dear Enemy (“Caro Nemico”). Nella sua produzione letteraria compaiono anche dei racconti.

E non possono mancare, per concludere, alcune note biografiche della traduttrice:

Sara Staffolani è laureata in Storia e memoria delle culture europee. Vive nelle colline marchigiane, in provincia di Ancona. Accanita lettrice fin da piccola, soprattutto di classici e poesie, ha una grande passione per le sorelle Brontë ed Emily Dickinson. Adora gli animali, la natura e la quiete domestica. Dal 2017 gestisce un blog a tema letterario-poetico, Dalla mia finestra, dedicato all’approfondimento delle sue autrici ottocentesche preferite.

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione che mi avete voluto dedicare e arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura, magari proprio con la nuova perla griffata flower-ed!

Con simpatia! 🙂

Copertina de "La Principessa del Grano" di Jean Webster

[INTERVISTE] Intervista con l’autore. Luca Farinotti presenta il suo libro “Volevo solo nuotare”

In questa sua nuova intervista lo scrittore e ristoratore parmigiano Luca Farinotti presenta il suo libro “Volevo solo nuotare”

Salve a tutti!

Copertina libro Luca Farinotti

Questa sera torna una delle rubriche da voi più amate; quella delle “Interviste con l’autore” della nostra inviata dalle terre parmensi Isabella Grassi che nell’intervista di oggi incontra Luca Farinotti, una vecchia conoscenza di questo blog che ha ospitato, tempo fa, una sua precedente intervista, il quale, in questa occasione, presenta il proprio romanzo intitolato “Volevo solo nuotare“, edito da Artingenio Francesco Corsi.

Ma ora è il momento di cedere spazio e parola a Isabella Grassi e al suo graditissimo ospite.

 

INTERVISTA CON L’AUTORE.

Luca Farinotti 

VOLEVO SOLO NUOTARE

(200.000 bracciate con Rachele Bruni)

ARTInGENIO per la collana “Italia sul podio” (2019)

"Volevo solo nuotare" di Luca FarinottiUn libro insolito questo di Luca Farinotti, scrittore e ristoratore parmigiano.

Ho già avuto modo su queste stesso blog di parlarvi di lui e del suo #mondoristorante

Anche in questa nuova avventura Luca affronta una narrazione diversa da quella cui il lettore medio è abituato, presentando come in un romanzo non tanto e non solo la campionessa sportiva Rachele Bruni, ma facendo vivere e appassionare alla tensione e alla speranza che tale scelta di vita comporta.

C’è una frase ricorrente nell’opera dell’allenatore di “Sbirulino” alias Rachele, che racchiude e al contempo permane di sé tutta la lettura ed è quella con la quale Fabrizio (alias “quello dal cappellino rosso”), descrive le “doti nascoste” di Rachele che, dopo aver speso parole e parole sulla tecnica, sulla empatia, sulla sua capacità di essere al posto giusto al momento giusto sono le seugenti: “Rachele è come un supereroe, è come se si trasformasse quando si mette il costume da gara”.

Dopo aver letto queste 17 parole l’immagine di Rachele, che fino a pochi istanti prima appariva nel costume da bagno in piscina con la cuffia e gli occhialini, lascia improvvisamente il posto ad un supereroe che per me, la cui adolescenza risale agli anni 80 fa pensare a Wonder Woman o alla Donna Invisibile piuttosto che Bat Girl, ma come il lettore scoprirà nella lettura per Rachele classe 1990 l’accostamento sarà diverso.

Rachele novella supereroe si trasfigurerà e la sua nuotata fatta da una serie di “frustate scomposte nell’acqua” diventano come per magia il volano per utilizzare al meglio le sue doti battagliere e le sue strategie per comparire improvvisamente al posto giusto.

Il lettore viene quindi completamente coinvolto e assiste da spettatore privilegiato allo sviluppo del piano di battaglia.

Rachele rappresenta, per usare le parole del libro, “una storia di superamento straordinario” e fa tenerezza leggere come Rachele  evolva dall’essere “chìssene”.

Anche in questo ultimo libro Farinotti dimostra una capacità narrativa molto particolare riuscendo a rendere in forma di romanzo quello che in realtà è un susseguirsi di interviste. Non mancano poi alcuni tecnicismi quali l’utilizzo di figure retoriche come “qui neve cade su neve” o il più moderno utilizzo di hashtag come #volevosolonuotare che Luca ama e che discendono direttamente in parte dagli studi classici e in parte dal suo essere agganciato alla vita moderna,

Un’altra piccola chicca è la presenza nel libro di una ricetta di cui non vi svelo nulla e vi esorto a trovarla.

Chiudo questa mia breve dissertazione con alcune domande all’autore, che visto il momento che stiamo vivendo e la maggiore conoscenza sviluppata in questi due anni è purtroppo avvenuta via whatsapp e senza il bicchiere di vino del nostro primo incontro…

Cosa ti ha spinto ad affrontare la narrazione sportiva?  Quanto lo sport ha fatto parte della tua vita?

“Volevo solo nuotare” è il primo libro di una collana dedicata agli atleti e, soprattutto, alle atlete che nei cosiddetti sport minori (olimpici) hanno reso grande l’Italia attraverso imprese eroiche. Sono appassionato di sport e sono uno sportivo ma, a prescindere da ciò, amo la narrativa sportiva da sempre. Ho alcuni modelli di riferimento come Osvaldo Soriano, per esempio. Il mio primo romanzo, tra l’altro (Lo stadio più bello del mondo del 2007) intreccia tratti di cronaca calcistica alla storia di quei ragazzini di campagna degli anni ottanta. La monografia su Rachele Bruni mi è stata commissionata in occasione del Premio Bancarella dello scorso anno. Mi sono stati proposti alcuni atleti e ho scelto lei senza indugio; la sua medaglia olimpica è stata epica e la sua storia umana è una favola permeata di magia.

Per raccogliere le informazioni che ti hanno permesso di scrivere l’opera hai seguito Rachele in vari allenamenti e ti ha accompagnato anche Marina, la tua compagna, che è stata partecipe di alcuni interventi. Come avete vissuto questa esperienza?

Sono stato con Rachele e con la nazionale olimpica di nuoto a novembre, durante la preparazione in altura, nella struttura di allenamento olimpico di Livigno. Un’esperienza indimenticabile, il contatto con atleti che, a fronte di un normale stipendio da impiegato, vivono tutto l’anno in clausura praticando un’abnegazione al proprio sport pari, se non superiore a quella che vediamo negli atleti delle discipline professionistiche

L’idea della ricetta nel libro, parlamene.

Libro di Luca Farinotti con tazzina di cafféLa ricetta è una costante perché Rachele è come Kung Fu Panda. Ha una ricetta per vincere che contiene un ingrediente segreto. Poi, essendo lei molto appassionata di cucina, la similitudine è venuta da sé. Qual è il suo ingrediente segreto? Lei stessa, che si specchia su una pergamena lucida in cui non è scritto nulla

Quale messaggio vuoi lasciare al lettore?

Al lettore voglio solo raccontare una bella storia e una persona normale che, nella sua disciplina, è un’eroina. Quindi il messaggio, forse semplice, è che tutti noi possiamo essere eroi in ciò che facciamo nella nostra quotidianità se ci mettiamo tutto di noi stessi

In ultimo vuoi parlare della candidatura al Premio Bancarella?

Sono felice per la candidatura. È un piccolo record: nessun autore è mai stato finalista prima in 2 categorie diverse del Bancarella.

Sono felice anche per Rachele perché è l’unico libro, a parte quello sul calcio, tra i finalisti, ad avere come protagonista una donna

Non mi resta che augurarvi  come al solito una Buona lettura.

Isabella Grassi  

 

[COMUNICATI STAMPA] Raccolta di racconti benefica Fantàsià

Dal 4 aprile è disponibile la raccolta a scopo benefico Fantàsià

Salve a tutti!

Copertina Fantàsià

Stasera torno tra voi per dar voce, attraverso il comunicato stampa dell’associazione ASROO al progetto che ha visto la pubblicazione lo scorso 4 aprile della raccolta di racconti intitolata “Fantàsià“.

Cedo subito la parola al comunicato stampa nel quale potrete trovare tutte le informazioni relative al progetto:

COMUNICATO STAMPA

Un’antologia di racconti inediti per ragazzi a sostegno di Asroo per i malati rari

Siena, lì 13 aprile 2020 – La beneficenza non si ferma anche in tempi di Coronavirus. E così, in poco tempo, autori volontari si sono messi a disposizione per una antologia di racconti, Fantàsià – il cui ricavato andrà completamente a sostenere le attività di ASROO, Associazione Scientifica Retinoblastoma e Oncologia Oculare di Siena. Il progetto, nato da un’idea dello scrittore Stefano Labbia, intende unire le forze della parola per un obiettivo comune: sostenere le attività di ricerca sul Retinoblastoma, il tumore oculare più frequente in età pediatrica. 

Lo Staff di Siena, condotto dal medico oncologo di fama internazionale Prof.ssa Doris Hadjistilianou, segue dal 2011 un percorso di cura e diagnosi precoce di una malattia rara: il Retinoblastoma. Proprio a Siena ogni anno si celebra la Giornata di Oncologia Oculare che vede la partecipazione di massimi esperti sul tema. Siena è il terzo centro di Eccellenza in Europa per casi trattati.

L’intero ricavato dell’antologia fantasy – disponibile su Amazon – sarà devoluto ad ASROO. Ecco il link per acquistare il libro (versione cartacea o e-book: https://www.amazon.it/dp/B086PMNDNR?ref_=pe_3052080_397514860

Nell’antologia si sperimenta il tema della fantasia con gli autori: Aharan Lee, Elena Panzera, Giorgia Sbuelz (già vincitrice del concorso “Una fiaba per Asroo”), Greta Guerrini, Maggie van der Toorn, Monica Serra, Silvia Bruni e Stefano Labbia che hanno dedicato gratuitamente il loro tempo e le loro competenze in beneficenza. La prefazione è di Mattia Albani.

Un contributo speciale nella realizzazione del progetto va a Palma Caramia, interior design che ha intrapreso la strada da bookblogger per recensire e commentare i libri presenti nel catalogo Amazon e librerie fisiche e che attualmente collabora come grafica e illustratrice per autori emergenti e non.

ASROO – Associazione Scientifica Retinoblastoma e Oncologia Oculare è nata il 27 aprile 2010 per iniziativa di medici e biologi del Centro di riferimento del Retinoblastoma, dell’Unità di Oftalmologia e della Sezione di Biochimica del Dipartimento di Medicina Interna Scienze Endocrino Metaboliche e Biochimica di Siena, che già da alcuni anni stanno collaborando per un progetto di ricerca sul retinoblastoma.

L’Associazione si prefigge le seguenti finalità:

– migliorare le conoscenze medico-scientifiche nel vasto campo dei tumori oculari;

– migliorare la qualità dei servizi offerti ai pazienti;

– diffondere e divulgare le conoscenze scientifiche raggiunte nel settore attraverso opuscoli distribuiti negli ospedali, negli studi medici, nelle manifestazioni pubbliche quali seminari e convegni;

– sostenere tramite raccolta di fondi il miglioramento dei centri specialistici dedicati attraverso la donazione di apparecchiature scientifiche.

Con cortese richiesta di pubblicazione e diffusione. Grazie della collaborazione. 

Ufficio Comunicazione ASROO

dott.ssa Marianna Alicino

Cell: 334.3038151

e.mail: segreteria@asroo.org

www.asroo.org

A me non resta che invitarvi a dare una mano a questo progetto benefico acquistando la raccolta di racconti “Fantàsià”!

Grazie infinite per la pazienza e l’attenzione che nuovamente avete voluto dedicarmi e arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Copertina Fantàsià

[PRESENTAZIONI] Il libro infinito

Vi presento un canale YouTube davvero meraviglioso

Salve a tutti!

Eccomi di ritorno per presentarvi un meraviglioso progetto che, specialmente in questo periodo di forzato restare a casa sarà di grandissima utilità per riuscire a intrattenere i bambini (e non solo).

Si tratta de “Il libro infinito” un canale YouTube, pensato e realizzato da una maestra siciliana che, attraverso letture e realizzazione di lavoretti, intrattiene in maniera intelligente i bambini.

Ma ora è tempo che ceda la parola all’ideatrice di questo meraviglioso progetto:

Sono Melania, insegnante di scuola dell’infanzia di Palermo, il canale YouTubeIl Libro Infinito”, https://m.youtube.com/user/duromelania79, è stato creato da me con lo scopo di favorire nei bambini e ragazzi l’acquisizione della competenza dell’ascolto e avvicinarli alla lettura.

Durante i miei anni di insegnamento mi sono resa conto che i bambini vanno sempre più perdendo la capacità di ascolto e concentrazione, soprattutto perché fagocitati dall’uso spasmodico e incontrollato di cellulari e tablet. I genitori, il più delle volte, a causa della mancanza di tempo o perché presi dalle problematiche di gestione familiare, non riescono a coinvolgere i figli in attività di lettura e ascolto, momento intimo e formativo. Per questo entra in campo la mia idea, quella di realizzare video-racconti di letture di libri per bambini. Il setting vuole essere semplice e colorato per attirare la loro attenzione come se fosse una lettura in presenza e fossero seduti intorno a me. In questo periodo di sospensione delle attività didattiche i video-racconti e le dirette, possono fare compagnia ai bambini ed essere utilizzati dalle insegnanti della scuola dell’infanzia e/o primaria come canale privilegiato per attivare la didattica a distanza.  

Mi auguro che la mia iniziativa possa essere utile a tanti docenti e ai genitori, anche per affrontare questo momento critico e di insicurezza per tutti.

Grazie infinite a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione e arrivederci alla prossima occasione!

Buon pomeriggio, buona visione e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

[SEGNALAZIONI] Alice nel labirinto

Segnalazione del romanzo Carrolliano di Roberta De Tomi

Salve a tutti!

Copertina romanzo "Alice nel labirinto" di Roberta De Tomi

Torno tra voi in questo periodo di quarantena per presentarvi il romanzo di Roberta De Tomi. Il romanzo in questione si intitola “Alice nel labirinto” e rappresenta l’ideale continuazione dei due romanzi di Lewis Carroll.

Per presentarvi al meglio questo romanzo, edito dalla Dario Abate Editore vi propongo, innanzitutto, la sinossi del romanzo:

Alice nel labirinto – Sinossi

Copertina romanzo "Alice nel labirinto" di Roberta De Tomi
Sono trascorsi ormai diversi anni dalle avventure nel Paese delle Meraviglie, e Alice Pleasance Liddell, è ormai prossima alle nozze. Alla soglia dei diciotto anni, la giovane è una perfetta esponente della società vittoriana. Tuttavia, un fatto incredibile comincia a farla dubitare delle certezze acquisite grazie a un’educazione impeccabile. In una notte di maggio, Alice s’imbatte in un’invasione di lucciole che sembrano volerle recare un messaggio. Tutto resta però avvolto nel mistero: l’unica cosa che la ragazza nota è la scomparsa del futuro sposo e, malgrado le rassicurazioni di Edith – la sorella giudiziosa –, non riesce a trovare pace. Dopo la notte delle lucciole, qualcosa è cambiato; il pensiero torna al suo passato di bambina curiosa e fantasiosa.
La ragazza, in visita a zia Tristania, avverte un forte turbamento. Inizia a mettere in dubbio lo stile di vita condotto fino a quel momento e le idee e l’educazione inculcate. A innescare la miccia della crisi, il confronto con la stessa Tristania, la cui indipendenza ed emancipazione sono fonte di scandalo e, al contempo, di ammirazione per i membri della famiglia Liddell.
A un certo punto anche la zia scompare; da questo momento la nipote intraprende un vero e proprio viaggio  nell’assurdo. In ciascuna delle tappe toccate Alice si trova a dover risolvere enigmi e indovinelli e a conoscere bizzarri personaggi che la coinvolgono in rocambolesche disavventure. Tra prove, tentazioni, il Nano Nona, un’enigmatica Odalisca e altri personaggi strampalati, Alice scopre di dover compiere una missione. O forse più di una. E cosa importante: dentro di lei c’è ancora quella bambina, amica di Lewis Carroll, capace di sognare e di vedere le lucciole anche quando queste non possono che essere proiezioni di intime fantasie (forse).
Il romanzo è un Young Adult strutturato come un librogame, nato con l’obiettivo di coinvolgere i lettori e le lettrici attraverso l’interazione e la stimolazione dell’immaginazione. Tra prosa e poesia, gioca anche con la lingua e vuole scardinare l’ordinario per dare voce all’irrazionale; il tutto fino al finale, per niente scontato.

Continuiamo ora con quelli che io chiamo sempre i dati tecnici del romanzo corredata dai link presso i quali poterlo acquistare:

Scheda tecnica del libro
Copertina romanzo "Alice nel labirinto" di Roberta De TomiAlice nel labirinto
di Roberta De Tomi
Genere: Fantastico
Editore: Dario Abate Editore
Collana: I nuovi bestseller
Anno: 2017
Pagine: 270
Edizioni: E-book 4,99 €; Cartaceo: 16,00 €
Isbn: 978-8893051439

 

Link di Acquisto ebook

Amazon:
Ebook:  https://www.amazon.it/ALICE-NEL-LABIRINTO-DAE-Vol-ebook/dp/B0769TM47Q/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1518465431&sr=8-1&keywords=alice+nel+labirinto
Cartaceo: https://www.amazon.it/ALICE-NEL-LABIRINTO-Roberta-Tomi/dp/8893051435/ref=tmm_pap_swatch_0?_encoding=UTF8&qid=1518465431&sr=8-1

Ibis:
Ebook: https://www.ibs.it/alice-nel-labirinto-ebook-roberta-de-tomi/e/9788893051415?inventoryId=89828032
Cartaceo: https://www.ibs.it/alice-nel-labirinto-libro-roberta-de tomi/e/9788893051439?inventoryId=89716638

La Feltrinelli:
Ebook: https://www.lafeltrinelli.it/ebook/roberta-de-tomi/alice-labirinto/9788893051415

Mondadori Store:
Ebook: http://www.mondadoristore.it/ALICE-NEL-LABIRINTO-Roberta-De-Tomi/eai978889305141/

Bookrepublic:
Ebook: https://www.bookrepublic.it/book/9788893051415-alice-nel-labirinto/

Ed ora, per completare come si deve questa segnalazione, ecco a voi la nota bio-bibliografica dell’autrice del romanzo:

Nota bio-bibliografica di Roberta De Tomi

Nata e cresciuta in provincia di Modena, laureata al DAMS di Bologna, ha all’attivo diverse pubblicazioni tra cui la raccolta poetica solidale “La luce oltre le crepe” (2012, Bernini Editore, in veste di curatrice insieme al poeta modenese Luca Gilioli), il manuale “Come sedurre le donne” (2014, HOW2 Edizioni, tra i bestseller dell’editore), i romanzi “Magnitudo apparente” (2014, Lettere Animate) “Il maledetto residuo nel cuore” (2015, Rupe Mutevole Edizioni), il chick-lit ironico-erotico “Chick Girl – Azalee per Veridiana” (2016, Delos Digital). Suoi racconti sono contenuti in antologie di editori vari, tra cui le “Scritture aliene”.
Oltre ad avere ideato l’evento “Words!”, volto a promuovere autori e artisti indipendenti, gestisce due blog letterari ed è attiva nel campo della scrittura social e della cultura.
“Alice nel labirinto” (2017, DAE)  nasce dal desiderio di sperimentare e di fare un tuffo nella fantasia, sulle tracce di Lewis Carroll. Secondo premio ex aequo al “Trofeo Cittadella” per i migliori romanzi fantasy.  Di recente ha pubblicato il racconto autoprodotto “Laura nella stanza” (2019).

Invitando tutte e tutti voi ad acquistare questo romanzo che promette di essere assolutamente godibilissimo, vi saluto ringraziandovi per la pazienza e l’attenzione che mi avete nuovamente dedicato e dandovi l’arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Copertina romanzo "Alice nel labirinto" di Roberta De Tomi

[PRESENTAZIONE LIBRI] Una ghirlanda per ragazze seconda edizione

La mia prima traduzione per la flower-ed si è fatta ancora più bella

Salve a tutti!

Copertina della seconda edizione di "Una ghirlanda per ragazze"

Rieccomi tra voi per presentarvi la nuova edizione, riveduta e corretta, della mia prima traduzione griffata flower-ed, la casa editrice nativa digitale diretta magistralmente da Michela Alessandroni. Si tratta, come voi ben sapete, lo sapete vero?, di “Una ghirlanda per ragazze“, una raccolta di racconti con come fil rouge il mondo dei fiori, ogni racconto ha infatti nel titolo il nome di un fiore, scritti, in un periodo di forzata immobilità da Louisa May Alcott.

A volte anche ai libri tocca di fare tagliando e revisione e nei giorni scorsi questo è toccato proprio a “Una ghirlanda per ragazze” di Louisa May Alcott che, a poco meno di tre anni dalla sua prima edizione, è stata riveduta da cima a fondo, corretta e abbellita.
Questo processo di revisione è stato reso necessario anche per un’altra ragione ma questo ve lo faccio annunciare dalle parole del comunicato della casa editrice.

A questa notizia vogliamo aggiungere anche una piccola anticipazione, una collaborazione di cui siamo molto felici: la nostra “ghirlanda“, infatti, farà parte della bella collana di classici della letteratura “Storie senza tempo” pubblicata da RBA.

Copertina della seconda edizione di "Una ghirlanda per ragazze"State quindi pronti e non lasciatevi sfuggire la possibilità di acquistare la vostra copia di “Una ghirlanda per ragazze” di Louisa May Alcott anche nella bella veste editoriale della collana “Storie senza tempo” targata RBA.

Sono più emozionato di un bambino il giorno della Prima Comunione per questa cosa! Ancora non ci credo! Devo ringraziare nuovamente e dal profondo del cuore la casa editrice flower-ed per l’opportunità di svolgere un lavoro tanto affascinante e ricco di soddisfazioni che mi ha offerto e mi continua ad offrire.

Non appena avrò conferma della data precisa di uscita, orientativamente già la so ma voglio la conferma finale e definitiva prima di comunicarvela, vi avviserò via Social Network. Sapete quanto io sia appassionato di spammeggiare notizie, specie se mi riguardano! 🙂

Ricordo infine che, così come per la prima edizione, anche questa seconda edizione di “Una ghirlanda per ragazze” di Louisa May Alcott sarà disponibile sia in formato cartaceo che ebook.

Grazie infinite per la pazienza e l’attenzione che una volta ancora avete voluto dedicarmi e arrivederci alla prossima occasione!

Buona serata e, come sempre, Buona lettura!

Con simpatia! 🙂

Copertina della seconda edizione di "Una ghirlanda per ragazze"

 

Voci precedenti più vecchie

Counselling and Supervision with soul

Counselling and Supervision the way you want it

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

Mille Splendidi Libri e non solo

"Un libro deve essere un'ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi"

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

TRA FEDE E NATURA

Riscoprire Maria ci aiuta ad andare avanti da cristiani e a conoscere il Figlio. BXVI

JOSEPH RATZINGER :B16 e G.GÄNSWEIN

UNA RISPOSTA QUOTIDIANA AL TENTATIVO DI SMANTELLAMENTO DELLA VERA CHIESA !

ROMANCE E ALTRI RIMEDI

di Mara Marinucci

Iris e Periplo Review

Tutte le mie recensioni

Leggendo a Bari

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri”

Viviana Rizzo

Aspirante scrittrice di cronache nascoste

La lepre e il cerchio

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

erigibbi

recensioni libri, rubriche libresche e book news

Fall in "Books" - Lettrice and much more

Leggo, preparo dolci e mi innamoro del mondo